Parigi

Parigi.com

6 giorni in Francia


Uno dei piaceri di vivere a Parigi è l'opportunità di condividere la città con gli amici. Pianificare una visita di sei giorni a Parigi con almeno un'escursione al di fuori della città offre la sfida di cercare di selezionare la miriade di possibili visite, musei, punti di riferimento all'interno della città di Parigi e quei luoghi “imperdibili” che si trovano a una distanza ragionevolmente facile in auto (o in treno) dal centro di Parigi.



Unitevi quindi a noi in un'escursione giorno per giorno con i nostri amici in visita per una meritata pausa dal lavoro e dagli studi universitari. Per due dei nostri tre ospiti si tratta del primo viaggio in Francia. Ho chiesto a tutti e tre se avessero una “lista dei desideri” di cose da vedere a Parigi, e i musei sono in cima alla lista. Il Museo Rodin, il Louvre e il Museo d'Orsay sono tutti nella categoria “da non perdere”; al via dunque, una visita al Museo Rodin e una visita al Museo d'Orsay e al Louvre.

A ciò si aggiungono una passeggiata lungo gli Champs Elysees, una passeggiata a Montmartre per una vista panoramica di Parigi dai piedi del Sacro Cuore e una passeggiata lungo la Senna. Non abbiamo ancora deciso come avvicinarci alla Torre Eiffel. Se salire i gradini, prendere l'ascensore o semplicemente godersi la vista della Torre Eiffel da un battello o dalla cima della Tour Montparnasse è ancora in discussione.

Per l'unica gita aggiuntiva al di fuori dei confini di Parigi, ho suggerito due pernottamenti in Normandia, iniziando con un'escursione attraverso la baia di Mont St. Michel. La Normandia è raggiungibile in poche ore e offre un bel contrasto con la “vita di città” per coloro che desiderano godersi uno scorcio di campagna francese.

Di particolare importanza risulta essere la preparazione per il 1° giorno.

Ottenere un pass per i musei

Il Paris Museum Pass consente l'accesso immediato a circa 60 musei e monumenti di Parigi e dintorni, tra cui Versailles, ma non la Torre Eiffel. Alcuni musei parigini sono attualmente gratuiti per il pubblico, quindi se state cercando di ridurre i costi, potreste controllare se uno dei musei che intendete visitare è elencato tra i musei gratuiti di Parigi.

È possibile acquistare il Paris Museum Pass direttamente allo stand di informazioni turistiche dell'aeroporto CDG. Nel nostro caso, ci siamo recati all'Ufficio del Turismo principale situato in Rue Pyramides (appena dopo l'Eglise St. Roch), Metro: Tuileries.

Acquistare i biglietti della metropolitana in anticipo

Almeno un carnet (o dieci biglietti) dovrebbe permettervi di muovervi. Non vorrete essere sorpresi a cercare gli spiccioli per acquistare i biglietti della metropolitana mentre cercate di destreggiarvi con i bagagli.

Mettersi in contatto prima di salire sull'aereo

Telefonate. Le telefonate prima del volo sono sempre una buona idea per ricordare all'ultimo minuto quali vestiti mettere in valigia. Il clima di giugno in Francia può essere estremamente variabile. Quest'anno, il mese di giugno ha oscillato da giornate perfette e soleggiate a 75 gradi a giornate nuvolose e ventose con un accenno di pioggia. Portate sempre con voi almeno un maglione caldo o una giacca a vento per le notti fresche di Parigi (sì, anche in agosto).

Curiosità: accettando un pizzico di letteratura che strizzi l'occhio alle vacanze, parte di questi termini figura nel libro di pubblico dominio L'arte di prender marito di Paolo Mantegazza, nella seguente frase:

"L'amore fisico li riconciliava talvolta; ma le crudeli torture della miseria facevano durare ben poco il cielo sereno in quella casa, dove scene e lagrime si succedevano come il vento e la pioggia in un mese di marzo, che non finisse mai", che potrebbe far sorridere chi gradisce la commistione di viaggi e cultura.
Maggiori dettagli e altre frasi: Frasi viaggio: marzo, mese, miseria, pioggia, vento, casa.

Cosa c'è di nuovo?

Un secondo motivo per la telefonata pre-volo è quello di fornire aggiornamenti sugli eventi di Parigi. Da lunedì scorso, diversi settori hanno scioperato, tra cui lo sciopero dei camionisti, dei tassisti, di alcuni servizi pubblici e dei porti marittimi.

Scambio di numeri di cellulare. Questo è il momento ideale per confermare i numeri di cellulare per le comunicazioni all'arrivo.

Avete già cambiato la vostra valuta nazionale in euro? Alcune banche richiedono un preavviso di almeno due giorni per il cambio di valuta. Di solito è possibile utilizzare la carta di credito per prelevare euro dai bancomat a Parigi, ma è meglio avere un po' di contanti a portata di mano per gli imprevisti (ad esempio, il ristorante che non accetta carte di credito o il chiosco dell'edicola che potrebbe non accettare il pagamento con carta di credito per la ricarica del cellulare).

Il motivo per cui parlo di questi argomenti: valuta, vestiti giusti, numeri di cellulare e scioperi, è che sono stati tutti presi in considerazione durante il primo giorno.

Anche se siamo riusciti a prendere la navetta Air France delle 7 del mattino a Montparnasse per incontrare i nostri amici all'aeroporto, quando siamo tornati siamo stati informati che la navetta di ritorno a Montparnasse era stata cancellata a causa di uno sciopero.

Nota: per qualche motivo, quando le navette Air France scioperano, è invariabilmente la fermata di Montparnasse della Rive Gauche a essere penalizzata.

Grazie al fatto di avere a portata di mano i numeri di cellulare (con la possibilità di chiamare anche i numeri esteri), abbiamo potuto comunicare con gli amici da un lato all'altro della barriera doganale.



Prima fermata: Arco di Trionfo

A volte uno sciopero può rivelarsi utile. La navetta alternativa di Air France ci ha portato direttamente all'Arco di Trionfo (Charles de Gaulle Etoile), quindi in effetti abbiamo iniziato il viaggio con un mini tour della riva destra. Qui sarete davvero contenti di aver fatto le valigie leggere: una borsa a mano a persona è tutto ciò di cui avrete bisogno per sei giorni in Francia. Fidatevi di me. Sarete molto felici quando dovrete trascinare quella borsa a rotelle su e giù per le scale della metropolitana.

Grazie ad un valoroso volontario, che si è offerto di occuparsi dei bagagli su una panchina del parco, quattro di noi si sono diretti verso il sottopassaggio che conduce all'Arco di Trionfo. Prima di salutare chi vi ha affidato i bagagli, assicuratevi di annotare in quale dei dodici viali avete lasciato la persona amata e tutti i vostri effetti personali. Questo vi eviterà di fare il giro di tre quarti di Place Charles de Gaulle Etoile (nella direzione sbagliata).

Si noti che per raggiungere l'Arco di Trionfo è necessario prendere il tunnel sotterraneo (a meno che non ci si senta particolarmente suicidi). Una volta entrati nella metropolitana, seguite le indicazioni ben segnalate e l'icona dell'Arco di Trionfo. Il corridoio è scarsamente illuminato, quindi fate attenzione a ciò che vi circonda e ai vostri effetti personali.

Ci sono dodici viali che confluiscono nell'Arco di Trionfo, per questo è chiamato Etoile o Stella - dal cielo sembra una stella. All'Arco di Trionfo si può camminare intorno all'Arco e visitare gratuitamente la tomba del milite ignoto. Se si vuole salire in cima, naturalmente, si paga (l'Arco di Trionfo è uno dei siti inclusi nel Museum Pass).

Quando finalmente ci ricongiungiamo con il buon amico, dopo una raffica di foto davanti all'Arco di Trionfo, dietro l'Arco di Trionfo, di lato all'Arco di Trionfo, ci infiliamo nella fermata della metropolitana più vicina. La linea #6 ci porterà da Charles de Gaulle-Etoile direttamente a Edgar Quinet a Montparnasse per soli 1,50 euro a persona. Lo sciopero ci è costato però 7,50 euro in più. Se avessimo dovuto prendere un taxi, sarebbe costato molto di più! Per fortuna tutti i membri del nostro gruppo di viaggiatori esperti si sono limitati a una sola borsa a rotelle facilmente manipolabile!

La linea numero 6 offre ai visitatori che si recano a Parigi per la prima volta la possibilità di ammirare non solo la Senna, ma anche la Torre Eiffel, quando il treno sotterraneo si alza dal suolo abbastanza a lungo da consentire queste due splendide vedute. Adoro questa linea della metropolitana. Si possono osservare le finestre posteriori degli eleganti appartamenti del quartiere della Torre Eiffel. Si può cogliere il luccichio del sole del tardo pomeriggio sulla Senna.

Quando si è poveri, per un momento si può immaginare di essere un abitante del quartiere per un breve periodo. Attraversando la Senna ad alta velocità, anche i passeggeri della metropolitana diventano VIP con accesso non-stop alla Rive Gauche. Ahhh! Se solo la principessa Diana avesse scelto la metropolitana. Avrebbe lasciato i paparazzi a bocca aperta. Sapevate che l'erede al trono di Francia prendeva la metropolitana? La metropolitana è il grande equalizzatore di Parigi. Non solo, ma quando la SNCF non è in sciopero, è tremendamente veloce ed efficiente.

Rimedio al jet-lag: cibo e sonno

I due problemi principali del primo giorno a Parigi sono il cibo e il sonno.
Per questo motivo, una volta che tutti i bagagli sono stati lasciati al sicuro nell'appartamento, abbiamo un gran bisogno di rifornirci di carburante, non di una cucina da stella Michelin per il primo giorno, ma di un buon pasto sostanzioso.

Poiché un'amica ha detto di non aver mai provato il cibo francese, ho suggerito di andare a Rue Montparnasse per provare una galette (frittella) o una crepe tradizionale bretone. La galette è normalmente farcita con ingredienti salati come salsiccia, formaggio, uova e verdure varie. La crepe è la versione dolce riservata al dessert.

La mia prima scelta è sempre Chez Josselin, il ristorante più vicino all'incrocio tra Edgar Quinet e Rue Montparnasse. Ci sono diversi ottimi motivi per frequentare Chez Josselin.

Innanzitutto, il cibo è tradizionale e servito in un ambiente tradizionale bretone. In secondo luogo, il prezzo è molto conveniente per il portafoglio (ma non cercate di usare la carta di credito: accettano solo contanti!). Un ristorante a Parigi dove si possono sfamare cinque persone (cinque galettes più due bottiglie di sidro aromatizzato per 50 euro) è un motivo sufficiente per tornare. Non c'è da stupirsi che ci sia una fila di persone in attesa di un posto in questo ristorante che accoglie il maggior numero possibile di persone calde, per giunta di mercoledì sera. Per fortuna siamo qui a metà pomeriggio, subito dopo l'ora di pranzo.

Infine, la ciliegina sulla torta è il cordiale saluto della nostra padrona di casa, che ci dice che siamo i benvenuti a “braccia aperte”. Negli ultimi anni ho frequentato molti ristoranti a Parigi e questo è l'unico posto in cui il proprietario ci ha suggerito di accoglierci a braccia aperte. Presto saranno due baci su ogni guancia.

Ci fermiamo in Blvd. Edgar Quinet per una piccola discussione sulle fontane di Robert Wallace il quale era l'inglese che amava così tanto Parigi da farle il miglior regalo che si potesse desiderare: acqua potabile pubblica gratuita presentata in ornate fontanelle (che una volta includevano tazze annesse).

Ora torniamo all'appartamento per un lungo e beato sonno indotto dal jet-lag. Non importa quando ci sveglieremo. La Torre Eiffel ci aspetta.

Creperia Chez Josselin
67 Rue du Montparnasse.
75014.
Nota: se andate a cena, arrivate presto per prendere un tavolo prima della folla.
Metro: Edgar Quinet.

Visitatori disabili per la Journée du Patrimoine


Il Castello di Versailles è uno dei luoghi che offre visite pensate per i visitatori in sedia a rotelle. In particolare, il Grand Trianon sarà il punto focale di una visita guidata gratuita per i visitatori disabili e i loro accompagnatori. Le sedie a rotelle possono essere prese in prestito sul posto per la visita. È possibile che venga richiesto di presentare i documenti che attestino il proprio stato di handicap.

Oltre al Grand Trianon, vengono organizzate visite ai giardini per bambini disabili sotto la voce "Enfants du Patrimoine".

Un parcheggio gratuito sarà disponibile in Place d'Armes.

Tornando a Parigi, l'Arco di Trionfo accoglie i visitatori audiolesi per una visita guidata (l'accesso in sedia a rotelle non è disponibile per la sommità dell'Arco di Trionfo, che può essere raggiunta solo tramite gradini).

Fino agli ultimi anni, Parigi è stata clamorosamente carente di accessi per i disabili. Lentamente, ma inesorabilmente, i trasporti pubblici e gli attraversamenti stradali stanno iniziando a fare progressi, ma la strada da percorrere è ancora lunga.

Il sistema della metropolitana include indicatori a pavimento per aiutare gli utenti ipovedenti a evitare i binari, ma pochi incroci utilizzano i segnali stradali acustici. Alcuni autobus urbani sono ora accessibili alle sedie a rotelle.  Continua... Visitatori disabili per la Journée du Patrimoine


Altri interessanti articoli del sito correlati:

Arco di Trionfo a Parigi
Monumenti iconici di Parigi
Cosa fare per Capodanno a Parigi
Guida agli hotel di Parigi
3 giorni a Parigi: cosa non perdere
Carte sconto, Pass e vantaggi
Bilancio giornaliero a Parigi: quanto denaro portare
Visitatori disabili per la Journée du Patrimoine


Visitare Parigi


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti