Parigi

Parigi.com

Museo dell'Orangerie di Parigi, nel nome di Monet


Se si venisse a sapere che un particolare museo fu scelto dal grande pittore impressionista Claude Monet come sede permanente di due grandi sale in cui sono esposti alcuni dei suoi quadri più grandi, e che questo stesso museo oggi ospita molte altre opere famose di pittori impressionisti e post-impressionisti, probabilmente si vorrebbe visitarlo, giusto? È la risposta giusta, perché il Musee de l'Orangerie di Parigi merita assolutamente un viaggio.



Negli anni Venti, la Francia fece costruire due sale ovali al Musee de l'Orangerie per ospitare otto grandi murales della serie delle "Ninfee" di Monet, che aveva dichiarato di voler donare allo Stato francese. Monet fornì persino le specifiche delle sale che avrebbero dovuto ospitare i dipinti, che furono inaugurate nel 1927, pochi mesi dopo la morte del grande artista. Così ebbe inizio il Musee de l'Orangerie.

Negli anni successivi, il museo continuò ad acquisire altre opere da esporre e alla fine fu necessario un ampliamento dell'edificio. Questo ampliamento comportò la costruzione di un secondo piano sopra il primo, che finì per coprire i vecchi lucernari e rese il piano originale piuttosto buio. La luce naturale che un tempo illuminava i dipinti di Monet era scomparsa, così nel 1999 si decise di ristrutturare il piano inferiore per far entrare nuovamente la luce naturale.

Nel 2000 il museo è stato chiuso per i lavori di ristrutturazione, che avrebbero dovuto essere completati per la riapertura del 2004. Tuttavia, ci sono state difficoltà lungo il percorso, che hanno ritardato la riapertura fino al 2006. Il risultato è che ora le sale che ospitano i dipinti originali di Monet si trovano al piano superiore, inondate da una luce naturale diffusa (proprio come aveva richiesto Monet), e il museo dispone di un nuovo piano sotterraneo con strutture didattiche (tra le altre cose).

Se gli enormi dipinti di Monet sono probabilmente il motivo principale per visitare il Musee de l'Orangerie, una volta arrivati sarete felici di sapere che il museo è una delizia per qualsiasi amante dell'arte. Troverete opere di Pablo Picasso, Paul Cezanne, Henri Matisse, Renoir e Amadeo Modigliani.

Una nota a margine potenzialmente interessante è che l'edificio che oggi ospita il Musee de l'Orangerie era in origine la cosiddetta "orangerie" del Palazzo delle Tuileries, vicino a Place de la Concorde. Un'aranciera era una specie di serra e molte famiglie ricche le avevano vicino ai loro palazzi in tutta Europa; il nome deriva dall'epoca in cui gli alberi di agrumi venivano tenuti al coperto durante l'inverno per proteggere le piante delicate. Le aranciere sono diventate un simbolo di status, oltre che una serra funzionante, e il Musee de l'Orangerie era proprio un simbolo di questo tipo.



Oggi siamo fortunati che il grande Claude Monet abbia avuto l'idea di donare alcuni dipinti allo Stato francese e che il governo abbia avuto il buon senso di accettare la donazione. Anche se il Musee de l'Orangerie potrebbe non essere la vostra prima tappa museale a Parigi, se vi piace Monet e non riuscite a raggiungere i suoi giardini a Giverny (diamine, anche se ci riuscite) non c'è niente di meglio che sedersi al centro di una di quelle sale ovali e circondarsi delle opere del maestro.

Posizione: Jardin des Tuileries, 75001 Parigi.

Come arrivarci: Stazione della metropolitana di Parigi Concorde (linee 1, 8, 12); linee di autobus di Parigi 24, 42, 52, 72, 73, 84, 94.

Ingresso: 7,50 euro per gli adulti, 5,50 euro per i ridotti, 2 euro per le mostre temporanee.

Orari: Mercoledì-lunedì, 9:00-18:00.
Chiuso il martedì, il 1° maggio e il 25 dicembre.
Le operazioni di sgombero del museo iniziano alle 17:45.

Buono a sapersi: La prima domenica di ogni mese l'ingresso è gratuito per tutti.
È disponibile un'audioguida in inglese (e altre lingue) al costo di 5 euro (3 euro tariffa ridotta).


Visitare Parigi


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti