Parigi

Parigi.com

Catherine Bellier e Luigi XIV


Come ha fatto una donna senza titolo, sposata a un mercante, a finire nel letto del re Luigi XIV sedicenne? A Catherine Bellier, ancella della regina Anna d'Austria, madre di Luigi XIV, fu affidato il compito di "indottrinare" ai piaceri carnali il giovane re per volere della madre.



Curiosità: accettando un pizzico di letteratura che strizzi l'occhio alle vacanze, parte di questi termini figura nel libro di pubblico dominio Confessioni di un Italiano di Ippolito Nievo, nella seguente frase:

"Sperava che il Vice–capitano mi avrebbe concesso una dozzina di quegli Schiavoni che capitavano tutti i giorni, avviati a Venezia, e che monsignor Orlando mi avrebbe procurato una donna, un'infermiera da porre al letto di sua madre", che potrebbe far sorridere chi gradisce la commistione di viaggi e cultura.
Maggiori dettagli e altre frasi: Frasi viaggio: donna, dozzina, letto, madre.

Incredibilmente, Catherine Bellier era considerata essere estremamente brutta. Fu soprannominata “Catone dall'occhio solo”. Fu proprio grazie alla sua bruttezza che ebbe accesso alle stanze private del re senza destare il sospetto di qualche “marachella”.

Alcuni storici sostengono che la confidente della regina non avesse questo “privilegio”, ma curiosamente Catherine Bellier finì per essere nobilitata con il titolo di baronessa di Beauvais. Evidentemente doveva aver fatto qualcosa di spettacolare per guadagnarsi il favore della regina.

La regina Anna le fornì le pietre che avrebbero aiutato la baronessa de Beauvais e suo marito a costruire un'elegante casa di città al numero 68 di Rue Francois Miron, progettata dall'architetto LePautre. Ancora oggi, i volti scolpiti in pietra dei principali “attori” di questa storia reale decorano le pareti del cortile: il volto attraente e ben proporzionato della regina Anna contrasta nettamente con quello di Caterina l'Orbo, ma la complicità tra queste due donne per assicurare alla Francia un re con un erede ha dato loro un obiettivo comune.

Se vi state chiedendo perché una madre avrebbe imposto al figlio una donna così brutta, l'esperienza della regina Anna come giovane sposa può spiegare le sue motivazioni. Il padre di Luigi, Luigi XIII, non era esattamente un genio quando si trattava di procreare. Ci vollero quindici anni di matrimonio prima che generasse un figlio per la regina Anna. A quanto pare non gli venne in mente che un buon inizio sarebbe stato dormire nello stesso letto. Solo dopo essere stato sorpreso da un temporale, durante una battuta di caccia, e aver permesso alla regina di spogliarsi dei suoi vestiti bagnati e di condividere il suo letto per la notte, il re acquisì finalmente una certa saggezza carnale. Fortunatamente, per il giorno delle nozze di suo figlio, la regina Anna poté essere certa che la futura sposa non avrebbe dovuto aspettare così a lungo.

Per quanto riguarda il barone di Beauvais, anche il suo volto è immortalato sul muro del cortile della casa comunale. Il suo volto è affannato e poco “heureux”, cioè felice. Che sia orba o meno, Caterina continuò ad attirare molte attenzioni amorose durante la sua vita nella casa di Beauvais (oltre a molti debiti), il che dimostra che in Francia non è necessario essere una bellezza sfrenata per avere una schiera di amanti.

Rara all'epoca, la casa di città di Beauvais (chiamata in francese hotel particulier) era dotata di un balcone dal quale la regina, insieme alla baronessa e al barone di Beauvais, avrebbe un giorno guardato il corteo nuziale di Luigi XIV snodarsi lungo Rue Francois Miron verso il palazzo del Louvre.

Sebbene l'Hotel Beauvais non sia aperto al pubblico, è possibile apprezzare alcune delle lavorazioni barocche evidenti nelle sue porte originali in legno intagliato e forse intravedere il cortile dalle proporzioni ingenue, progettato a forma di violino.

L'architetto Lepautre ha ottenuto un'illusione di spazio concentrando l'attenzione verso il centro della casa e i suoi ornati livelli superiori. Le sue ingenuità includono due scalinate ben realizzate: un ingresso per i VIP con un fregio in pietra ornato e il secondo ingresso costruito per consentire un massimo di luce per l'ingresso più discreto di Beauvais (forse per coloro che preferivano essere notati). Sotto il palazzo si trova una delle rare vestigia di cantine medievali. Queste sono state restaurate.



Animali scolpiti, tra cui la capra, adornano le pareti del cortile. Il nome di Catherine de Beauvais “Bellier” significa capra. C'è da chiedersi quanto il nome di una persona influisca sul suo ruolo nella vita.

L'Hotel de Beauvais può essere visitato solo con guide accreditate. Le visite alle case di città come l'Hotel de Beauvais sulla riva destra e l'Hotel de Lauzun si svolgono solo poche volte nel corso dell'anno.

Hotel Beauvais
68 Rue Francois Miron.
Metro: Hotel de Ville.

Parigi misteriosa: narrativa quale migliore guida


Si potrebbe sostenere che la migliore guida di Parigi sia la narrativa.

Ho appena finito di leggere il romanzo di Douglas Kennedy "La femme du Ve" ("The Woman in the Fifth" - "La donna del quinto", con riferimento all'arrondissement 5 di Parigi). Se c'è ancora qualcuno sul pianeta che non ha ancora letto questo thriller parigino - descritto dal Times come "un thriller per chi non ama i thriller", avrò la soddisfazione di sapere che ho fatto girare la voce su un'eccezionale sorta di guida di Parigi, forse sconosciuta come tale ai più.

In pratica, il suddetto libro mette in guardia l'espatriato in difficoltà: non importa quanto siano andate male le cose a casa; se si decide di scappare a Parigi le cose andranno molto peggio.

Prima di tutto, devo ringraziare i miei due amici che mi hanno rimproverato di non aver letto Douglas Kennedy.
"Sai che è americano - probabilmente puoi anche trovare un suo libro in inglese", comprensibile da un italiano che non conosce il francese. Hanno letto tutti i suoi libri in francese.

Ci sono così tante cose che mi piacciono di questo libro - la femme fatale è sorprendentemente "matura" - Harry Ricks è un appassionato di cinema. Trascorre parte delle sue giornate a Parigi alla ricerca di tutti i film revival della città, quando non è alla Cineteca. Esplora parti della città che i turisti vedono raramente e incontra la sua "musa" o la donna del Quinto arrondissement in un salone per ex-patrioti. Il cast di personaggi parigini di Kennedy si snoda come un inseguimento di Keystone Cops, e sono tutti grossi e spavaldi o salaci felini.

Tutto quello che dirò sulla trama è questo: Harry Ricks è un professore di studi cinematografici di una piccola università dell'Ohio che ha appena perso il lavoro, la moglie e la possibilità di vedere suo figlio, a causa di una cosa stupida che ha fatto. Non avendo più nulla, è arrivato a Parigi per fare quello che gli americani (e non solo) persi sognano di fare qui: scrivere.

Quindi, se anche voi rientrate in questa categoria (siamo una legione), dovrete assicurarvi di leggere la guida di Kennedy al lato più squallido di Parigi. Ecco alcuni dei dettagli utili che potreste cogliere:

1. Non fate commenti intelligenti quando passate la dogana.

2. Non date per scontato che la vostra camera d'albergo sia disponibile prima delle 15.00, indipendentemente dal jet-lag.  Continua... Parigi misteriosa: narrativa quale migliore guida


Altri interessanti articoli del sito correlati:

Vita mondana a Versailles
Buoni motivi per andare a Parigi
Cosa aspettarsi dalle camere d'albergo di Parigi
Hotel a Parigi con vista sulla Torre Eiffel
Ostelli della riva destra di Parigi
Ostelli di Parigi a Montmartre
Approfittare delle cose gratuite da fare a Parigi
Marzo a Parigi


Visitare Parigi


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti