Parigi

Parigi.com

Vendemmia francese per i migliori vini


Sì, a Parigi si beve molto vino e ogni tanto mi sento umiliato. Ancora una volta mi viene in mente tutto il sangue, il sudore e le lacrime che servono per produrre un vino da agricoltura biologica. Forse questo è uno dei motivi per cui il vino è così spesso associato ai rituali religiosi, ma troppo spesso nella vita quotidiana diamo questa bevanda per scontata.



Forse perché - nelle ultime due settimane, la dieta parigina non mi ha permesso di bere una goccia di ambrosia - l'immagine di Kristin Espinasse e della sua squadra nei campi francesi, attaccati da moscerini e rovi per portare la vendemmia, è particolarmente toccante. In tutta la Francia si sta ripetendo la stessa scena e presto quell'uva sarà trasformata in un liquido delizioso che alla fine arriverà a Parigi e sulla nostra tavola.

Per coloro che non sono intenditori di vino, non c'è motivo di essere intimiditi nell'ordinare vino quando si viene a Parigi. La verità è che anche molti francesi non sono intenditori, tuttavia qualsiasi uomo o donna francese è in grado di fiutare una bottiglia scadente a un miglio di distanza. L'espressione è "ca sent du bouchon" o "puzza di tappo". Passate la bottiglia sotto il naso di una cameriera e ve ne accorgerete subito.

Curiosità: accettando un pizzico di letteratura che strizzi l'occhio alle vacanze, parte di questi termini figura nel libro di pubblico dominio Sodoma e Gomorra, nella seguente frase:

"Essi insegnavano che ogni donna è obbligata a prestarsi alla concupiscenza di qualunque uomo, e che tutti gli uomini sono del pari tenuti a soddisfare qualunque donna", che potrebbe far sorridere chi gradisce la commistione di viaggi e cultura.


Se ordinate del vino, chiedete al sommelier o al cameriere (se siete in un bistrot) quale tipo di vino si abbina meglio al vostro piatto. Di solito sono più che felici di offrire un suggerimento. Molti bistrot offrono oggi vini al bicchiere.

Ecco alcuni consigli (tenendo presente che non sono un esperto di vini, ma solo un felice partecipante).
I grandi vini bordolesi sono solitamente riservati ai piatti principali, in particolare a quelli a base di carne, come il manzo o i piatti a base di lampone.

Il primo piatto, se si tratta di pesce o di frutti di mare, potrebbe essere meglio completato con uno chablis, un muscadet o un riesling alsaziano (anche la choucroute, cioè i crauti, è uno dei vini alsaziani preferiti).



I formaggi possono essere difficili da abbinare: dipende dalla qualità pungente del formaggio, ad esempio un Rocquefort può essere sorprendentemente adatto a un vino bianco, ma di solito il piatto di formaggi viene servito con vini della Borgogna (o alcuni Bordeaux).

Il Sauternes può accompagnare molti dessert (soprattutto le torte al cioccolato!) e allo stesso modo un antipasto di foie gras può essere servito con un Loupiac o un Coteaux de Layon semi-dolce.

Non bevete il vino con l'insalata se questa ha un condimento vinaigrato particolarmente forte (in questo modo si conserva più vino per la portata principale, se ci si può permettere solo un bicchiere o una bottiglia).

Se volete saperne di più sul vino, potete visitare il Museo del Vino di Parigi.

Siete interessati a fare una gita di un giorno nella regione vinicola di Bordeaux? Ora è più facile che mai con il treno TGV diretto Parigi-Bordeaux che parte dalla stazione ferroviaria di Montparnasse. Prenotate un tour del vino con almeno una settimana di anticipo presso l'ufficio del turismo di Bordeaux, situato nel centro di Bordeaux (hanno una filiale alla stazione ferroviaria di Bordeaux).

Per quanto riguarda il vino di Kristin Espinasse, potete "degustare" o assaggiare il frutto del lavoro suo e di suo marito (e di tutti i loro amici e colleghi) sia a Parigi sia, magari - avendone la possibilità - negli Stati Uniti, a Portland, o New York City.

Devo ancora provare l'etichetta del Domaine Rouge-Bleu, ma quando lo farò brinderò a tutti gli operosi vendemmiatori francesi che meritano un caloroso "bravo!".

Musee du Vin/Museo del Vino
5, Square Charles Dickens, Passy-Auteuil.
Metro: Passy.
Tel 01 45 25 63 26.
Aperto: Martedì - Domenica.
Orari: dalle 10.00 alle 18.00.
Chiuso il lunedì.

Il museo dispone anche di un piccolo ristorante dove è possibile degustare il vino della casa. Ospitato in un'ex abbazia, il museo ripercorre la storia della produzione del vino in Francia.

Altri articoli del sito correlati, in special modo della sezione Visitare Parigi:

Museo d'Orsay
Bordeaux
Colmar
Buoni motivi per andare a Parigi
Tours


Visitare Parigi


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti