Parigi

Parigi.com

14 personaggi famosi sepolti a Parigi


Se ci seguite da tempo, avrete sicuramente notato che ogni volta che sul sito viene pubblicato un articolo su un cimitero di Parigi, viene fornito un elenco di tutti i personaggi famosi che vi sono sepolti. Parigi è stata per centinaia di anni una tale calamita per i vivi che non dovrebbe sorprendere che così tante persone famose abbiano voluto fare della Città delle Luci il loro ultimo luogo di riposo.



Una nota interessante è che a Parigi vige la legge secondo cui le persone devono essere sepolte nei cimiteri, il che rende alcune delle persone di questo elenco (quelle sepolte al Pantheon o all'Istituto Pasteur) delle eccezioni alla regola. I nomi delle persone non sepolte nei cimiteri dimostrano che si tratta di un onore concesso dal governo francese.

Facciamo quindi un piccolo tour di alcune delle tombe più famose di Parigi, tenendo presente che ce ne sono molte altre.

Jim Morrison

Questa è forse la tomba più famosa di Parigi, anche se l'occupante non è nemmeno francese. Morrison morì in una vasca da bagno a Parigi e da allora la sua tomba a Pere Lachaise è un luogo di pellegrinaggio per i fan dei Doors (e per gli ubriaconi in generale). I fan di Jim erano soliti decorare con graffiti le tombe che circondano la sua, così come i punti del cimitero, ma i funzionari del cimitero hanno dato un giro di vite a questa pratica. È comunque possibile condividere una birra con il cantante, come fanno in molti, versando metà del contenuto della lattina sulla sua tomba. Per inciso, l'iscrizione greca sulla lapide della tomba si traduce approssimativamente in "fedele al proprio spirito".

Napoleone Bonaparte

Non dovrebbe sorprendere che questo antico imperatore francese sia sepolto a Parigi, o che il suo famoso grande ego sia sepolto per sempre in qualcosa di diverso da un'enorme tomba nella tomba. Napoleone è sepolto a Les Invalides a Parigi, sotto la gigantesca cupola dorata, ma fu trasferito qui solo nel 1861 (morì nel 1821 e fu originariamente sepolto sull'isola di Sant'Elena). Il suo sarcofago è davvero da vedere: è insondabilmente grande, soprattutto per un uomo così piccolo. Ma quando si scopre che il corpo dell'imperatore è al centro di molti strati, tutto ha più senso. È subito circondato da sei bare progressivamente più grandi, fatte di latta, mogano, piombo, ebano e quercia, e poi c'è l'enorme marmo esterno, che è la parte che si vede. No, quest'uomo non aveva affatto un complesso di inferiorità.

Frederic Chopin

Musicista di altro genere rispetto a Morrison, anche il compositore Chopin è sepolto a Pere Lachaise, ma invece di regalare birra e sigarette, gli ammiratori lasciano regolarmente mazzi di fiori sulla sua già bella tomba. Non importa che sia morto nel 1849. Se visitaste la sua tomba oggi, pensereste che sia morto la settimana scorsa dalla quantità di fiori che vi sono stati lasciati. Ma ciò di cui molti fan non si rendono conto è che il compositore polacco, pur avendo vissuto a Parigi per molti anni, non è rimasto completamente a Parigi da morto. Infatti, la tomba di Pere Lachaise contiene tutto tranne il cuore di Chopin. Secondo le sue ultime volontà, il suo cuore è stato rispedito a Varsavia ed è sepolto nella chiesa della Santa Croce.

Louis Braille

Il nome in sé potrebbe non essere familiare, ma il sistema di lettura che ha inventato dovrebbe esserlo. Louis Braille era cieco dall'età di tre anni, dopo essersi ferito a un occhio con uno degli attrezzi per la lavorazione del legno del padre, e sebbene esistessero già dei sistemi di lettura per i non vedenti, erano tutti immensamente complicati. Il suo sistema, che prese il nome da lui, prevedeva l'utilizzo di punti in rilievo su un foglio di carta che la persona cieca o ipovedente poteva decifrare facendo scorrere le dita sui punti - e lo inventò all'età di 15 anni. Il Braille è stato successivamente adattato per includere notazioni musicali e matematiche, e sono state realizzate versioni per quasi tutte le lingue conosciute. L'uomo stesso divenne insegnante presso l'istituto per ciechi dove era stato studente e morì di tubercolosi a Parigi nel 1852 all'età di 43 anni. Nel 1952, in occasione del centenario della sua morte, la sua salma ha ricevuto un posto d'onore al Pantheon.

Victor Hugo

Quasi tutte le città e i paesi di Parigi hanno una strada intitolata a questo personaggio, quindi avrete sicuramente visto il suo nome, ma chi era? Victor Hugo è stato uno scrittore francese del XIX secolo e un attivista politico che è stato esiliato per più di 20 anni a causa delle sue convinzioni politiche. Al di fuori della Francia è conosciuto soprattutto come l'autore de "I Miserabili" e de "Il gobbo di Notre Dame", ma in Francia la sua politica di sinistra e le sue affermazioni a voce alta gli valsero il rispetto di innumerevoli cittadini che la pensavano come lui. Quando tornò dall'esilio nel 1870, Hugo fu considerato un eroe nazionale ed eletto all'Assemblea Nazionale e al Senato. Morì a Parigi nel 1885 all'età di 83 anni e più di due milioni di persone si recarono a Parigi per assistere al suo corteo funebre. È sepolto in una cripta del Pantheon di Parigi che condivide con Emile Zola e Alexandre Dumas.

Gustave Eiffel

Ecco un altro nome che vi sarà familiare, anche se non sapevate che era nient'altro che il nome di una famosa torre. Gustave Eiffel era l'ingegnere e architetto francese che progettò la Torre Eiffel, il simbolo più noto di Parigi (se non uno dei più noti al mondo). La torre fu costruita alla fine del 1880 per l'Esposizione Universale di Parigi del 1889 e, sebbene sia l'unica cosa progettata da Eiffel che porta il suo nome, non è certo l'unico monumento di fama mondiale a cui ha lavorato. Infatti, la struttura interna della Statua della Libertà è stata progettata da Eiffel, quindi anche se dall'esterno non si vede il suo lavoro, è certo che senza lo scheletro metallico di Eiffel quel simbolo non sarebbe stato realizzato. Eiffel morì nel 1923 all'età di 91 anni ed è sepolto nel cimitero di Levallois-Perret a Parigi.



Edith Piaf

Potreste aver sentito la voce di questa leggendaria cantante francese senza sapere chi fosse, a meno che non abbiate visto il recente film premio Oscar "La Vie en Rose" sulla vita della Piaf. In ogni caso, la sua voce è così strettamente associata a Parigi che non sarebbe appropriato che fosse sepolta in un altro luogo che non sia Parigi. E la sua tomba nel cimitero di Pere Lachaise, come quella di Chopin, è spesso ricoperta di fiori come se la sua morte fosse recente e non del 1963. Sebbene le sia stata negata una vera e propria messa funebre dalla Chiesa cattolica, il percorso del suo corteo funebre è stato costeggiato da migliaia di persone in lutto, molte delle quali sono rimaste fuori dai cancelli di Pere Lachaise fino a quando non è stata celebrata una breve funzione improvvisata accanto alla sua tomba.

Eugene Delacroix

Dopo aver visitato il Louvre (o altri innumerevoli musei d'arte in tutto il mondo) e aver visto le opere di Delacroix, non c'è motivo di non rendere omaggio alla sua tomba a Parigi. Tra i suoi dipinti più famosi ricordiamo "La libertà che guida il popolo", "La barcaccia di Dante" e persino un ritratto di Frederic Chopin. Morì nel 1863 ed è sepolto nel Cimitiere du Pere Lachaise in un'enorme tomba nera (non potete sbagliare, il suo nome è inciso in oro sul lato). Tra i suoi dipinti più famosi si annoverano "La libertà che guida il popolo", "La barca di Dante" e persino un ritratto di un altro residente del Pere Lachaise, Frederic Chopin.

Simone de Beauvoir e Jean Paul Sartre

Al giorno d'oggi non ci sorprendiamo quando i personaggi famosi si mettono con altri personaggi famosi. Anzi, siamo più sorpresi quando si mettono con persone comuni. Non dovrebbe quindi sorprendere che due nomi famosi come Simone de Beauvoir e Jean Paul Sartre non solo siano stati amanti nella vita, ma condividano anche una tomba nel cimitero di Montparnasse. La Beauvoir era una scrittrice e femminista francese, forse famosa soprattutto per il suo libro "Il secondo sesso", mentre Sartre era uno scrittore e filosofo francese. L'opera più nota di Sartre è probabilmente "L'essere e il nulla". (Sartre morì nel 1980, seguito dalla Beauvoir nel 1986.

Man Ray

Oltre ad avere uno dei nomi più semplici (e chiaramente falsi) di questo elenco, Man Ray è noto soprattutto come artista surrealista americano. Visse gran parte della sua vita a Parigi e lavorò principalmente come fotografo con un gusto per l'avanguardia. Era talmente dedito alla sua arte che si attribuì persino il merito di aver inventato il cosiddetto "Rayograph", una fotografia fatta senza macchina fotografica, in cui metteva degli oggetti sulla carta fotografica e poi li esponeva alla luce. Si discute se abbia effettivamente inventato questo processo, ma se così fosse, innumerevoli bambini delle scuole elementari lo devono ringraziare per uno dei loro progetti artistici. Ray morì a Parigi nel 1976 ed è sepolto nel Cimitero di Montparnasse.

Marcel Marceau

Non conoscete il nome di Marcel Marceau? Allora conoscerete la sua arte. Marceau è stato il mimo più famoso del mondo. In effetti, è tuttora considerato il miglior mimo mai esistito (e scommetto che non sapevate che esistesse un "miglior mimo"). Sebbene Marceau non abbia inventato il mimo, a lui si deve gran parte di quello che oggi consideriamo il repertorio tipico di un mimo. Essere intrappolati in una gabbia invisibile? Camminare contro un vento invisibile? Sì, questi erano classici di Marceau. E anche il caratteristico "moonwalk" di Michael Jackson si basa sul lavoro di Marceau. Quindi, quando siete a Parigi, andate a Pere Lachaise e rendetegli omaggio (in silenzio).

Marie Curie

Mentre le donne ancora oggi lottano per farsi un nome nel mondo della scienza, dominato dagli uomini, Marie Curie era molto avanti rispetto ai suoi tempi. Non solo si è laureata in matematica e fisica, ma è stata la prima donna in tutta Europa a ottenere un dottorato in scienze. Fu la prima donna a vincere il Premio Nobel per la Fisica (vinto insieme al marito e collega scienziato) nel 1903, la prima donna a diventare professore e docente alla Sorbona di Parigi e vinse un secondo Premio Nobel per la Chimica nel 1911. Morì nel 1934 e fu la prima donna a essere sepolta nel Pantheon, non solo per via del marito. In molti modi, Curie continua a ispirare generazioni di donne interessate alla scienza. Vai così, ragazza.

Louis Pasteur

Ecco un altro nome che potrebbe sembrarvi familiare, e per una buona ragione: ogni volta che bevete latte pastorizzato, dovete ringraziare Louis Pasteur. Questo scienziato francese è colui che ha inventato la pastorizzazione come metodo di conservazione degli alimenti, anche se solo dopo la sua morte il processo da lui sviluppato è stato battezzato con il suo nome. Ma la pastorizzazione non è l'unica cosa che Pasteur ha fatto per salvare il pubblico dalle malattie: a lui si deve anche lo sviluppo del primo vaccino contro la rabbia e gran parte del suo lavoro riguardava la teoria dei germi. Pasteur morì nel 1895 e fu inizialmente sepolto nella Cattedrale di Notre Dame, ma il suo corpo fu poi trasferito in una tomba dell'Istituto Pasteur, fondato a suo nome nel 1888.

Rin Tin Tin

Che razza di lista sarebbe questa senza almeno un partecipante non umano? A dire il vero, sarebbe una lista normale (soprattutto con un titolo come "persone famose sepolte a Parigi"). Ma Parigi non è una città normale. Uno dei cimiteri che vale la pena visitare in città è il Cimitero dei cani di Parigi, il cui residente più famoso è il cane Rin Tin Tin. Rin Tin Tin era un pastore tedesco che ha recitato in diversi film di Hollywood, ma in realtà è nato in Francia. Da cucciolo, fu salvato da un canile bombardato durante la Prima Guerra Mondiale da un militare americano che lo riportò a Los Angeles e lo fece diventare una star del cinema. Il nome Rin Tin Tin deriva da un pupazzo francese che era popolare tra i bambini francesi dell'epoca. Quando Rin Tin Tin morì nel 1932 a Los Angeles, il militare che lo aveva originariamente salvato e che rimase il suo padrone per tutta la vita fece in modo che il corpo del cane venisse riportato in Francia, in modo che potesse essere sepolto nel Paese in cui era nato.


Visitare Parigi


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti