Parigi

Parigi.com

Shopping di souvenir a Parigi, una questione di ricordi


Non mi considero il tipo di persona che ama fare shopping quando sono a casa. Non mi dispiace passare una giornata a curiosare nei negozi preferiti con un'amica, e ho una danza della vittoria interiore che si verifica ogni volta che trovo qualcosa di particolarmente bello (soprattutto se è in saldo, e soprattutto se si tratta di jeans che mi stanno bene), ma non sono una persona che trae così tanto piacere dall'atto di fare shopping da considerarlo un'attività di vacanza.
Eppure finisco sempre per fare un po' di shopping, ovunque mi trovi.



Naturalmente, in alcuni luoghi è più facile pensare allo shopping come a un'attività da fare in vacanza, e questo è il caso di Parigi. Lo shopping a Parigi non è solo per i turisti, ma è un passatempo locale. Con la sua reputazione di essere una delle capitali mondiali della moda, Parigi è giustamente nota per le sue numerose boutique e i suoi grandi magazzini di lusso. Potreste spendere un bel po' di euro per vestirvi con gli ultimi modelli, per poi ritrovarli superati alla fine del vostro viaggio di due settimane. Anche se avete trovato un'ottima offerta di voli per Parigi e alloggiate in uno dei tanti hotel economici che Parigi offre, tuttavia, di solito non è possibile sborsare il prezzo richiesto per quegli abiti firmati. Potreste risparmiare sul biglietto aereo, ma non così tanto!

E anche se la moda non fa per voi, può essere difficile resistere a tutti i souvenir pacchiani della Torre Eiffel che vedete in ogni negozio turistico: sono divertenti già solo per il loro fattore kitsch.
Ma Parigi non offre solo alta moda e palle di neve della Torre Eiffel agli aspiranti acquirenti. Come già detto, anche i parigini amano fare shopping, e di certo non indossano tutti capi di alta moda e berretti ricamati sulla Torre Eiffel. Per avere un assaggio di cosa significhi fare shopping come un parigino, bisogna scoprire dove fanno shopping i parigini.

Ammetto che le parole "mercatino delle pulci" non mi hanno mai evocato un'immagine positiva fino a quando non ho visitato un mercatino delle pulci a Parigi. I mercatini delle pulci a cui ero abituata erano pieni di ciò che consideravo spazzatura, ma in qualche modo i tavoli dei Mercatini delle pulci di Parigi sembravano ricoperti di tesori. E poiché i Mercatini delle pulci di Parigi non si trovano nel centro della città, è più probabile che gli acquirenti con cui si compete per aggiudicarsi un tesoro o un altro siano persone del posto piuttosto che turisti.

Non importa che lo stesso oggetto che state bramando in quel mercatino delle pulci di Parigi sia qualcosa che probabilmente ignorereste se foste in un mercatino delle pulci a casa vostra: lo state comprando a Parigi, quindi vale come souvenir. I souvenir sono diversi.



Quando si tratta di souvenir, un capo d'abbigliamento è più adatto al vostro stile? Allora non c'è miglior ricordo di un viaggio di qualcosa che potrete indossare più e più volte e che vi darà l'opportunità di dire più volte, a sproposito, "Oh, questo? L'ho preso a Parigi". Sì, è un'emozione che non passa mai di moda, e non è nemmeno riservata ai viaggiatori facoltosi. Certo, i parigini possono sembrare tutti vestiti con l'ultimo Armani o Hermes, ma non tutti lo sono. Gli altri sanno dove si trovano i negozi di abbigliamento a buon mercato a Parigi, dove è meglio andare se siete fashionisti con un budget limitato.

Ma la verità è che anche se state cercando di prendere solo un paio di piccoli oggetti per ricordare la vostra visita nella capitale francese, ci sono souvenir a Parigi che vanno oltre gli stereotipi. Facendo un giro nei grandi magazzini Monoprix si possono trovare Lingerie francese sexy, strofinacci o tovaglioli di stoffa facili da confezionare e graziosi prodotti di bellezza francesi, e questo solo in un negozio!

Un souvenir deve solo ricordarvi il luogo in cui l'avete comprato - il che significa che non deve avere la parola Parigi scritta sopra perché sappiate che l'avete comprato a Parigi, giusto? E non è necessario che sia stato acquistato all'ombra della Torre Eiffel per essere autentico - il che è un bene, dato che i souvenir in vendita a poca distanza da una delle principali attrazioni turistiche di Parigi sono quasi senza dubbio completamente sovrapprezzati.

Il punto è che, che siate o meno amanti dello shopping, ogni volta che guarderete quel libro francese per bambini che avete comprato alla bancarella che si affaccia sulla Senna vi ricorderete del vostro viaggio a Parigi. Non importa se non sapete leggere il francese e non avete figli. Ogni volta che tirerete fuori dall'armadio la tovaglia di cera che avete trovato al mercato delle pulci di Parigi e la aprirete sul vostro tavolo da giardino, vi ricorderete del vostro viaggio a Parigi. Non importa che il tessuto non sia decorato con l'immagine della Torre Eiffel e che nessuno saprà dove l'avete comprata. Lo sapete. Ogni volta che indosserete il peacoat che avete trovato in uno strano negozio di Parigi, scavando in una pila di abiti scontati, vi ricorderete del vostro viaggio a Parigi. Non importa che l'etichetta indichi chiaramente Armoni invece di Armani.

Ricorderete l'odore delle file di vecchi libri nelle bancarelle dei bouquinistes, il chiacchiericcio dei venditori e degli acquirenti di libri che si mescola ai suoni della città affollata che vi circonda. Ricordate l'aspetto del mercato delle pulci di Parigi, un tavolo dopo l'altro di stranezze e di parigini che vi frugano dentro. Ricordate il rumore di quel negozio di abbigliamento a prezzi scontati, tutte quelle persone che scavano tra i bidoni e gli scaffali per trovare le gemme nascoste.
E questo, alla fine, è il senso di un souvenir.


Visitare Parigi


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti