Parigi

Parigi.com

Parigi nascosta: attrazioni poco note del centro


In una città così amata e battuta come Parigi, si potrebbe pensare che ogni piccolo angolo sia già stato scoperto e sfruttato. E in gran parte è vero: sono poche le vere "gemme nascoste" a Parigi, come scoprirete semplicemente cercando questa frase su internet. Tutti e il loro fratello hanno scritto di Parigi nascosta, e questi elenchi tendono a somigliarsi sempre di più.



Quindi cosa ci faccio a scrivere un'altra lista di Parigi nascosta?

Beh, dopo aver consultato io stessa alcune di queste liste, mi sono resa conto che molte di esse si trovano in luoghi che la maggior parte dei turisti non frequenta. Dovreste uscire dal vostro percorso per trovare le attrazioni nascoste di Parigi? È certamente possibile, ma in una città delle dimensioni di Parigi, penso che non si debba essere costretti a farlo. Forse non ci sono gemme ancora da scoprire a Parigi, ma di certo ci sono musei che pochissime persone visitano, giardini che sono frequentati solo da un gruppo di persone del posto e tesori inaspettati che punteggiano la città come tante uova di Pasqua.

Ecco quindi la mia guida ai luoghi nascosti di Parigi, facilmente raggiungibili.

Gemme nascoste di Parigi

Statua della Libertà a Parigi

Molti sanno che la famosa Statua della Libertà che abbellisce il porto di New York è un dono della Francia e alcuni visitatori di Parigi sanno che nei Giardini del Lussemburgo si trova un modello esatto. Ma forse non sapete che a Parigi ci sono altre due statue della Libertà, oltre a un modello a grandezza naturale del suo dito e della torcia. Trovare tutte le Liberty di Parigi è una divertente caccia al tesoro per bambini di tutte le età.

Oltre al modello in bronzo nel Jardin du Luxembourg (che è stato il primo modello utilizzato per progettare la statua che è stata inviata a New York), c'è una Lady Liberty alta 37 piedi vicino al ponte Grenelle sull'Ile des Cygnes. Per la copia a grandezza naturale della torcia, è necessario trovare il tunnel Pont de l'Alma, vicino agli Champs-Elysees. Si dà il caso che questo tunnel sia anche quello in cui morì la principessa Diana, quindi la torcia all'ingresso non è l'unico motivo per cui la gente scatta foto (in realtà, la maggior parte probabilmente ignora del tutto la torcia).

Per trovare l'ultima Statua della Libertà a Parigi - e il suo dito a grandezza naturale - è necessario visitare il Musee des Arts et Metiers, il museo della scienza e dell'industria di Parigi. Una delle esposizioni del museo mostra la progressione del progetto della statua e comprende un modello di 3 metri del prodotto finale. Questo modello in scala è stato utilizzato per progettare quella che oggi si trova a New York.

Il duplicato della statua si trova nei Giardini del Lussemburgo.

Sede dell'UNESCO e Giardino della Pace

Tutti abbiamo sentito parlare dei siti del patrimonio mondiale dell'UNESCO e probabilmente ne abbiamo visitati un miliardo. Ma sapevate che la sede mondiale dell'UNESCO è a Parigi? Se volete fare una visita guidata alla sede centrale, dovrete prendere accordi in anticipo, ma se volete visitare l'incantevole Giardino della Pace dell'UNESCO, potete farlo in qualsiasi momento.

Il giardino dell'UNESCO è un giardino in stile giapponese con una particolarità: mentre un giardino giapponese tradizionale non può essere visto nella sua interezza da un solo punto di vista, il Giardino della Pace dell'UNESCO lo può fare: il giardino superiore ha una piattaforma da cui si può osservare l'intera struttura. Ma una delle cose che rende questo giardino davvero speciale e degno di essere visitato è il cosiddetto "Angelo di Nagasaki".

Questo angelo di pietra è stato estratto dalle rovine di Nagasaki durante lo sgombero delle macerie nel 1945 e un tempo ornava la facciata della chiesa di Urakami in quella città. In effetti, questo piccolo frammento di pietra era l'unica cosa rimasta della chiesa dopo lo sganciamento della bomba atomica e fu visto come un segno di speranza quando fu scoperto. L'angelo è stato regalato all'UNESCO nel 1976 dalla città di Nagasaki e collocato nel Giardino della Pace giapponese.

La sede mondiale dell'UNESCO si trova al 7 di Place de Fontenoy, nel 7° arrondissement, vicino alla Torre Eiffel.

Chapelle Expiatoire: luogo di sepoltura dei reali francesi decapitati

Tra le quasi innumerevoli chiese e cappelle di Parigi, molte delle quali meritano di essere visitate e rientrano sicuramente nella categoria "da vedere", la Chapelle Expiatoire è una di quelle trascurate e piuttosto interessanti. Fu fatta costruire all'inizio del XIX secolo dal re Luigi XVIII in un'area del cimitero della Madeleine dove il re Luigi XVI e la regina Maria Antonietta erano stati sepolti in una fossa comune nel 1793.

I membri decapitati della famiglia reale furono riesumati nel 1815 dopo che il terreno in cui erano stati sepolti era stato acquistato e curato da un magistrato realista. I resti furono identificati (anche se con mezzi dubbi) e trasferiti nel mausoleo reale francese di Saint-Denis. Anche se il re e la regina non sono più sepolti qui, la Chapelle Expiatoire è un ricordo duraturo degli ex abitanti di questo luogo. Oggi qui sono sepolti i resti di 3.000 persone morte durante la Rivoluzione francese.

La Chapelle Expiatoire si trova nell'8° arrondissement al 29 di rue Pasquier.

Le Musee du Vin: Se lo bevete, tanto vale imparare qualcosa su di esso

In un Paese così dedicato al vino, è logico che ci sia un museo dedicato al vino, giusto? Siete fortunati, perché il Musee du Vin di Parigi è proprio questo. Il museo, inaugurato nel 1984, presenta esposizioni che illustrano la storia e le tecniche di produzione del vino francese. Ma non si accontenta di parlare e mostrare i vini francesi, il museo è anche un ristorante e una sala di degustazione.



Ospitate nelle ex cantine dell'Abbazia di Passy, risalenti al XIV secolo, le esposizioni sono quelle divertenti della vecchia scuola con modelli in cera, ma il tutto è educativo e interessante (se siete appassionati di vino, s'intende). È consigliabile programmare la visita in modo che il ristorante sia aperto e, ancora meglio, se è in corso un corso di degustazione di vini, ma anche in caso contrario il biglietto d'ingresso vi darà un bicchiere di vino.

Il Musee du Vin si trova nel 16° arrondissement al numero 5 di Square C. Dickens, all'estremità del ponte Bir-Hakeim, dall'altra parte del fiume rispetto alla Torre Eiffel. Per informazioni sulla visita al museo, sul programma di degustazione e sul menu del ristorante, consultare il sito ufficiale del museo.

Il Passatore attraverso i muri: Le sculture stravaganti sono sempre un'attrazione per le folle

Chiunque abbia visitato il cimitero di Pere Lachaise a Parigi e abbia visto la serie di interessanti tombe scultoree che vi sono esposte non sarà sorpreso di trovare un po' di bizzarria scultorea anche a Montmartre, ma se non ve l'aspettate allora potrebbe spaventarvi, soprattutto se è buio e avete passato troppo tempo a degustare vini al Musee du Vin.

Lo scrittore parigino Marcel Aymé viveva a Montmartre e, alla sua morte, è stato immortalato con un'opera d'arte non lontana dalla sua vecchia casa che ricorda uno dei suoi racconti più famosi. "Le Passe-Muraille" si traduce all'incirca come "il camminatore attraverso i muri" ed è un racconto che parla di un uomo che scopre, a metà della sua vita, di poter passare attraverso i muri. Il monumento scultoreo rappresenta il busto, la gamba e le braccia di un uomo che attraversano un muro, come se lo attraversasse.

Se Le Passe-Muraille vi fa sorridere e volete rendere omaggio alla tomba di Aymé, è sepolto nella Cimitiere Saint-Vincent a Montmartre.

La scultura del Passe-Muraille si trova nella Place Marcel-Aymé di Montmartre, nel 18° arrondissement, all'angolo tra Rue Norvins e Allee des Brouillards.

Gioielleria Georges Fouquet: Il volto della Belle Epoque

All'interno del Museo Carnavalet di Parigi (anch'esso poco apprezzato), un museo dedicato alla storia di Parigi, troverete molte cose che vi interesseranno e vi intratterranno - dal letto di Marcel Proust all'astuccio da toilette di Napoleone - ma se siete minimamente interessati al movimento artistico noto come Art Nouveau, dovrete fare una visita speciale alla gioielleria Georges Fouquet, la cui intera struttura è ora conservata all'interno del museo.

Alphonse Mucha, unico responsabile della creazione dello stile che chiamiamo Art Nouveau, progettò questa gioielleria nel 1901 ed è assolutamente ricoperta dalle sue caratteristiche linee fluide e dai ritratti in vetro colorato di belle donne allungate. Questo stile organico ha incarnato quella che oggi chiamiamo Belle Epoque e il Musee Carnavalet ha diverse sale che mostrano il meglio della Belle Epoque che potete ammirare, ma la gioielleria è semplicemente uno schianto.

Si può solo immaginare come doveva essere la ricerca e l'acquisto di gioielli in questo negozio un tempo. Acquistare gioielli all'interno di un gioiello? Che bello.

Il Musee Carnavalet si trova nel Marais, non lontano da Place des Vosges, nel 3° arrondissement, al 23 di rue de Sevigne.

La Maison Rouge: Galleria d'arte contemporanea

Parigi è una città ricca di gallerie d'arte e musei, quindi inserire una galleria d'arte in un elenco di "attrazioni nascoste di Parigi" potrebbe sembrare un po' azzardato. Ma ascoltatemi. La Maison Rouge, o La Casa Rossa, è una galleria dedicata interamente all'arte contemporanea e specializzata in mostre temporanee di opere d'arte altrimenti segregate in collezioni private. Quindi, oltre alle mostre regolari che si possono vedere alla Maison Rouge, a seconda del momento in cui la visitate potreste essere in grado di vedere qualcosa che non è tipicamente visibile agli occhi del pubblico.

Fondata nel 2000 da un ex gallerista, La Maison Rouge è una fondazione per la promozione dell'arte contemporanea, ma prende il nome dalla vera e propria casa rossa che si trova al centro dello spazio espositivo. Le quattro aree della galleria circondano la casetta rossa al centro, che è interamente racchiusa nel nuovo edificio della fondazione. A differenza della maggior parte delle gallerie d'arte, questa fa pagare un biglietto d'ingresso (per sostenere la fondazione), quindi è meglio che vi piaccia l'arte se volete spuntarla dalla vostra lista.

Se decidete di andarci, notate che in loco c'è un piccolo caffè e un'eccellente libreria (utile se cercate informazioni sull'arte esposta, decisamente assente sulle pareti della galleria).

La Maison Rouge si trova vicino a Place de la Bastille, nel 12° arrondissement. Le informazioni per i visitatori si trovano al link "pratiche" del sito ufficiale.

Le Petit Palais: Piccolo Palazzo, Museo di Nizza

Quando il mondo era così disconnesso da aver bisogno di cose come le Fiere Mondiali, Le Petit Palais (il Piccolo Palazzo) fu costruito per l'Esposizione Universale del 1900. L'edificio è considerato un gioiello architettonico ed è stato usato come ispirazione per edifici in altre parti del mondo, tra cui un museo reale a Bruxelles e un museo di belle arti a Santiago.

Oggi il Petit Palais ospita un museo cittadino dedicato alle belle arti (il Musee des Beaux-Arts de la Ville de Paris). La collezione permanente è stata lasciata in eredità da una famiglia e comprende dipinti rinascimentali francesi e italiani, dipinti medievali e rari manoscritti francesi. La famiglia lasciò anche un fondo per l'acquisto di altri oggetti per il museo, così la collezione si è notevolmente ampliata dal 1900.

Oltre alla collezione del museo e all'architettura ornata dell'edificio stesso, è possibile ammirare il grazioso giardino e il cortile del Palais. La visita è completamente gratuita. (Le mostre speciali costano un po', ma la collezione permanente e il giardino sono gratuiti).

Il Petit Palais si trova vicino agli Champs-Elysees nell'8° arrondissement, in Avenue Winston Churchill, non lontano dal Grand Palais.


Visitare Parigi


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti