Parigi

Parigi.com

Come utilizzare i trasporti pubblici a Parigi


In questa e in altre guide di viaggio su Parigi leggerete più volte che il modo più semplice, economico ed efficiente per spostarsi a Parigi è usare i mezzi pubblici. La maggior parte dei turisti si trova a proprio agio con la metropolitana di Parigi, ma non è l'unico modo per spostarsi nella capitale francese.



Ecco una panoramica delle tre forme di trasporto pubblico a Parigi, compreso il costo di ciascuna, il funzionamento e quando è meglio utilizzarla al posto di un altro metodo.

1. Metropolitana di Parigi

Mentre la metropolitana di New York rimane ancora un mistero per me, mi trovo perfettamente a mio agio nella metropolitana di Parigi. All'inizio, il groviglio di linee colorate sulla mappa della metropolitana mi sembrava disordinato, ma dopo che qualcuno mi ha spiegato le basi del sistema ho avuto il proverbiale "momento di illuminazione" in cui tutto è diventato improvvisamente perfettamente chiaro. Speriamo che anche voi abbiate quel "momento di illuminazione" con la metropolitana di Parigi, perché renderà la vostra visita a Parigi molto più facile.

Che cos'è

La parola "Metro" è l'abbreviazione di "Metropolitain" ed è la metropolitana di Parigi. Metro è un nome abbastanza comune per le reti metropolitane, tanto che anche altre città usano lo stesso termine.

Come funziona

La metropolitana di Parigi ha 16 linee che corrono sotto le strade di Parigi, attraversando la città. Ogni linea è contrassegnata da un numero e da un colore, quindi, sia che stiate guardando una delle mappe della metropolitana di Parigi con codice colore, sia che stiate guardando un cartello che indica una stazione della metropolitana, se conoscete sia il colore sia il numero della linea che state cercando sarete a posto.

Per determinare la direzione di una determinata linea, tracciate il percorso fino alla fine e guardate il nome della stazione. Quello è il nome della direzione desiderata. In altre parole, una linea - con un numero e un colore - avrà due "nomi", uno per ogni direzione in cui viaggiano i treni su quella linea.

Quanto costa

I biglietti della metropolitana di Parigi, chiamati "T+", costano 1,70 euro se acquistati singolarmente, oppure possono essere acquistati in pacchetti da 10 biglietti (chiamati "carnet", pronuncia kar|NAY) per 12,00 euro. Si tratta di veri e propri biglietti cartacei, ognuno dei quali è valido per 90 minuti una volta attraversato un tornello della metropolitana. Questo significa che potete cambiare treno tutte le volte che ne avete bisogno lungo il vostro percorso senza usare un secondo biglietto, purché l'intero viaggio duri meno di 90 minuti.

Quando è meglio

La metropolitana di Parigi è il mezzo di trasporto migliore se il vostro hotel o ostello si trova nel centro della città (uno degli arrondissement 1-20) e se c'è una stazione della metropolitana abbastanza vicina al luogo in cui alloggiate da permettervi di andare avanti e indietro a piedi tra la metropolitana e il vostro alloggio a qualsiasi ora in cui pensate di uscire. Se vi trovate fuori dal centro città, o se c'è una fermata dell'autobus più vicina al luogo in cui alloggiate, allora potreste prendere in considerazione anche un altro mezzo di trasporto - non per sostituire la metropolitana, perché è probabile che la userete ancora per spostarvi da un'attrazione all'altra nel centro città, ma per aggiungere qualcosa che sia più conveniente per la posizione del vostro alloggio.

2. Sistema di autobus di Parigi

Come ogni grande città, Parigi dispone di una rete di autobus come parte del suo sistema di trasporto pubblico. Poiché la metropolitana di Parigi è così facile da usare e copre così bene il centro della città, la maggior parte dei visitatori non si preoccupa mai di conoscere gli autobus di Parigi - e tanto meno si accorge della loro esistenza. Ma per alcuni luoghi della cittnt ways. It is both divided by the the Seine River into Left and Right bank (read Left Bank versus Right Bank to understand more of what that means), but also by neighborhoods, or arrondissements, of which there are 20. Numbering wise, these neighborhoods start in the center and continue in a circular pattern around the city. You will often here people mention a store/restaurant etc. as being “in the 12th,” which is referring to the number of the arrondissement. However, to make things even more confusing, there are also some neighborhoods with names, like the Marais, Latin Quarter and Montmartre.

Buy a good Paris map that marks both and you’ll probably have an easier time getting around and understanding where everything is in relation to other sites.

8. Not all things in Paris are expensive



While you will find many things in Paris to be quite expensive, Paris does not necessarily have to be a city that sucks all the money out of pockets and bank accounts. After living in the city on a poor student’s budget, I learned some valuable tricks for how to save money while still having a great time in Paris. For example, there are plenty of ways to Eat Cheap in Paris. Plus, walking around the city, taking in the sites and people watching for hours costs nothing.

One of my very favorite parts about Paris is that you also don’t have to be stuck eating crepes from street vendors your entire trip to stay on budget. In fact, eating out at nice restaurants is really quite affordable.

Once again, David Lebovitz sums it up perfectly:
There’s lot of top-notch restaurants in Paris where you can get a terrific…no, make that superb…three-course meal for 30€ including tax and tip. I ate at one last night, and had a salad of cured quail on a bed of lentilles de Puy. That was followed by slices of moist rabbit loin on a rectangle of baked macaroni and cheese, which was finished up by a warm crêpe filled with homemade bitter orange marmalade and a scoop of housemade ice cream. Our wine was a 22€ bottle from the Savoie.

I don’t know about you, but I can’t think of any restaurant in San Francisco or New York that offers a three-course meal with wine for less than $50pp, including wine, tax and tip. If you avoid the high-end places, there’s great bargains in Paris.

Most restaurants and cafés offer specially-priced formulas for lunch. A simple corner café lunch can be had for around 12€ and even the high-end places have fixed-priced menus that are much more affordable than at dinnertime.

9. You’ll need voltage converters and adapter plugs for your electronics

Since the modern day traveler rarely goes anywhere these days without a gaggle of things that need to be plugged into the wall, you want to make sure you’ve got the proper adapter plugs before you take off for the land of wine and cheese. France runs on 220 volts, so some of your electronics (like blow dryers) will need a converter switch as well, so you don’t fry it when you plug it in. While most computers will work just fine with a simple adapter plug, I’ve fried more than one hair straighter trying to plug it in in France.

10. Public restrooms are not always free…or easy to find

If you have a full day of walking and sightseeing, it is inevitable that you are going to have to use the restroom when out and about at some point in Paris. However, finding a public restroom can be a bit on the tricky side in Paris.

A great place to look for public restrooms (don’t think you can waltz into a restaurant and ask to use the restroom unless you are a paying costumer) are the many parks scattered throughout the city. The Tuileries and Luxembourg gardens both have nice restrooms. Don’t be surprised to find an attendant, however, and be expected to shell out 40 to 50 centimes when you used them.

You’ll also see those intimidating, automated toilet structures on the streets of Paris. They cost a little bit of money to use, but they do the trick in a pinch. You also can find FREE restrooms in many large department stores.

11. August is vacation month in Paris

Unlike most work obsessed Americans who get 2 weeks of vacation a year, many French take a whole month off in the summer months. Especially during August in Paris, when many people flee the city in the summer to enjoy vacations on the beach in the countryside, many tourists are surprised to find so many museums/shops/restaurants closed for weeks at a time in the summer.

While you may feel annoyed when the restaurant you’ve been told to has a sign hanging in the door that says “closed til August,” this is normal, and you have to admire (and perhaps envy) the French appreciation for time away from work.

However, since there are still many tourists in France, you should have no problem finding a place to eat or things to do in these summer months. Since the weather is usually beautiful in the summer (albeit a little hot and muggy), park cafes and restaurants with large terraces are popular dining spots in the summer months. There are plenty of great options for summer dining in Paris, where you can sip your café or citron pressée in the sunshine and participate in the national French pastime of people watching.

12. Taxis are expensive, especially at night

Probably because the Metro is so quick and easy to use, Taxis in Paris tend to be on the expensive side. A ride that is only a few kilometers long can end up costing you a small fortune. This is especially true late at night, when taxi fares go up even more. This means if you are stuck after the Metro shuts down (at 1 am), you may find yourself having to part with a fat stack of cash just to get home. Stick to the metro or be prepared to pay heft taxi fees if you decide to travel above ground.


Visitare Parigi



Prenotazione hotel a Parigi o in qualunque altra città o località del mondo:
Booking.com


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti