Parigi

Parigi.com

Reggia di Versailles, Giardino di Monet e Montmartre


Normalmente non suggerirei di provare a visitare Versailles e il Giardino di Monet nello stesso giorno, ma pochi di noi hanno il lusso di godersi due settimane in Francia. Ecco allora che la “gestione del tempo” si rivela utile - o la fortuna.



Se volete evitare la folla - e gli ingorghi - andate ovunque all'ora di pranzo. Grazie al fatto di andare controcorrente e di guidare durante l'ora di pranzo, siamo riusciti a vedere il Giardino di Monet e Versailles nello stesso giorno.

Curiosità: accettando un pizzico di letteratura che strizzi l'occhio alle vacanze, parte di questi termini figura nel libro di pubblico dominio Confessioni di un Italiano di Ippolito Nievo, nella seguente frase:

"Guardate che combinazione! La Pisana era appunto in quel giorno a pranzo dallo zio, e se ora io giurassi che non ne sapeva nulla, certo non mi credereste", che potrebbe far sorridere chi gradisce la commistione di viaggi e cultura.
Maggiori dettagli e altre frasi: Frasi viaggio: zio, appunto, combinazione, giorno, ora.

Non esiste una stagione “migliore” per visitare il Giardino di Monet. I giardini aprono in aprile e chiudono il 31 ottobre. È chiuso anche il lunedì, ad eccezione di alcuni giorni festivi.

Se amate le rose e le ninfee, a giugno potrete ammirare la fioritura di entrambe. Troverete anche autobus turistici in proliferazione, a meno che non arriviate come noi alle 12:45 di un martedì pomeriggio.

Il parcheggio più comodo si trova passando davanti ai giardini e poi girando a sinistra nella strada che attraversa il villaggio (dalla strada principale sembra quasi un vicolo). Quindi, tornare indietro fino al parcheggio che si trova proprio di fronte all'ingresso del museo.

Evitate i giardini nei fine settimana, soprattutto la domenica. Se nel vostro gruppo c'è uno studente, assicuratevi che porti con sé la carta d'identità per ottenere una riduzione.

Sebbene ami le rose, ho notato una maggiore varietà di fiori in altri periodi dell'anno: i tulipani e gli iris, il glicine che pende dal ponte giapponese possono essere apprezzati all'inizio della primavera. Visitate il giardino di Monet in autunno, quando le dalie praticamente danzano. Non esiste una stagione perfetta per il giardino, ma solo il momento perfetto della giornata. Non è possibile mangiare in giardino, quindi conservate il vostro picnic più tardi.

È un momento in cui dovrete assicurarvi che la batteria della vostra macchina fotografica sia completamente carica e che abbiate molto spazio libero sulla vostra memory stick (non è consentito scattare foto all'interno della casa di Monet). Non mancate di visitare la casa, che comprende una collezione di stampe giapponesi.

Passeggiare intorno allo stagno di ninfee è il miglior esercizio di meditazione. Separatevi dal gruppo per qualche minuto e comunicate con questo microcosmo di serenità. Ci sono pochi luoghi come questo al mondo (che sono stati orchestrati da un solo uomo). Molti di noi amano l'opera di Monet e lo amano sia come giardiniere con una visione che come pittore con una tavolozza gioiosa.

Si spera che abbiate già visto alcuni dei dipinti originali di Monet a Parigi (come abbiamo fatto noi il secondo giorno). Una delle serie di ponti giapponesi può essere ammirata al Musee d'Orsay, ma se state cercando l'enorme serie di ninfee, dovrete recarvi all'Orangerie. Un altro museo imperdibile per i fan di Monet è il Musee Marmottan, che ospita le sue opere più tarde, quando cominciava a perdere la sua visione (queste sono alcune delle mie preferite).

Tempo fa le Ninfee di Monet sono state vendute all'asta a Londra per 40,92 milioni di sterline (circa 80 milioni di euro). In qualche modo, non credo che questo avrebbe sorpreso minimamente Monsieur Monet.

Dopo aver visitato i giardini, è possibile pranzare in un ambiente simile a un giardino, proprio accanto al parcheggio di fronte all'ingresso dei giardini. Il ristorante ha due sezioni: una finestra per il take-out e un ristorante seduto. Il servizio è rapido e professionale (lo abbiamo notato dopo diversi pasti). Sono disponibili insalate e pasti completi. Da provare la torta al cioccolato come dessert (viene servita calda). Gli ospiti seduti hanno libero accesso ai servizi (ma per aprire la porta bisogna chiedere un “jeton” al posto della moneta).

Se non avete intenzione di andare a Versailles, prendetevi un po' di tempo per passeggiare nel piccolo villaggio (altri pittori hanno gallerie in città).

Versailles

Versailles è raggiungibile tramite l'autostrada A13. Noi arriveremo da ovest (dalla Normandia). Assicuratevi di prendere l'uscita per Versailles Centre (o Versailles centrale). Si potrebbe pensare che l'uscita Chateau de Versailles sia chiaramente indicata (ma non lo è quando si arriva da ovest).

Questa uscita vi porterà in realtà davanti all'ingresso posteriore dei giardini del palazzo. È possibile parcheggiare qui e noleggiare biciclette nel parco. È quello che fanno molti parigini. L'ingresso al parco non è a pagamento, tranne la domenica quando le fontane vengono accese intorno alle 15.00. Tuttavia, cercheremo di cogliere l'ultima ora per visitare le cabine del palazzo.



In questo caso, utilizzate il parcheggio di fronte al palazzo. Dovrete girare intorno al lato sinistro della facciata del palazzo prima di vedere l'ingresso del parcheggio a pagamento. Ricordate che dovete pagare il parcheggio presso una delle macchine automatiche prima di lasciare il parcheggio (non c'è un parcheggiatore).

Per coloro che non hanno visitato Versailles negli ultimi anni, la biglietteria si è spostata nell'annesso a sinistra dopo aver attraversato i cancelli principali.

Ecco la parte migliore per i ritardatari. Contrariamente all'adagio “chi prima arriva meglio alloggia”, anche chi arriva l'ultimo minuto ha qualche vantaggio. Siamo arrivati alle 16:30. Pertanto, invece di pagare l'ingresso intero, dobbiamo pagare solo 10 euro (che include l'uso di un'audioguida per chi la desidera). Il palazzo chiude alle 18:30, quindi è meglio assicurarsi di arrivare all'ingresso al massimo entro le 17:00 per poter visitare il palazzo per un'ora intera.

Ci sono molti vantaggi nell'arrivare così tardi nella giornata. Anche se troverete ancora un numero spropositato di gruppi turistici (anche le guide turistiche hanno iniziato ad approfittare di questa tariffa d'ingresso ridotta), il tempo di attesa in fila (se non avete già acquistato il Paris Museum Pass) si riduce di oltre la metà. È possibile passeggiare nella Sala degli Specchi senza essere schiacciati dall'ondata di visitatori.

I mesi di giugno, luglio e agosto tendono a essere i più affollati per Versailles, quindi è straordinario poter passeggiare per il palazzo con un minimo di confusione. Nel frattempo, i giardini di Versailles rimangono aperti fino al tramonto. A giugno, ciò significa circa le 20.30 (anche se ci sarà ancora molta luce e sarà un momento eccezionalmente buono per fotografare la facciata di Versailles dal lato del giardino).

Mi piacerebbe dire che ho pianificato tutto questo, ma in realtà è stata fortuna, non pianificazione.
Se non avete fretta di tornare a Parigi, fate una passeggiata attraverso i giardini, fino alle vasche di riflessione. Alla vostra destra troverete il caffè dove Nicolas Sarkozy e Carla Bruni sorseggiarono un caffè quando ancora si frequentavano. Potrete gustare un pasto leggero ammirando il laghetto riflettente, la stessa vista che doveva piacere a Luigi XIV.

Montmartre

Piuttosto che indugiare nei giardini fino al tramonto, abbiamo deciso di tornare a Montmartre per un'ultima notte a Parigi.

Per quanto turistica, Montmartre vanta ancora una splendida vista su Parigi. Forse non è mozzafiato come la Torre Eiffel, ma non si deve pagare molto per arrivarci (a parte un biglietto della metropolitana - o due, se si sceglie di prendere la funicolare).

Per quanto riguarda Place du Tertre, la tradizionale piazza dove gli artisti continuano a ritrarre qualsiasi turista disposto a sedersi per mezz'ora, il suo fascino rimane discutibile. “Pensavo che Montmartre fosse più alla moda”, commenta un'amica. Gli artisti che disegnano qui sono sicuramente 'veri' artisti. In effetti, riconosco uno di loro dalla nostra visita al Museo d'Orsay all'inizio della settimana. Stava chiacchierando con la copista che aveva appena finito la sua copia di Sisley. In realtà, l'anima di Montmartre è stata inghiottita da negozi di souvenir di cattivo gusto. Rimane un buon esempio per gli urbanisti di come non accogliere il turismo.

Non si tratta di un problema semplice. Come fa una città a mantenere la propria identità e ad accogliere una moltitudine di visitatori ogni anno? Forse la chiave è tenere sotto controllo il commercio e proteggere ferocemente l'integrità di un quartiere. Per le città che sostengono un'economia di libero mercato, qualsiasi tipo di restrizione al commercio è anche una restrizione al libero mercato. È qui che sta il problema: bilanciare la libera impresa con il buon gusto.

Nel frattempo, i turisti continuano ad affollare Montmartre mentre il sole si abbassa nel cielo. Alcuni portano con sé un picnic da consumare sui gradini del Sacro Cuore. Alcuni portano le loro chitarre. E gli altri cercano un ristorante.

Qui ho solo un consiglio da dare: dovete tornare indietro lungo la collina se avete qualche speranza di trovare un posto tranquillo dove cenare. Se non vi dispiace la folla o l'attesa per un tavolo, Le Plumeau, al 4 di Place du Calvaire, è uno dei posti più piacevoli della collina, e il Diapason può essere raccomandato per la cucina gourmet (se avete prenotato in anticipo), ma per una visita spontanea, basta scendere lungo la collina (utilizzando le strade secondarie) e vi imbatterete senza dubbio in un bistrot tranquillo, lontano dalla folla impazzita.

Consiglio Les Copains d'Abord, al 62 di Rue de Caulaincourt, per un'abbondante porzione accompagnata da musica dal vivo.

Qui, nella nostra ultima notte a Parigi, oso ammetterlo? Siamo arrivati a Montmartre un po' tardi, abbastanza affamati e SENZA il mio Plan de Paris. Per Montmartre, dovete avere il vostro Plan de Paris se siete intenzionati a trovare un ristorante particolare. Purtroppo, abbiamo optato per la prima terrazza del ristorante che abbiamo trovato una volta allontanati dal posto.

Ciclisti a Parigi e in tutta Francia


Ogni primo fine settimana di giugno, le biciclette dominano la strada in Francia. Quest'anno a Parigi (a giugno) molte delle attività e delle dimostrazioni si svolgeranno nel Bike Festival Village, creato appositamente per la Fete du Velo. Il villaggio si trova vicino all'ingresso sud dei Giardini del Lussemburgo (Jardin du Luxembourg), in Rue August Comte.

Nell'ambito del Bike Fest (Fete du Velo) di Parigi, l'International Cyclonudist (Velorution) partirà alle 14.00 dal Jardin de Reuilly (12° arrondissment), nel mese di giugno, e passerà per il villaggio del Bike Fest intorno alle 16.30. Preparate le macchine fotografiche per uno spettacolo che raramente si vede per le strade di Parigi.

Per chi è interessato a un'uscita in bicicletta più tradizionale, è possibile partecipare alla biciclettata notturna con partenza dal Bike Fest alle 20.00 e ritorno intorno alle 23.00.

Alle 20.00 si riunirà anche un gruppo di rollerblade (Roller Squad Institute), con partenza dai Giardini del Trocadero.  Continua... Ciclisti a Parigi e in tutta Francia


Altri interessanti articoli del sito correlati:

Gite di un giorno a Parigi: Castello di Versailles e Giardino di Monet
Grandiose escursioni da Parigi
Parcheggi a Parigi
Giardino delle Tuileries
Visitare il cimitero di Montparnasse
Giardini e Palazzo del Lussemburgo
Musee d'Orsay: da stazione ferroviaria a fantastico museo
Giardino del Lussemburgo in autunno


Visitare Parigi


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti