Parigi

Parigi.com

Viaggiare a Parigi con il cane o il gatto


Portare il proprio cane o gatto in Francia è molto meno fastidioso rispetto a molti altri Paesi. In effetti, la vita di un cane a Parigi può essere piuttosto lussuosa, quindi se portate il vostro cane per una vacanza di due settimane, non aspettatevi che torni volentieri.



Se state pensando di portare un animale domestico in Francia, ci sono alcuni requisiti di base: l'antirabbica per cani e gatti tra un anno e un mese prima della partenza. Dovrete inoltre portare il vostro animale a fare un controllo dal veterinario non prima di una settimana dalla partenza.

L'antirabbica

Il compito più importante è quello di sottoporre il cane o il gatto all'antirabbica. Tenete presente che se si tratta della prima vaccinazione antirabbica per il vostro animale, dovrete aspettare 21 giorni tra l'ultima vaccinazione e la partenza.

Per gli animali che hanno già fatto l'antirabbica, è necessario aggiornare le vaccinazioni. Chiedete al veterinario un certificato di vaccinazione.

Sebbene i cani e i gatti europei dispongano di un passaporto per animali da compagnia, altrove, negli Stati Uniti ad esempio, gli animali devono essere dotati di un microchip (standard ISO 11784 o allegato A ISO 11785) o di un tatoo. Se lo standard del microchip è diverso, è necessario portare con sé uno scanner per leggere il microchip. I microchip possono essere acquistati nei negozi di animali come pettravelstore.com, ma è necessario farli impiantare dal veterinario.

La Francia consente di portare fino a 3 cani o gatti, ma solo un cucciolo o un gattino di 3-6 mesi. A differenza di alcuni Paesi (ad esempio l'Indonesia) non è prevista la quarantena. Una volta ritirati l'animale e i bagagli, potete recarvi direttamente alla dogana. Tenete a disposizione i documenti necessari se ve li chiedono (le certificazioni sanitarie devono essere scritte in francese e in inglese).

Potreste essere sorpresi, come lo siamo stati noi quando abbiamo portato un gatto alla dogana, dal fatto che gli agenti doganali non si sono nemmeno preoccupati di guardare i rapporti medici. Dopo aver fatto tanti sforzi per assicurarsi di avere tutti i documenti necessari, ci hanno fatto passare direttamente. Probabilmente la parte peggiore di un viaggio con animali è passare i controlli di sicurezza (se il gatto o il cane è abbastanza piccolo da poter stare con voi in cabina).

Tenere traccia del vostro animale domestico

La maggior parte dei cani in Francia ha due forme di "tatouage" o tatuaggio. Il tatuaggio sull'orecchio fornisce tutte le informazioni necessarie per ricongiungere il cane al suo padrone, oppure il "puce" è un chip per computer che ha lo stesso scopo.



Se venite dall'Inghilterra alla Francia, tenete presente che il sistema di "tatouage" in Francia non ha necessariamente accesso immediato al sistema di tracciamento inglese. Se perdete il vostro cane, il tempo è sempre fondamentale, quindi dovrete aggiungere la registrazione del vostro cane (o gatto) nel sistema informatico francese. Una targhetta identificativa consente di sapere automaticamente che il cane non è un randagio.

I cani sono i benvenuti in molti caffè parigini e persino nei ristoranti, se ben educati. Ricordate che quando portate a spasso i vostri cani a Parigi, dovrete tenere a freno i vostri cani e raccogliere i loro bisogni (proprio come a casa).

Se doveste smarrire il vostro cane durante il viaggio, contattate la Mairie del vostro arrondissement (municipio). I cani randagi possono anche finire in un "rifugio". Se viaggiate fuori Parigi in campagna, ricordate questo trucco (per gli umani, non per i cani smarriti). Uscite verso mezzanotte e chiamate il nome del vostro cane. Questo è un ottimo consiglio, soprattutto se vi trovate in zone molto trafficate. A mezzanotte o dopo mezzanotte, il suono viaggia meglio e, se il cane si è perso, ha maggiori possibilità di sentire la vostra voce.

Curiosità: accettando un pizzico di letteratura che strizzi l'occhio alle vacanze, parte di questi termini figura nel libro di pubblico dominio Marocco, nella seguente frase:

"Per giunta, poco dopo la mezzanotte, in uno di quegli intervalli di silenzio, tuonò improvvisamente in mezzo alla campagna una voce squarciata e selvaggia che non tacque più fino all’alba", che potrebbe far sorridere chi gradisce la commistione di viaggi e cultura.


Passaporti per animali domestici

Gli animali domestici europei possono ora ottenere il passaporto. Se avete intenzione di visitare altri Paesi, in particolare l'Inghilterra, dovete sapere che alcune regole variano da Paese a Paese. Mentre è abbastanza semplice volare a Parigi con un cane, l'Inghilterra probabilmente richiederà più documentazione e sarà più rigorosa.

Per ulteriori informazioni sui viaggi con animali in Francia, è consigliabile contattare la compagnia aerea che si intende utilizzare. Sono pochissime le compagnie aeree che ammettono cani o gatti in cabina con i passeggeri. Quando abbiamo viaggiato con un gatto, Air France permetteva ancora a gatti o cani di piccola taglia di viaggiare in cabina se potevano essere riposti sotto il sedile. Dovrete comunque togliere il vostro animale dal bagaglio a mano quando passerete i controlli di sicurezza.

Quando si arriva a Parigi

Quando siete a Parigi, probabilmente vorrete portare il vostro animale domestico in alcuni parchi parigini. Il Parc Buttes Chaumont e il Parc Montsouris ammettono entrambi i cani. Questi parchi sono caratterizzati da strade tortuose e da numerose piste che permettono al vostro amico di allenarsi per una buona giornata.

Avere un cane a Parigi è un ottimo modo per conoscere gente. I parigini amano i cani, anche più dei bambini. Quando ho fatto da babysitter a due bambini di un anno, la gente si fermava sempre a guardare l'adorabile terrier, non i bambini.

Altri articoli del sito correlati, in special modo della sezione Visitare Parigi:

Foire du Trône
Linguadoca-Rossiglione
Fastpass Disneyland Paris
Nord-Passo di Calais
Visitare i dintorni di Sibiu


Visitare Parigi


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti