Parigi

Parigi.com

I vini francesi più costosi


La cucina e i vini francesi sono famosi in tutto il mondo, non si può negare. E mentre la maggior parte di noi si accontenta di ordinare il rosso della casa in un caffè parigino, sapendo che sarà comunque migliore della maggior parte delle bottiglie che si possono comprare a casa, alcune persone hanno gusti più particolari. Se siete tra queste persone e avete un conto in banca all'altezza, ecco i vini francesi più costosi del mondo.



Quando si parla dei vini francesi più costosi del mondo, bisogna innanzitutto fare una distinzione tra le singole e specifiche bottiglie vendute alle aste e quelle che sono disponibili al dettaglio per la gente normale (beh, almeno se per “normale” si intende che si hanno mille euro da spendere per una bottiglia di vino). Per prima cosa tratterò quelle vendute all'asta, ma se state risparmiando per una bottiglia di vino speciale, di cui vantarvi per il resto della vostra vita, continuate a leggere, perché alla fine di questo articolo tratterò i vini francesi più costosi che i comuni mortali (anche se ricchi mortali) possono effettivamente acquistare.

Curiosità: accettando un pizzico di letteratura che strizzi l'occhio alle vacanze, parte di questi termini figura nel libro di pubblico dominio Confessioni di un Italiano di Ippolito Nievo, nella seguente frase:

"Ammazzavano i polli per mangiarli in casa del prete e bere del suo vino; del resto tutto finiva lì, e se gli abati erano gente della legge, con un cicino di disinvoltura e una patina politica finivamo col separarci ottimi amici", che potrebbe far sorridere chi gradisce la commistione di viaggi e cultura.
Maggiori dettagli e altre frasi: Frasi viaggio: resto, casa, gente, vino, disinvoltura, legge.

La bottiglia di vino francese più costosa di tutti i tempi è stata venduta all'asta di Christie's nel 1985 per circa 160.000 dollari: si trattava di uno Château Lafite del 1787, acquistato da Christopher Forbes, che pare provenisse dalla collezione privata di Thomas Jefferson. Il triste epilogo di questa storia è che, dopo l'acquisto, Forbes fece esporre il vino e le condizioni in cui fu esposto causarono la caduta del tappo dalla bottiglia. Il vino perse completamente il suo valore e dovette essere gettato via con la spazzatura. Mi piace pensare che questa sia la giusta punizione per chi mette il vino in mostra invece di berlo, a prescindere dal suo costo.

Per quanto possa valere, lo Château Lafite detiene il record non solo della bottiglia di vino francese più costosa, ma anche della bottiglia di vino più costosa mai venduta - punto e basta - secondo i signori del Guinness dei primati.

Un'altra bottiglia associata a Jefferson è elencata come il vino bianco più costoso mai venduto, ed è un altro vino francese: si tratta di un Sauternes del 1787 di Château Yquem, ed è stato acquistato da uno sconosciuto acquirente americano dalla Antique Wine Company di Londra nel 2006 per circa 100.000 dollari. Il vino, benché storico, è probabilmente imbevibile, quindi anch'esso sarà probabilmente esposto da qualche parte.

Dietro le bottiglie da record della collezione di Jefferson, l'annata 1945 di Mouton Rothschild è elencata come l'annata più costosa. Nel settembre 2006, sei bottiglie magnum sono state vendute all'asta per 345.000 dollari, mentre 12 bottiglie di dimensioni normali sono state vendute a 290.000 dollari: il valore di una singola bottiglia di Château Mouton Rothschild del 1945 è quindi di circa 28.750 dollari. Si tratta di una cifra addirittura superiore a quella della bottiglia di champagne più costosa mai venduta, che ha superato (sempre all'asta) i 17.600 dollari.



L'aspetto interessante di questi vini, venduti all'asta per migliaia e migliaia di dollari, è che le cantine che li hanno prodotti esistono ancora oggi, ma i loro nomi non sono quelli in cima alla lista dei vini francesi più costosi che si possono acquistare. L'azienda che produce il vino francese più costoso oggi dipende dalla lista che si sta consultando, perché le prime due tendono ad essere in testa alla classifica e possono scambiarsi di posto a seconda dell'anno.

La maggior parte dei rapporti indica che il Domaine de la Romanée-Conti produce oggi i vini più costosi, con bottiglie singole che possono raggiungere i 3.000 dollari o più. Romanée-Conti ha sede nella regione della Borgogna e produce sia vini rossi che bianchi, anche se sono i vini rossi ad avere prezzi così elevati. Una bottiglia di Romanée-Conti rosso dell'annata 1978 è stata venduta a 24.000 dollari. L'azienda produce solo 400-500 bottiglie all'anno, quindi anche se questo è tecnicamente uno di quei vini alla portata di alcuni spendaccioni, sarà comunque difficile trovarne una in vendita. La buona notizia è che se vi capita di trovarne una, potete davvero berla, a differenza delle bottiglie di oltre 200 anni di cui sopra.

Dopo il Romanée-Conti, i vini di Château Pétrus, un'azienda vinicola di Bordeaux che produce vini che costano almeno 1.000 dollari a bottiglia (e più spesso hanno un prezzo di oltre 1.500 dollari), si piazzano al secondo posto nella maggior parte delle liste. Rispetto agli altri vini che ho già trattato, questo sembra essere un vero e proprio affare!

Il Pétrus è l'unico vino di questa lista a cui la mia lingua si è avvicinata, e devo ringraziare mio cugino francese per questo. No, non mi ha comprato una bottiglia. Ha invece comprato una bella casa colonica francese dove andare in pensione appena fuori St. Emilion, non lontano dal vigneto di Pétrus. Diversi anni fa, in occasione di una mia visita, mi ha portato a fare un tour in auto dei molti vigneti famosi della regione di Bordeaux, e Pétrus era uno di questi, nonostante il fatto che non ci sia alcun cartello che indichi che si tratti effettivamente di Pétrus, e di certo non c'è una sala di degustazione.

Sono stato lì all'inizio di settembre, prima della vendemmia di quell'anno, ma dopo che avevano passato in rassegna i filari per tagliare selettivamente alcuni grappoli qua e là (concentrando così ancora di più il sapore delle uve rimaste). Abbiamo raccolto da terra un paio di grappoli scartati e li abbiamo portati a casa di mia cugina per farne uno spuntino. Sapevano sicuramente di vino, ma non sono sicuro che sapessero di vino da 1.500 dollari...

Pschitt: la bevanda francese dalla pronuncia divertente


Avete presente quando a volte non si riesce a trattenere una risata, anche quando si sa di essere gli unici a pensare che qualcosa sia divertente? Per chi studia la lingua francese e ha scoperto una delle bevande analcoliche più antiche di Francia, questo è un momento inevitabile: quando ci si rende conto che la "p" nella parola "Pschitt" (nome di una bevanda analcolica frizzante francese) è, in realtà, muta.

Proprio così, gente, quella bottiglia di soda dolce-limonata vi sta urlando quella che sembra una parolaccia. Lo sta facendo davvero: c'è persino un punto esclamativo alla fine. Ed è solo un drink!

Le bevande Pschitt (sto ridendo anche mentre lo scrivo) risalgono alla metà degli anni Cinquanta. Sono state introdotte da Perrier e il nome dovrebbe essere l'equivalente approssimativo del suono che fa una bottiglia di una bevanda gassata quando la si apre. In inglese, potremmo scrivere quel suono come qualcosa di più simile a "pfffft", ma probabilmente perché se scrivessimo o dicessimo "pschitt" rischieremmo di lavarci la bocca con il sapone.  Continua... Pschitt: la bevanda francese dalla pronuncia divertente


Altri interessanti articoli del sito correlati:

Pranzare e cenare a Parigi da soli
12 cose da sapere prima di visitare Parigi
A Parigi una questione di cibo francese
Cucina e buongustai a Parigi
Un turismo diverso con tour gastronomici di Parigi
Museo Rodin
Bandiera francese: storia, colori e curiosità
Cioccolata che sembra oro massiccio all'aereoporto CDG


Visitare Parigi


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti