Parigi

Parigi.com

Impressionisti e puritani: Manet, Monet, Renoir e Morisot


Semplicemente scioccante. Questa fu la reazione quando il dipinto di Edouard Manet “Dejeuner sur l'Herbe” (Pranzo sull'erba) fu presentato per la prima volta al Salon des Refuses nel 1863.



Il dipinto rifletteva in qualche modo il ritrovato tempo libero della società parigina del Secondo Impero nell'ultima metà del XIX secolo.

Ciò che inorridì la maggior parte degli spettatori di questa scena di picnic in riva alla Senna non fu esattamente l'apparizione di donne nude. A differenza delle rappresentazioni di frivolezza pastorale dei pittori del passato, piuttosto che di divinità e dee classiche, si trattava di donne contemporanee non vestite accompagnate da uomini vestiti.

Manet aveva attraversato una barriera non dichiarata dal mondo etereo e sfocato del romanticismo alla realtà in carne e ossa, che sarebbe stata considerata “oscena” da alcuni dei suoi contemporanei.

Per questi critici non faceva molta differenza che il Dejeuner sur L'Herbe fosse simile nella composizione a opere di grandi artisti del passato come Georgione o il Concerto pastorale di Tiziano. Lo sguardo di sfida di uno dei partecipanti al picnic, che scruta il quadro con uno sguardo quasi di scherno, era la ciliegina sulla torta.

Ma Manet e i suoi contemporanei impressionisti erano così scatenati come i festaioli del fine settimana ritratti sulle loro tele, oppure il pubblico di Manet era forse più prudente e conservatore? Il dipinto vero e proprio di “Pranzo sull'erba” fu realizzato a casa, nello studio di Manet, con modelli che aveva già utilizzato per dipinti precedenti e con membri della famiglia. Sebbene possa essere stato ispirato dai bagordi che si tenevano non lontano dalla sua casa, non è detto che si sia unito alle feste selvagge per bere un sorso di vino con il pennello in mano.

Curiosità: accettando un pizzico di letteratura che strizzi l'occhio alle vacanze, parte di questi termini figura nel libro di pubblico dominio L'Olimpia, nella seguente frase:

"Tu devi avertire che Sennia è vecchia prattica delle cose del mondo, e queste cose le devono esser passate piú volte per le mani: so che non passerá una settimana che se n'accorgeranno le fanti, la famiglia e tutta la casa", che potrebbe far sorridere chi gradisce la commistione di viaggi e cultura.


Lo scrittore Julian More, ad esempio, racconta come la vicinanza dell'artista alla Senna abbia creato l'ispirazione per uno dei dipinti più importanti della “rivoluzione impressionista”.



La casa di famiglia di Manet era una tenuta di sessanta acri situata a Gennevilliers (nella periferia nord-occidentale di Parigi). L'autore More descrive la preoccupazione di Manet, nonostante le sue idee politiche radicali, per il crescente numero di turisti amanti del divertimento e dei tappi di sughero che avrebbero potuto violare la privacy della sua tenuta familiare. Tuttavia, questo non gli impedì di meravigliarsi delle donne cavalleresche conosciute come “grenouilles” o “frogges”, che potrebbero aver influenzato la sua immaginazione artistica. Erano le lavandaie e le commesse del fine settimana che non esitavano a spogliarsi per fare il bagno nella Senna.

Allo stesso modo, un altro personaggio degno di nota è stato l'imperatore Napoleone III. Era possibile che cose del genere potessero accadere proprio alla periferia di Parigi? Forse per smentire il suo orrore e placare la sua curiosità, l'imperatore decise di visitare La Grenouillere (La rana), un noto ristorante e luogo di balneazione. Sorprendentemente, non c'era nemmeno una “grenouille” in vista.

Un'altra teoria riguardante il famoso dipinto “Dejeuner sur L'Herbe” è la possibilità che Manet intendesse attirare l'attenzione su un altro luogo noto per comportamenti illeciti e prostituzione: il Bois de Boulogne.

Negli anni Sessanta e Settanta dell'Ottocento, oltre un centinaio di “guinguettes”, ovvero di ristoranti in stile “birreria” lungo le rive del fiume, costeggiavano la Senna. Molte scene tratte da famosi dipinti impressionisti riproducono l'atmosfera di divertimento, vino a fiumi, balli e risate, che costituivano una gradita pausa dalla routine feriale delle lunghe ore di lavoro a Parigi.

L'autore Julian More cita anche Monet, Renoir e Berthe Morisot. Erano attratti dal richiamo delle sirene delle feste del fine settimana? Se Renoir e Monet si lasciarono travolgere dal divertimento, le loro tele offrono solo spunti, secondo il poeta Mallarme, “la pittura non è la cosa, ma l'effetto che crea”.

More ci ricorda che Berthe Morisot probabilmente non è mai arrivata ai famosi ristoranti di guinguette se ha seguito il consiglio di sua madre: “Ci vai da sola, ma torni almeno in due”.
Non era un posto per “donne rispettabili”.

Oggi è ancora possibile andare alle guinguettes la domenica, appena fuori Parigi, in cittadine come Joinville-le-Pont (Chez Gegenne è una delle più note). Si può ballare al ritmo della musica tradizionale francese con fisarmonica e gustare un piatto di pesce di fondale fritto. Non c'è nulla di molto audace in tutto questo: non vorrete mica provare a nuotare nella Senna! Tuttavia, non c'è posto migliore per trascorrere un soleggiato pomeriggio estivo, lontano dagli ingorghi parigini e dagli autobus turistici.

Vedere l'originale del dipinto “Dejeuner Sur L'Herbe

Il dipinto originale è esposto al Museo d'Orsay.
Chiuso il lunedì.

Durante la nostra ultima visita, il “Dejeuner Sur L'Herbe” di Manet è stato spostato al piano terra (prima si trovava al terzo piano con la maggior parte delle opere impressioniste). Il “Dejeuner sur L'Herbe” si trovava a sinistra della sala principale (quasi alla fine delle mini-gallerie di sinistra).

Altri articoli del sito correlati, in special modo della sezione Visitare Parigi:

Casa di Victor Hugo, Parigi
Maison de Balzac
Cimiteri di Parigi da visitare
Museo dell'Orangerie di Parigi, nel nome di Monet
Île-de-France


Visitare Parigi


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti