Parigi

Parigi.com

Casa di Victor Hugo, Parigi


"Maison" in francese significa "casa". In questo caso la parola è leggermente fuorviante. Pur non essendo un palazzo, ma trovandosi in Place des Vosges - originariamente conosciuta come Place Royale - non si tratta di un semplice domicilio. Questi spaziosi appartamenti furono la casa del famoso scrittore tra il 1832 e il 1848. Hugo fuggì dalla rivoluzione in quell'anno.



Hugo è stato l'autore di opere molto note (anche se meno lette) come Les Misérables e Il gobbo di Notre Dame. Ha scritto anche opere meno conosciute, ma di gran lunga superiori, come Novantatré e L'uomo che ride.

Il museo Victor Hugo è un'attrazione anche per coloro che hanno solo un interesse passeggero per la letteratura, ed è ricco di disegni, cimeli, mobili del XIX secolo e altro ancora. Anche il salone cinese della casa di Hugo a Guernsey è stato trasferito qui.

La piazza fuori dalla casa è un inizio delizioso. Fiancheggiata da case in mattoni, portici e un giardino, è facile immaginare l'autore che si avvicina lungo le strade acciottolate.

Avvicinandosi, avrebbe visto (come possono fare i visitatori oggi) una grande facciata di mattoni rossi e bianchi in cima a diversi grandi archi. La parte superiore della casa presenta ornamenti classici greci tipici dell'epoca.

All'interno, insieme alle prime edizioni delle opere dello scrittore, si trova un dipinto del suo corteo funebre all'Arco di Trionfo. Al momento della sua morte, la sua fama e la sua popolarità erano così grandi che milioni di persone vennero a piangere la sua scomparsa.



Sono presenti anche ritratti della sua famiglia. Accanto sono presenti disegni e documenti che illustrano la storia della vita di Hugo e dei molti artisti che conobbe come amici. Balzac e Dumas, Paganini e Liszt, Musset e molti altri cenarono qui. Anche Dickens e il Duca d'Orleans vi fecero visita.

Inaugurato come museo nel 1903, alcuni anni dopo la morte dello scrittore, l'allestimento non è esattamente quello che aveva durante la sua vita. Gran parte dei mobili fu venduta all'asta nel 1852.

Tuttavia, l'appartamento al secondo piano è molto simile a quello di allora. È facile immaginare il grande scrittore alla sua scrivania, dove sono ancora visibili il calamaio e i campioni di scrittura. Qui scrisse alcuni dei suoi capolavori, tra cui Ruy Blas e Canti del crepuscolo.

Le sale ospitano anche opere che mostrano i talenti meno noti dell'autore, come disegni originali e fotografie. Ci sono anche mobili disegnati da Hugo, che aveva imparato il mestiere lavorando in teatro.

Scendendo le scale scricchiolanti e uscendo di nuovo in Place des Vosges, non perdetevi un croissant su una panchina e prendetevi tutto il tempo necessario per ammirare i numerosi edifici del quartiere Marais.

Costruiti all'inizio del XVII secolo, qui si trovano quasi 40 grandi "maisons". Osservandole, si può facilmente dimenticare che la vivace Parigi moderna si trova a pochi isolati di distanza.

Il museo è facilmente raggiungibile con la metropolitana. Uscire a Chemin-Vert, Saint-Paul o Bastille.


Visitare Parigi



Prenotazione hotel a Parigi o in qualunque altra città o località del mondo:
Booking.com


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti