Parigi

Parigi.com

Parchi e giardini di Parigi: arte all'aperto


In una giornata di sole perfetto a Parigi, potreste essere riluttanti a passare ore e ore a girare per i corridoi soffocanti dei musei, ma non è necessario rimanere al chiuso per ammirare i tesori artistici di Parigi. L'idea di utilizzare i giardini come sfondo per sculture insolite non è nuova. Luigi XIV si assicurava che i suoi giardini reali a Versailles avessero il numero necessario di statue e, nel caso in cui un'opera commissionata fosse stata inferiore alle sue aspettative, poteva sempre relegare la statua in un angolo lontano del giardino, lontano dalla sua passeggiata abituale.



Non è necessario spingersi fino a Versailles per ammirare giardini di sculture con stili che vanno dal classico al romantico al contemporaneo. Ecco solo alcuni dei giardini che offrono mostre di sculture permanenti e temporanee.

Le Tuileries

Metro: Tuileries, Palais Royal.

I Giardini delle Tuileries, situati proprio di fronte al Louvre e al Museo d'Orsay, sono un modo meraviglioso per interrompere le visite ai musei e continuare ad assorbire l'arte all'aperto. Che si tratti di nudi di Maillol e Henry Moore che emergono da siepi geometriche come sirene che galleggiano su un mare matematicamente calcolato o della temporanea e inspiegabile apparizione di una mostruosa tarantola metallica, i giardini di Parigi sono sempre pieni di sorprese. Meno sconvolgenti sono i personaggi classici, facili da vedere, della mitologia greca e romana, come Diana la cacciatrice, che immancabilmente finisce con il suo arco e le sue frecce in molti parchi tradizionali francesi, tra cui le Tuileries.

Un tempo giardino del palazzo reale, le Tuileries sono oggi aperte al pubblico, gratuitamente, dall'alba al tramonto.

Curiosità: accettando un pizzico di letteratura che strizzi l'occhio alle vacanze, parte di questi termini figura nel libro di pubblico dominio Storia di un'anima, nella seguente frase:

"E di nuovo un saluto! II Dopo che abbiamo chiacchierato tanto, vi parrebbe tempo, o signori, di fare una passeggiatina? Vi sono torrenti scroscianti che c'invitano, freschissimi castagneti, gruppi di frassini, pendii, scese, scaglioncini da giardino inglese, frane dirotte, ciclami nicchiati sotto ai massi stillanti, stradoni e stradette mulattiere, ponti altissimi e plance traballanti, paesotti, manifatture e castella e storiche memorie: di lontano sempre i sommi deserti delle Alpi", che potrebbe far sorridere chi gradisce la commistione di viaggi e cultura.


Giardini del Lussemburgo

Metro: Notre Dame-des-Champs, Luxembourg, Vavin.

Come le Tuileries, anche i Giardini del Lussemburgo (Jardin du Luxembourg) hanno la loro parte di statue permanenti, tra cui alcune regine ed eroine assortite della storia francese, ma negli ultimi anni i giardini hanno fatto da sfondo ad alcuni esperimenti audaci. Nel 2007, quelle stesse regine francesi sono state temporaneamente avvolte in abiti contemporanei. La pietra grigia ha lasciato il posto a rossi brillanti e a una serie di strane gabbie. Preparatevi a essere colti di sorpresa a ogni angolo del Lussemburgo. Un anno, un filo è stato teso attraverso la fontana dei Medici. All'inizio sembrava un lavoro di restauro, finché non si è intravista la scultura di un teschio. Il gotico del XXI secolo incontra i Medici?

All'inizio di quest'anno, un busto d'oro scintillante intitolato "Il Profeta" ha fatto da sentinella a sinistra del laghetto riflettente principale del giardino. Oltre alle sculture temporanee, il conservatorio di Lussemburgo (l'edificio dove vengono conservate le piante tropicali durante la stagione invernale) ospita anche mostre eclettiche (come la coltivazione delle mele). Potreste anche essere così ispirati da voler fare un salto al Musee du Luxembourg per una delle sue mostre temporanee di grande impatto.

Giardini del Palais Royal

Metro: Palais Royal.

A pochi passi dalle Tuileries, si trovano i giardini del Palais Royal, nascosti dietro i portici di Rue de Rivoli. Anche in questo caso, si tratta di un giardino tradizionale, arricchito da opere d'arte contemporanea, tra cui le sculture cilindriche a più livelli di Buren (che sono diventate il luogo preferito dai bambini per esercitarsi a saltare).



Rivoluzionario o rivoltante? Qualunque sia la vostra prima reazione alla giustapposizione di tradizione e contemporaneità, tanto vale abituarsi. I parigini amano scuotere la tradizione. È proprio il caso di trovare questo contrasto nei giardini in cui i fondatori della rivoluzione francese elaborarono i loro piani. Sebbene non esistano più i caffè originali in cui Diderot, Robespierre e persino un giovane Napoleone si intrattenevano per una partita a scacchi, l'odierna enclave pacifica che abbraccia il vecchio e il nuovo può darvi ampi spunti per la vostra trasformazione personale.

Parco di Bercy

Metro: Bercy.

Stravagante. È l'unico modo per descrivere la scultura colorata che illumina le vaste distese del parco di Bercy. Partendo dalla Cinematheque (51 Rue Bercy), attraversate il parco e dirigetevi verso le alture. È lì che si trova il giardino delle sculture, pieno di personaggi che guardano il campo dei bagnanti.

Mi piace la prospettiva di questo parco che sembra non avere un inizio e una fine chiari. Ha solo dei livelli: alto e basso. Se avete un po' di "voyeur" in voi, scegliete il piano più alto, camminate lungo la passeggiata e osservate le panchine che si rilassano sotto gli alberi frondosi.

Giardino Rodin

Metro: Varenne.

Sebbene sia l'unico giardino di questa lista in cui dovrete pagare un biglietto d'ingresso (il biglietto d'ingresso comprende l'accesso al museo e ai giardini circostanti), è comunque il giardino ideale per ammirare la grande arte e stare all'aria aperta. Come reagiremmo al "Pensatore" se lo guardassimo accovacciato in meditazione e circondato da pareti bianche? Troveremmo la sua situazione simile a quella di un prigioniero? Un'opera d'arte assume una nuova vita quando vive all'esterno? Naturalmente queste sono tutte domande che egli potrebbe porsi, oppure, più semplicemente, è giunto il momento di alzarsi e uscire dalla pioggia?

Il giardino della chiesa di St. Germain-des-Prés

Situato a sinistra dell'ingresso principale della chiesa.
Metro: St. Germain-des-Pres.

Parigi ha la sua parte di piazze tranquille e di solito si trova almeno una scultura che decora anche le piazze più piccole. Un ladro è stato molto felice di imbattersi nel busto di Picasso del poeta Apollinaire. Se l'è subito portato via. Che il busto attuale sia l'originale recuperato o un bel facsimile non toglie nulla al piacere di trovare un po' di Picasso in una piazza. Dopotutto, dove altro ci si aspetterebbe di trovare un cubista?

Giardino del Quai Branly

Metro: Bir Hakeim.

Dove finisce il giardino e inizia il Musee du Quai Branly? Anche in questo caso, come per Bercy, mi piace il concetto di infinito: niente muri, niente confini. L'architetto Jean Nouvel ha concepito una struttura che non sarebbe mai stata completamente separata dal suo ambiente naturale (cosa che ha cercato di fare anche con la Fondazione Cartier in Blvd. Raspail). Allo stesso modo, si potrebbe affermare che il giardino del Quai Branly è una scultura vivente che si snoda fino ai suoi tesori principali, il museo vero e proprio (dove si deve pagare un biglietto d'ingresso per proseguire).

Questi sono solo alcuni esempi di come i giardini e i parchi parigini mescolino l'arte con l'ambiente naturale.

Altri articoli del sito correlati, in special modo della sezione Visitare Parigi:

Museo del Louvre
Parigi nascosta: attrazioni poco note del centro
Museo del Quai Branly
Il Louvre, Parigi
Hotel Museo del Quai Branly


Visitare Parigi


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti