Parigi

Parigi.com

L'immensa, meravigliosa Versailles di Luigi XIV


Non importa quante volte visitiamo il Castello di Versailles, rimango sempre sbalordita dalla mole di questo palazzo, dimora del più illustre re di Francia, il "Re Sole" Luigi XIV. Egli abbandonò il suo palazzo a Parigi - il Louvre e il vicino Palais Royal - per vivere a tempo pieno a Versailles nel 1682 e non si guardò mai indietro. A sole 12 miglia di distanza, Parigi poteva essere dall'altra parte di due oceani, per quanto gliene importasse.



Dire che Versailles è grande sarebbe l'eufemismo del millennio. Quella che era nata come una modesta residenza di caccia utilizzata dal padre di Luigi XIII, si è evoluta in un complesso di parchi a tema che comprende giardini formali, canali, riserve di caccia, uno zoo, labirinti, su una superficie di 19.262 acri. Se si considera che il parco di Versailles era più grande della città di Parigi o dell'isola di Manhattan, si comincia a capire cosa intendo per "grande". La sua costruzione gli costò almeno 2 miliardi di euro in termini attuali e il costo del restauro e della manutenzione di questo colosso è stato un affare continuo negli ultimi trecento anni.

Chiamatela la Sim City del re, il Club Med o la Love Boat definitiva, Versailles era in realtà la più sontuosa delle prigioni, dove indipendentemente dal vostro status, dal più basso dei servi al più alto dei nobili, nessuno era libero di uscire senza il permesso del re. A meno che non si trattasse di un turista. Fin dai primi tempi, il "pubblico" aveva un sorprendente accesso gratuito alle sale del castello. I popolani dovevano solo affittare un cappotto e una spada al cancello d'ingresso per poter attraversare i giardini. Poi, magari, potevano rompere un impianto idraulico qua e là nel castello o fare la pipì in una delle trombe delle scale.

In ogni momento, 5000 nobili soggiornavano qui, 7000 servi lavoravano qui in cambio di vitto e alloggio, 4000 guardie svizzere e francesi pattugliavano a piedi e 4000 guardie a cavallo si aggiungevano per buona misura. Settecento cavalli erano alloggiati nelle scuderie reali (e altri ancora arrivarono con i successori di re Luigi).

Con tutte queste premesse e iperboli, è facile capire perché Versailles sia uno dei palazzi più visitati in Francia e nel mondo. Ma può anche essere una delusione. Con questo intendo dire che Louis non c'è.
Per alcuni lettori, questo potrebbe non essere una sorpresa. Dopo tutto, ha avuto una buona carriera di 72 anni, ma è morto nel 1715. Quando dico che Luigi non c'è, lo spirito di Luigi non c'è - o sicuramente non è evidente, a meno che non abbiate fatto i compiti a casa. Per tutta la bellezza delle sale del palazzo, che culminano nella splendida Sala degli Specchi, si ha la sensazione di camminare in un guscio di tartaruga. Nel frattempo la tartaruga vera e propria è strisciata via nel bosco.

Ecco perché vi suggerisco quanto segue:



Leggere il più possibile sulla vita di corte di Luigi XIV prima di visitare la reggia. Più conoscerete la vita quotidiana di coloro che abitavano questi lussuosi saloni, più ne coglierete la grandezza.

Concedetevi tutto il tempo necessario per assorbire l'atmosfera del palazzo arrivando molto presto. Se non potete arrivare presto, optate per una visita nel tardo pomeriggio e godetevi i giardini senza la folla. I giardini sono aperti per tutta la stagione autunnale e invernale e possono essere estremamente piacevoli in una frizzante giornata invernale.

Curiosità: accettando un pizzico di letteratura che strizzi l'occhio alle vacanze, parte di questi termini figura nel libro di pubblico dominio Marocco, nella seguente frase:

"Sono messi del Sultano, messi del primo ministro, messi del gran cerimoniere, messi del Governatore di Fez, ufficiali, maggiordomi, negozianti, patenti de’ mori della carovana, tutta gente ben vestita, linda, cerimoniosa, circonfusa dell’aura della corte e della metropoli, che parla con voce grave e gesti maestosi dell’esercito formidabile, della folla immensa, del palazzo delizioso che ci aspetta", che potrebbe far sorridere chi gradisce la commistione di viaggi e cultura.


Iscrivetevi a una visita guidata o all'eccellente audio tour (che vi permetterà di visitare gli appartamenti privati).

Prevedete almeno un'ora di tempo per passeggiare nei giardini (se arrivate la mattina presto). Per la prima visita a Versailles, saltate i palazzi più piccoli, il Petit e il Grand Trianon, ma cercate la casa di campagna e il giardino di Maria Antonietta "Le Hameau" (entrambi i palazzi meritano una giornata di visita a parte. È troppo impegnativo visitare il castello principale e i Trianon in un solo giorno).

Altri articoli del sito correlati, in special modo della sezione Visitare Parigi:

Versailles
5 luoghi storici da visitare in Francia
Esplorare Yvelines nel nord della Francia
Trascorrere Halloween a La Barben
Il palazzo che Luigi XIV desiderava: Vaux-Le-Vicomte


Visitare Parigi


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti