Parigi

Parigi.com

Attrazioni culturali a Timisoara


Una città senza storia e cultura è una città deserta. È una città che non può insegnare nulla ai suoi cittadini. Questo non è sicuramente il caso della capitale della regione del Banato. Ci concentreremo sulle attrazioni culturali di Timisoara.



Cattedrale ortodossa

La Cattedrale ortodossa è stata costruita tra il 1934 e il 1936. Lo stile della cattedrale è bizantino misto a quello della parte settentrionale della Moldavia. La cattedrale vi travolge con le sue dimensioni ma anche con la sua copertura in vetro, che risplende da lontano. Probabilmente "sentirete" la cattedrale quando sentirete in tutta la città le sette campane della cattedrale. All'interno della cattedrale si può ammirare una collezione di antiche opere d'arte religiosa del Banato e i resti di agrifoglio del vescovo Iosif, rimossi dal monastero di Partos nel 1956. I dipinti e l'architettura della chiesa sono basati sullo stile tradizionale rumeno, ma riflettono anche il talento e l'arte di coloro che hanno dato il loro contributo all'abbellimento della città.

Il Palazzo della Cultura



Il Palazzo della Cultura è uno degli edifici architettonici e culturali più belli di Timisoara. È stato costruito tra il 1971 e il 1975 da due architetti viennesi in stile rinascimentale. Il palazzo ha una sala principale dedicata agli spettacoli e un paio di annessi. L'edificio è andato in fiamme due volte, rimanendo originali le ali laterali del palazzo. Quando l'edificio fu ristrutturato, lo stile fu cambiato in neobizantino. I dipinti della sala presentano motivi tradizionali su muro e fiabe popolari rumene. Oggi, il Teatro nazionale "Mihai Eminescu" e l'Opera rumena ospitano spettacoli nella sala del teatro, mentre il Teatro tedesco e il Teatro germanico presentano i loro spettacoli nella sala da ballo del palazzo.

Museo del Banato

L'idea di fondare un Museo del Banato appartiene all'Associazione dei Musei del Banato e al suo fondatore, Sigismund Ormos, nel 1872. Le collezioni iniziali presentavano pezzi di storia e biologia, mentre in seguito si aggiunsero pezzi artistici. Una sezione importante è quella archeologica e storica, che presenta l'evoluzione dell'abitare nel Banato a partire dal Neolitico. Il santuario neolitico di Panta è stato ricostruito in un museo. Il periodo del bronzo è rappresentato da ornamenti e utensili in ceramica. Il periodo del ferro è rappresentato dai ritrovamenti di Sacsu Mare nella Foresta Verde. Il Palazzo della Cultura rappresenta un modo di ricercare e custodire il passato.

Questi sono tre degli edifici più rappresentativi delle attrazioni culturali di Timisoara, quindi non perdete l'occasione di scoprirli.


Vacanze in Romania


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti