Parigi

Parigi.com

Bandiera francese: storia, colori e curiosità


Ogni francofilo con un briciolo di orgoglio può facilmente identificare la bandiera francese - quel brillante tricolore a bande blu, bianche e rosse. Ma quanti conoscono la storia della bandiera francese? Quanti sanno cosa rappresenta ciascuno di questi colori? Se siete tra i tanti che issano la bandiera francese senza comprenderne appieno il significato, continuate a leggere e sentitevi liberi di tirare fuori queste divertenti informazioni al prossimo cocktail party a cui siete invitati. Sono sicuro che avrete un grande successo. No, davvero. Provate.



Bandiera francese moderna: Origini e storia

La bandiera della Francia è composta da tre barre di uguali dimensioni - da sinistra a destra (o, più correttamente, dal lato di sollevamento verso l'esterno) i colori sono blu, bianco e rosso. La bandiera moderna è stata adottata nel 1794 incorporando i colori tradizionali di Parigi (rosso e blu) con il bianco tradizionale della famiglia Borbone che ha governato la Francia dal 1500 fino alla Rivoluzione francese del 1792, e poi per un anno all'inizio del 1800. La bandiera tricolore divenne un simbolo della Rivoluzione e successivamente un simbolo di libertà anche per altri Paesi.

Fu sotto una bandiera blu e rossa che i rivoluzionari assaltarono la Bastiglia nel 1789, che alla fine portò al rovesciamento della monarchia borbonica, per cui aveva senso che quei due colori costituissero in seguito la bandiera francese, anche se storicamente sono più strettamente associati alla città di Parigi. Meno ovvia è la ragione dell'incorporazione del bianco reale, un colore che rappresenta la dinastia appena rovesciata, anche se forse collocarlo tra il blu e il rosso della bandiera del popolo simboleggiava l'uguaglianza per cui si stava combattendo. È anche possibile che stessero reclamando il colore che un tempo rappresentava Giovanna d'Arco dai reali francesi che lo avevano adottato come proprio.

È interessante notare che il rosso e il blu erano i colori tradizionali che rappresentavano la città di Parigi dalla metà del XIV secolo, quando simboleggiavano Etienne Marcel. Marcel aveva guidato una precedente rivoluzione contro il re di Francia nel 1358. Così i colori di una rivoluzione furono anche i colori di una successiva, per poi fondersi nella bandiera di una Francia unita.

Prima dell'attuale bandiera francese, il simbolo della Francia dal XII secolo era il fleur-de-lis, che in francese significa "fiore di giglio" ed è un simbolo che dovrebbe assomigliare a un giglio (lascio giudicare a voi: quello a destra è un fleur-de-lis). Sebbene il fleur-de-lis non faccia più parte del simbolo ufficiale della Francia, lo si vede ancora oggi sulle bandiere delle attuali ed ex colonie francesi, come il Québec e la Martinica.
Cosa significano i colori della bandiera francese?

A differenza dei colori di alcune bandiere nazionali, ai colori della bandiera francese è stato assegnato un significato solo dopo che sono stati incorporati nella bandiera stessa. La maggior parte di noi oggi associa i colori alla libertà, all'uguaglianza e alla fraternità, che erano gli ideali della Rivoluzione francese. Un ex primo ministro francese ha detto che i colori sono il blu per la storia, il bianco per la speranza e il rosso per il sangue degli antenati. Oggi agli alunni delle scuole francesi viene insegnato che il blu rappresenta la borghesia, il bianco il clero e il rosso la nobiltà, ma per ogni colore esistono storie più colorite.



Si dice che la barra blu della bandiera francese rappresenti la cura dei poveri, dopo che un soldato romano del IV secolo tagliò metà del suo mantello blu e lo diede a un mendicante di Amiens (nell'odierna Francia) che stava congelando nella neve. Il soldato ebbe poi un sogno in cui Gesù indossava metà del suo mantello blu e dedicò il resto della sua vita alla Chiesa. Oggi è conosciuto come San Martino o Martino di Tours.

Il bianco è tradizionalmente il colore della Vergine Maria, ma soprattutto per la Francia è storicamente il colore che rappresenta Giovanna d'Arco. Nel XV secolo, la sua bandiera sventolò sugli eserciti che alla fine scacciarono gli inglesi dal Regno di Francia. In seguito i reali francesi adottarono questo colore come proprio.

Saint Denis, il santo patrono di Parigi, è rappresentato dal colore rosso. La bandiera di Saint Denis durante il Medioevo era interamente rossa con il simbolo del sole in alto e un tempo era anche la bandiera personale di Carlo Magno.

Curiosità sulla bandiera francese

Nella bandiera standard della Francia, tutte e tre le barre colorate hanno la stessa larghezza. Nella bandiera della marina francese, invece, le barre diventano progressivamente più larghe da sinistra a destra, con il blu più stretto e il rosso più largo.

Quando i colori attuali della bandiera francese furono adottati per la prima volta nel 1790, erano nell'ordine opposto a quello attuale: il rosso era a sinistra e il blu a destra. Solo quattro anni dopo, tuttavia, i colori furono invertiti nell'ordine che conosciamo oggi.

La moderna bandiera francese che conosciamo oggi è stata usata quasi costantemente come bandiera nazionale dal 1794, con una breve pausa dal 1814 al 1830, quando la monarchia borbonica tornò al potere dopo la sconfitta di Napoleone a Waterloo. Un'altra rivoluzione nel 1830 rovesciò i Borboni (di nuovo) e il tricolore fu ripristinato.


Visitare Parigi


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti