Parigi

Parigi.com

Notte dei Musei


Ogni anno la Notte dei Musei (Nuit des Musées) diventa sempre più bella. Se riuscite a coordinare una visita a Parigi con la Notte dei Musei, che si svolge ogni anno a metà maggio, vi aspetta una bella sorpresa. La notte dei musei inizia alle 18.00. Alcuni musei chiudono già alle 21.00 o alle 22.00, mentre altri restano aperti fino all'una di notte.



Abbiamo aspettato fino all'ultimo minuto per decidere quali musei visitare. Con oltre sessanta musei che partecipano all'interno della città di Parigi, si può immaginare che la scelta non sia stata facile.

La scelta si è ristretta a tre musei: il Museo dell'Esercito a Les Invalides, il Grand Palais e il Petit Palais.

Musée de l'Armée (Museo dell'Esercito)

A convincermi è stato il concerto dei trombettieri del Museo dell'Esercito nel Grand Salon, seguito dalla parata di cavalleria della Guardia Nazionale. Se non avete ancora visitato Les Invalides e la Tomba di Napoleone, scoprirete che l'adiacente Museo dell'Esercito (Musée de l'Armée) è una costruzione colossale che (a mio parere) rivaleggia con il Louvre.

Curiosità: accettando un pizzico di letteratura che strizzi l'occhio alle vacanze, parte di questi termini figura nel libro di pubblico dominio Confessioni di un Italiano di Ippolito Nievo, nella seguente frase:

"Il mistico Alessandro chiamò all'armi la santa Russia, oppose alla guerra dell'ambizione la guerra del popolo; e quella miserabile cavalleria dei Cosacchi, come la chiamava Napoleone, fu il flagello e lo sgomento dell'invincibile esercito", che potrebbe far sorridere chi gradisce la commistione di viaggi e cultura.
Maggiori dettagli e altre frasi: Frasi viaggio: napoleone, popolo, sgomento, guerra.

Mentre il Louvre, con il suo arredamento ornato, simboleggia la Francia "a suo agio", Les Invalides mantiene le linee rigorose e l'armonia che creano un insieme imponente ma piacevole.

Commissionato da Luigi XIV nel 1670, Liberal Bruant fu l'architetto responsabile della parte di questo edificio che serviva da ospedale per i veterani di guerra. Mansart costruì la struttura a cupola dorata che oggi ospita la tomba di Napoleone.

Il cortile interno o piazza d'armi del Museo dell'Esercito, fiancheggiato da cannoni, ha una simmetria che i fanatici dell'ordine adoreranno.

Nascosto nel piano superiore, presiede il Grand Salon, un discreto santuario di grandezza in un contesto altrimenti spartano.

Siamo arrivati poco prima delle 19.00 per il concerto dei trombettieri e siamo stati respinti all'ingresso. Non eravamo soli: una trentina o quarantina di persone, arrivate troppo tardi per trovare un posto a sedere, si aggirava in attesa di sentire i primi rintocchi del concerto dei trombettieri. Nel frattempo, un temporale primaverile si abbatteva sul cortile acciottolato, mentre noi restavamo ben riparati sotto le arcate.

Non c'è da sbagliarsi. Questo concerto di trombettieri non era all'altezza dell'ultima registrazione del trombettista Landfrey per la Carica della Brigata Leggera. Ricorderete quella battaglia come una delle poche in cui francesi, inglesi e turchi combatterono fianco a fianco contro i russi.

Se eravate tra coloro che sono stati sorpresi dall'acquazzone, non potevate essere più scoraggiati della cavalleria della Guardia Nazionale. Ma questi coraggiosi sono arrivati in piena regalia e noi eravamo lì per immortalare il loro arrivo.



Se decidete di visitare il Museo della Guerra, potete scegliere una delle due fermate della metropolitana: Invalides o Varenne. Varenne vi metterà più vicini al lato che si affaccia sulla Tomba di Napoleone (e, incidentalmente, al Musee Rodin). La fermata Invalides si trova tra il ponte di Pont Alexandre e il lato del Museo della Guerra dell'enorme complesso di Invalides. In ogni caso, prevedete di camminare per un po' dall'uscita della metropolitana all'ingresso principale del museo.

Grand Palais

Da Les Invalides è possibile raggiungere a piedi il Grand Palais e il Petit Palais, situati al di là del ponte Alexandre, sulla riva destra di Parigi. Potete prendere la metropolitana alle fermate Invalides o Varennes e andare fino agli Champs Elysees. Se è una bella giornata, risparmiate 1,50 euro e attraversate il ponte a piedi fino ai due Palais che si fronteggiano.

Forse avrete letto che il Grand Palais e il Petit Palais sono stati sottoposti a un vasto lavoro di restauro. In origine questi edifici dovevano essere solo "strutture temporanee" per l'esposizione parigina della Belle Epoque. Sono più di cento anni che resistono alla prova del tempo, con molte cure. L'enorme cupola di vetro del Grand Palais ha dovuto essere completamente rinnovata. Allo stesso modo, il Petit Palais ha finalmente ricevuto le attenzioni che merita, diventando uno dei luoghi più piacevoli del quartiere.

Il Grand Palais è aperto solo per mostre temporanee. Attualmente le lastre monolitiche in stile 2001 Odissea nello spazio dello scultore americano Serra dominano il Grand Palais. Anche se la Notte dei Musei è gratuita, abbiamo dovuto pagare 4 euro per questo spettacolo, che valeva sicuramente la pena di visitare insieme alla mostra e al concerto. La mostra di Maria Antonietta è esposta in un'altra sezione del Grand Palais; ci siamo soffermati così a lungo alla mostra di Serra che non siamo riusciti a vederla. Tuttavia, se uno dei vostri obiettivi nel visitare il Grand Palais è vedere la nuova cupola di vetro, dovrete assicurarvi di entrare dall'ingresso principale. I biglietti per i due spettacoli sono venduti separatamente.

Anche se non ci fosse assolutamente nulla nel Grand Palais, varrebbe comunque la pena di entrare solo per ammirare la struttura in vetro e la sua ornata scalinata Belle Epoque. Ma c'è ancora del lavoro da fare. Ecco un avvertimento per tutti coloro che utilizzano i servizi igienici. Il cemento che precede i servizi igienici è pieno di buchi e favorisce la torsione delle caviglie. Attenzione!

Inoltre, non consiglierei lo snackbar a pagamento, troppo caro. Molto sfarzoso, ma molto mediocre, 6 euro per una zuppa di asparagi che aveva una croccantezza che poteva provenire solo dalla sabbia o dal vetro. Alle otto di sera, il bar delle concessioni aveva esaurito il cibo. Se vi viene fame, aspettate di andare dall'altra parte della strada al Petit Palais, che ha un eccellente snack e wine bar sul giardino. I prezzi sono alti (12 euro per un club sandwich), ma l'ambiente è tranquillo e rilassante.

Petit Palais

Non commettete errori. Né il Grand Palais né il Petit Palais sono palazzi. Entrambi furono costruiti come centri espositivi temporanei, ma data la propensione all'ostentazione dell'epoca, creare l'"illusione" di un palazzo era quasi come una rivisitazione della Torre Eiffel a Las Vegas. Alcuni anni fa, il Petit Palais, sede di mostre temporanee, sembrava una sorella di mezzo trascurata. Ora è sbocciata in una bellezza a tutti gli effetti.

Se non avete ancora passeggiato nel giardino a mezzaluna del Petit Palais, una ricca sporgenza di palme intervallate da iris e papaveri, vi aspetta una sorpresa. Attualmente le incisioni di Goya occupano il corridoio delle mostre temporanee, ma c'è anche una collezione permanente che merita una deviazione. Questo è sicuramente il posto giusto per una pausa pranzo o una cena di inizio serata.

Nonostante la maggior parte dei musei offra un ingresso completamente gratuito (ad eccezione, ad esempio, del costo di 4 euro per la mostra di Serra), sia al Petit Palais che al Grand Palais si sono formate code enormi. Tuttavia, la buona notizia è che queste file si sono spostate rapidamente. L'ingresso è stato concesso a un numero sufficiente di persone per consentire ai visitatori di vedere le opere d'arte senza essere schiacciati.

La Notte dei Musei è forse una delle cose migliori mai accadute nel panorama culturale francese. Anche se ho sentito parlare un po' di inglese, la maggior parte delle persone presenti all'evento era francese. Non so se i visitatori di lingua inglese non abbiano ancora sentito parlare della Notte dei Musei, o forse erano tutti al Louvre e al Museo d'Orsay. In ogni caso, se non avete ancora partecipato alla Notte dei Musei, che si svolge non solo in Francia, ma anche in numerose altre città europee, prenotate subito i biglietti per l'evento del prossimo maggio.

Trascorrere Halloween a Disneyland Paris


Forse non assocerete automaticamente la festa di Halloween a Parigi, ma se pensate di trascorrere Halloween a Disneyland Paris, la cosa potrebbe avere più senso. Disneyland Paris ha infatti deciso di dare il meglio di sé con la sua celebrazione annuale di Halloween: è l'Halloweenmosphere!

I visitatori del Resort Disney di Parigi (denominato, una volta, EuroDisney, o anche DLP dai più esperti!) potranno godere di quella che viene definita "un'esperienza di Halloween davvero unica". Personaggi con teste di zucca si aggireranno per l'intero parco (Disney li chiama "burloni", quindi attenzione!) e Frontierland sarà conosciuta come Halloweenland per quel periodo.  Continua... Trascorrere Halloween a Disneyland Paris


Altri interessanti articoli del sito correlati:

Carte sconto, Pass e vantaggi
Musee d'Orsay: da stazione ferroviaria a fantastico museo
Visita al Museo d'Orsay e al Louvre
10 cose da fare gratis a Parigi
Centro Pompidou a Parigi
Consigli per esplorare il meglio di Parigi
Grandiose escursioni da Parigi
Il Louvre, Parigi


Visitare Parigi


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti