Parigi

Parigi.com

Visita al Museo d'Orsay e al Louvre


Dopo un sonno ristoratore, tutti si sono completamente ripresi dal jet-lag. Naturalmente non è vero, ma oggi visiteremo due musei: il Museo d'Orsay e il Louvre.



Poiché oggi è venerdì, il Louvre rimarrà aperto durante le ore serali. Prima di tutto, devo sottolineare quanto sia utile acquistare un biglietto taglia-fila per accedere facilmente ai musei parigini. Il Museum Pass è una delle varie opzioni. Se intendete visitare solo due musei, ad esempio il Museo d'Orsay e il Museo Rodin, potreste prendere in considerazione altre opzioni. Presso la libreria FNAC è possibile acquistare un biglietto combinato che vi permetterà di accedere a entrambi i musei a un prezzo inferiore a quello che spendereste per un Museum Pass di 2 giorni da 30 euro. Allo stesso modo, se avete intenzione di andare solo al Louvre, prendete in considerazione l'acquisto di un biglietto taglia fila solo per il Louvre, che potete acquistare alla FNAC o in alcune fermate della metropolitana.

Abbiamo affiancato degli amici per diversi anni e non abbiamo mai acquistato un pass per il museo. Un grosso errore. Il Museum Pass vi farà risparmiare tantissimo tempo, per non parlare della fatica di fare lunghe file, soprattutto al Louvre e al Museo d'Orsay. Assicuratevi di sapere quali ingressi sono riservati ai biglietti “taglia-fila”. Al Museo d'Orsay, l'ingresso riservato ai “tagliafila” è la Porta C, situata sul lato destro della facciata principale.

Raggiungere il Museo d'Orsay da Montparnasse

Se soggiornate nel quartiere di Montparnasse, potete prendere l'autobus n. 94 al terminal degli autobus di fronte alla Gare Montparnasse. La fermata del Musee d'Orsay è Solferino. Se arrivate in metropolitana, la fermata si chiama Solferino.

Una volta entrati dalla Porta C del Musee d'Orsay, il mio prossimo consiglio è quello di noleggiare un'audioguida. L'audioguida del museo è eccellente e facile da usare.

Nel museo è consentito fotografare senza flash, quindi tenete a portata di mano la vostra fotocamera digitale per fotografare le vostre opere d'arte preferite.

I bagni del Museo d'Orsay

Non c'è carenza di materiale sugli Impressionisti; se siete diretti al Musee d'Orsay, probabilmente sapete già più cose sugli Impressionisti di quante potrei mai iniziare a raccontarne, ma quello che forse non sapete è dove trovare un bagno in questo edificio. Ecco il segreto. Dovete cercare il capolavoro dello scultore Carpeaux, La danza, che un tempo ornava il Teatro dell'Opera di Parigi. Se lo trovate, troverete anche l'indicazione, discretamente segnalata, dei servizi igienici. Passando tra due pilastri che conducono a una fila di gradini scarsamente illuminati, troverete i bagni senza linea.

Anche qui ho un secondo fine. Così tante persone si precipitano all'ultimo piano per ammirare i famosi impressionisti, che alcuni artisti e scultori meno noti (come Carpeaux) vengono spesso trascurati. Osservate attentamente i volti delle donne de La danza e vi sembreranno vivi. Se dovessi scegliere tra Rodin e Carpeaux, opterei per Carpeaux, per la sua capacità di catturare la gioia di vivere. Il Bacio di Rodin sembra molto più “formale” in confronto.

Consigli vari per la visita del Museo d'Orsay

Non avrete mai abbastanza tempo per vedere tutto quello che volete vedere in questo museo. Non darò alcun consiglio, se non quello pratico. Le scale mobili che portano all'ultimo piano si trovano in fondo al museo (proprio sopra la statua de La Dance di Carpeaux). Prendete le scale mobili e godetevi la panoramica del piano principale. Vedete tutto quello che riuscite a digerire prima di svenire per il sovraccarico di impressioni.

Anche se siamo stati al Museo d'Orsay molte volte, devo dire che questa è stata la visita migliore in assoluto per due motivi:

1) Abbiamo avuto la possibilità di osservare i ragazzi di una scuola francese che ascoltavano il loro insegnante d'arte parlare di Cabanel: perché Cabanel ha deciso di dipingere con i toni della terra? Perché questi colori erano i meno costosi da acquistare all'epoca. Questi bambini sono incredibilmente fortunati a imparare l'arte da istruttori che sono affascinati dall'argomento e riescono a condividere l'entusiasmo. Mi ricorda la statua di Carpeaux: La Danse.

2) I copisti. Nei musei parigini si possono ancora vedere, a volte, pittori locali che copiano i capolavori. È quanto è accaduto oggi al Museo d'Orsay. Ho avuto modo di chiacchierare con una delle artiste che aveva appena finito di copiare un paesaggio di Sisley. Mi ha detto: “Penso che Sisley sia stato qui a guardarmi le spalle mentre dipingevo. Ho un legame così forte con lui".

L'artista mi disse che aveva lavorato a questo quadro per tre mesi e che ora che aveva finito sarebbe andata a visitare la tomba di Sisley.



Non dimenticate di fare una pausa e di godervi il caffè del museo o, se proprio volete spendere, potete provare il ristorante decorato del secondo piano. Si tratta di una delle vestigia della vecchia stazione ferroviaria, con numerose modanature dipinte a foglia d'oro e lampadari che vi faranno entrare nell'atmosfera del XIX secolo.

Nel caffè si mangia molto bene e il menu ha prezzi ragionevoli per il livello di qualità. Dopo il pasto, fate una passeggiata sulla terrazza panoramica per ammirare il Sacro Cuore.

Piuttosto che passare il resto della giornata al Museo d'Orsay, cosa abbastanza facile da fare, ci siamo diretti verso il Giardino delle Tuileries, raggiungibile attraversando un ponte pedonale e prendendo un sottopassaggio proprio di fronte al Museo d'Orsay. Una passeggiata nei giardini vi darà una boccata d'aria fresca prima di andare al Louvre.

Ci siamo imbattuti nei simpaticissimi Segway Tours con il loro insolito mezzo di trasporto, una macchina a due ruote autobilanciata che sembra un tosaerba. La simpatica guida si è fermata a posare per una foto. È un ottimo modo per visitare Parigi per chi non vuole camminare per chilometri e chilometri ma vuole comunque godersi l'esperienza all'aperto.

Raggiungere il Museo del Louvre

Se avete acquistato il Museum Pass, questo vi permette di accedere immediatamente al Louvre attraverso l'ingresso del Passage Richelieu (sotto gli archi che portano a Rue Rivoli). In questo modo si evitano le code. Se non avete il Museum Pass, potete anche provare l'ingresso della Porte de Lions (che potrebbe essere chiuso in alcuni giorni). Si trova all'estremità dell'ala più vicina alla Senna.

Il venerdì è un giorno ideale per visitare il Louvre semplicemente perché il Louvre è aperto per le ore serali, quindi non c'è bisogno di correre. Prendetevi il vostro tempo. Lascio le osservazioni artistiche agli esperti, ma l'unico consiglio importante che posso dare è quello di lasciare delle "briciole di pane" dall'ala in cui si sceglie di entrare. Se, ad esempio, entrate dall'ala Sully (per vedere la Venere di Milo) e avete deciso di noleggiare le audioguide, ricordate che dovete tornare da questa stessa ala per ritirare il prezioso documento d'identità che avete lasciato all'addetto alle audioguide. Pensiamo di aver percorso almeno un decimo di miglio in più per uscire dall'ala Sully, piuttosto che dall'ala Porte de Lions, quando ci siamo ricordati all'ultimo momento che avevamo delle audioguide da restituire.

Curiosità: accettando un pizzico di letteratura che strizzi l'occhio alle vacanze, parte di questi termini figura nel libro di pubblico dominio Le Grazie di Ugo Foscolo, nella seguente frase:

"Ne' frammenti greci ch'io credo d'un antico inno alle Grazie, da me un tempo tradotti, veggonsi le Ninfe fluviali ancelle ad un convito dato in Tempe da Venere a tutti gli Dei, e le Ore ministre del carro e de' cavalli del Sole", che potrebbe far sorridere chi gradisce la commistione di viaggi e cultura.
Maggiori dettagli e altre frasi: Frasi viaggio: credo, tempo, ore, spazio, dura, vista, lume.

Consigli vari per la visita del Museo del Louvre

Prendetevi un po' di tempo per studiare attentamente le planimetrie prima di immergervi nella ricerca dei “capolavori”. Pochi istanti di studio della planimetria possono farvi risparmiare mezzo chilometro di camminate a vuoto. Credetemi, anche per chi ha visitato questo museo decine di volte è facile perdersi.

Prima di correre a vedere i “pezzi forti”, cioè la Vittoria di Samotracia, la Venere di Milo e la Gioconda, non dimenticate di dare un'occhiata al modello del castello medievale originale costruito da Philippe Auguste. Il suo scopo era quello di scoraggiare gli aggressivi Normanni dall'entrare a Parigi attraverso la Senna.

Fermatevi poi nella sala dorata dell'Apollo per ringraziare Francesco I per aver invitato Leonardo da Vinci in Francia. Altrimenti, Monna Lisa sarebbe ancora in Italia - scherziamoci sopra.

Cercate un buon pasto dopo tutto questo sovraccarico di cultura? Vi consiglio l'Auberge St. Roch, 33 Rue St. Roch, Metro: Palais Royal/Tuileries. È a pochi passi dal Louvre. Attraversate Rivoli, girate a sinistra in Rue St. Honore e camminate fino alla chiesa di St. Roch. L'Auberge si trova a metà di Rue St. Roche, a sinistra dell'ingresso principale della chiesa di St. Il personale che parla inglese/italiano è molto accogliente. L'ambiente è rustico. Il pesce è fresco. Cosa si può chiedere di più?

Shopping d'occasione a Madrid


Sebbene Madrid non sia la prima tra le capitali consolidate della moda, è un ottimo posto per fare shopping per i turisti medi. Rispetto ad altre capitali dell'Europa occidentale, Madrid offre le stesse boutique e negozi di marca, a prezzi leggermente inferiori. Inoltre, ci sono molti marchi nazionali di vestiti e scarpe che sono poco conosciuti sui mercati internazionali. Per l'appassionato di shopping a caccia di occasioni che c'è in ognuno di noi, ecco la mia guida allo shopping d'occasione a Madrid:

Marche di tendenza e grandi magazzini

Se state leggendo un articolo con la parola "affare" nel titolo, è molto probabile che non siate interessati a scoprire dove si trovano le boutique di Gucci e Armani a Madrid. Inizierò quindi con alcuni marchi e grandi magazzini popolari. Un luogo ideale per iniziare è il Barrio Salamanca, un paradiso per gli amanti dello shopping, soprattutto nella stagione dei saldi. Qui si trovano tutti i negozi di marchi spagnoli famosi (Zara, Massimo Durtti, Mango) e la maggior parte delle boutique. Un'altra zona commerciale molto frequentata, soprattutto dai giovani, è Calle Fuencarral. Per un'esperienza di shopping completa, recatevi nella zona commerciale della Grand Via.  Continua... Shopping d'occasione a Madrid


Altri interessanti articoli del sito correlati:

Musee d'Orsay: da stazione ferroviaria a fantastico museo
10 cose da fare gratis a Parigi
Grandiose escursioni da Parigi
Musei popolari a Parigi
Vacanze a Parigi a misura di bambino
Carte sconto, Pass e vantaggi
Perché visitare il Louvre di Parigi
Le più belle stazioni della metropolitana di Parigi


Visitare Parigi


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti