Parigi

Parigi.com

Il quartiere senza tempo del Marais


Quando voglio staccare totalmente dal tempo e dal luogo, vado nel quartiere del Marais. Situato sulla riva destra di Parigi, si trova a cavallo tra due arrondissement, il terzo e il quarto. Forse avrete sentito parlare del Marais come del quartiere gay e alla moda di Parigi. Forse la ragione per cui i residenti gay hanno scelto questo quartiere è stata la sua curiosa miscela di eleganza fatiscente, come una Miss Havisham dalla pelle di pergamena, abbandonata per gli ampi viali haussmaniani.



Dalle sue origini paludose, nel XII secolo si sviluppò e fiorì una comunità ebraica che svolgeva più o meno lo stesso tipo di commercio che si trova oggi lungo Rue du Temple, cioè negozi di borse e gioielli all'ingrosso, mercerie e soprammobili. Al Museo di Storia e Cultura Ebraica, situato al numero 71 di Rue du Temple, ho appreso che gli abitanti di Parigi di religione ebraica si erano originariamente stabiliti sull'Ile de la Cite per poi migrare sulla Rive Gauche, in particolare nel Marais (o zona paludosa) e intorno all'Hotel de Ville/St.
Fin dai primi tempi, questo era considerato il cuore commerciale di Parigi.

Rue du Temple è una buona strada per iniziare la visita al quartiere del Marais. È possibile scorgere il Centre Pompidou che incombe su stretti vicoli medievali in strane contrapposizioni.

Storicamente, il Marais, come i suoi abitanti, ha avuto alti e bassi. Quando la corte reale lasciò il Louvre per seguire le indicazioni di Enrico IV (che prevedeva la creazione di alloggi per gli artigiani vicino agli appartamenti reali di Place des Vosges), gli aristocratici si accalcarono l'un l'altro per costruire case a schiera sempre più sontuose o "hotel particuliers" nel quartiere. Tuttavia, quando le tendenze cambiarono e Luigi XIV fece di Versailles la nuova capitale della Francia, le case aristocratiche furono trascurate. La popolazione si spostò nuovamente verso una classe operaia immigrata, spesso artigiani ebrei provenienti dall'Europa orientale.

Nel XIX secolo arrivarono altre ondate di immigrati dell'Europa dell'Est e di immigrati cinesi e, fino agli anni '70, alcune delle strade più trendy del Marais, come Rue des Rosiers, avevano un aspetto piuttosto trasandato. Forse alcuni di noi preferiscono ancora gli spigoli grezzi all'ordine musicale, ma non c'è dubbio che una passeggiata in questo quartiere sia ancora un'avventura. Le gallerie e le boutique innovative sono numerose, intervallate da alcuni ristoranti e mercati kosher (come il famoso Jo Gold's in Rue des Rosiers), negozi di falafel e decine di caffè in cui si è tentati di dimenticare di andare ai musei e passare il resto del pomeriggio sorseggiando un caffè o un aperitivo.

Forse uno dei grandi cambiamenti apportati dall'arrivo dei residenti del Marais "bobo", cioè borghesi-boheme (cioè yuppies), è la mancanza di fretta. Se c'è un quartiere in cui il tempo sembra essersi fermato, è questo. E di conseguenza, chi cammina lungo le strade tortuose tende a subirne l'incantesimo.

Per esempio, quando un venditore ambulante si è avvicinato per chiedermi qualche spicciolo, invece di evitare il contatto visivo come avrei fatto in qualsiasi altro quartiere, ho deciso di iniziare una conversazione. Si è scoperto che "Christophe" era un poeta polacco. Finì per recitare una poesia per me.

"Chi preferisci, i Doors o gli Who?", mi chiese.
"I Doors".
"Ma non è triste che Jim Morrison sia morto così presto?".
"Ma forse ha avuto una vita divertente".

Nel Marais possono capitare conversazioni di questo tipo. Qui nulla è prevedibile. Gli edifici si incontrano con angoli strani.



Il denaro può passare di mano, ma l'immaginazione collettiva è costantemente impegnata a trascendere. Lo si percepisce: l'attesa della scoperta, l'euforia, come la nebbia che si alza dalle paludi.

Luoghi da non perdere

Place des Vosges - ex Place Royal. È la piazza più bella di Parigi, con la sua semplice fontana che adorna un parco centrale circondato su tutti i lati da portici.

Rue de Rosiers

Metro: St. Paul.

I musei

Museo Carnavalet (storia della città di Parigi con un'eccellente sezione sulla Rivoluzione);
Museo d'arte e storia ebraica;
Museo Picasso;
Museo delle Arti e dei Metalli;
Casa di Victor Hugo (Place des Vosges).

Come raggiungere il Marais

In metropolitana, la linea #1, La Defense/Chateau de Vincennes, ha diverse fermate nel quartiere del Marais. Prendete l'uscita St. Paul per Rue de Rosiers, o Hotel de Ville per Rue du Temple (Museo di Storia Ebraica). Potete anche andare a piedi dalla metropolitana di St. Paul a Place des Vosges (ma assicuratevi di portare con voi il Plan de Paris, o una mappa dettagliata della città).


Visitare Parigi


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti