Parigi

Parigi.com

Notre-Dame, Parigi


Seconda solo alla Torre Eiffel come simbolo riconosciuto della Francia, la Cattedrale di Notre Dame è sia una destinazione turistica che una chiesa in attività. Costruita tra il 1163 d.C. e il 1345 d.C., il capolavoro gotico rimane oggi una delle grandi strutture del mondo. L'enorme interno può ospitare 6.000 persone alla base. Ma per molti l'attrazione principale è la salita di 387 gradini fino alla cima delle famose torri.



Una volta raggiunto questo passaggio stretto e tortuoso, il visitatore entra in un'ampia area dominata da un'enorme campana e da una vista spettacolare. Da qui è facile immaginare l'immaginario Quasimodo (il Gobbo di Notre Dame) che suona la campana di 13 tonnellate e si arrampica sui gargoyle che circondano il perimetro.

La vista a quasi 360 gradi su Parigi e le vedute ravvicinate delle numerose statue rendono la scalata meritevole di essere affrontata. Fate attenzione, però, quando salite. Non c'è guard rail e il traffico scorre in entrambi i sensi. Chi scende spesso si aggrappa al muro, mentre gli scalatori rischiano il bordo esterno sui gradini.

Visto dall'esterno, l'edificio rappresenta uno dei vertici dell'architettura alto-gotica. Ci sono i gargoyle, certo. Ma c'è anche l'enorme finestra rotonda in cima all'ingresso occidentale e i magnifici archi alti che fiancheggiano i lati. Altri due rosoni si trovano sulle facciate nord e sud.

La facciata è festonata dagli intagli dei numerosi artigiani che hanno lavorato alla struttura nel corso dei secoli. La sola facciata ovest contiene 28 statue che rappresentano figure religiose nel corso della storia.

Anche entrare nella chiesa è un'esperienza edificante. Gli alti soffitti con volte a crociera e le numerose vetrate colorate conferiscono all'interno un aspetto che stupisce, indipendentemente dalla preparazione del visitatore. Pur essendo per molti versi tipico dell'epoca, il design è comunque sbalorditivo.



Qui è facile immaginare l'uccisione del vescovo medievale, l'autoincoronazione di Napoleone nel 1804 o il ritorno del generale de Gaulle alla fine della Seconda Guerra Mondiale. L'organo a 7.800 canne vale da solo la visita.

Oggi è quasi impensabile che la cattedrale non esista.

Ma per un certo periodo, durante il XIX secolo, il destino della chiesa è stato molto in dubbio. La struttura era caduta in rovina nel corso dei secoli e si discuteva seriamente di abbatterla.

Victor Hugo scrisse il suo famoso romanzo anche per richiamare l'attenzione sulla storia e sul valore dell'edificio. I suoi sforzi, a cui si aggiunsero quelli di altri noti artisti dell'epoca, portarono a un rinnovato interesse e l'edificio fu restaurato.

La reintegrazione dell'insolito triforio e delle piccole finestre del cleristorio nella campata orientale della navata furono solo due dei tanti sforzi di un progetto iniziato nel 1844 e durato 23 anni.

Notre Dame è facilmente raggiungibile dalle stazioni della metropolitana di Saint-Michel o Chatelet-Les Halles.


Visitare Parigi



Prenotazione hotel a Parigi o in qualunque altra città o località del mondo:
Booking.com


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti