Parigi

Parigi.com

L'eredità di Dracula a Bran


L'immagine che tutti noi oggi abbiamo di Dracula è un mélange di fatti storici reali con diverse leggende legate al dominio di Vlad l'Impalatore (Vlad Tepes), un principe medievale rumeno della Valacchia. A queste si aggiunge una serie di cronache sfavorevoli con l'intento di rovinare la sua reputazione all'epoca. Infine, ma non per questo meno importante, tutto questo è stato completato dal famoso romanzo di Bram Stoker, Dracula, scritto nel 1897.



La verità su Vlad l'Impalatore (1456-1462; 1476)

Nonostante l'immagine negativa che questo principe ha all'estero, è in realtà uno dei sovrani medievali più rispettati della Romania. Convinto che solo un governo forte all'interno del Paese avrebbe garantito l'ordine e lo avrebbe aiutato a organizzare con successo la difesa, Vlad l'Impalatore adottò una regola autoritaria che imponeva ai suoi sudditi l'onestà e la diligenza come virtù, mentre la disonestà (furto), la pigrizia e l'astuzia venivano punite duramente con l'impalamento. Questa potrebbe sembrare una punizione crudele, ma può essere compresa solo in relazione all'epoca in cui visse, un'epoca di grande crudeltà, che ha visto altre punizioni, altrettanto dure, come il rogo, l'impiccagione e tante altre. Le sue misure severe lo aiutarono a riportare l'ordine nel Paese. Ma le sue azioni attirarono l'odio di molti suoi contemporanei. Questi ultimi lo accusarono ingiustamente di aver stretto accordi con i turchi contro gli interessi del Paese, per cui fu imprigionato per ordine del re d'Ungheria, Mattia Corvino.



La verità su Dracula

Bram Stoker credeva che Vlad Tepes non fosse un uomo comune perché da secoli si parlava di lui come del più abile, del più astuto ma anche del più valoroso dei figli di questo Paese. Ma una volta apparso il romanzo di Bram Stoker, Vlad non fu più visto come una figura storica reale, ma come un vampiro crudele le cui azioni non hanno alcun legame con la giustizia. È interessante notare che non c'è alcun legame tra Bran e Vlad l'Imalatore, poiché egli non ha mai vissuto lì. Il fatto che questo castello sia la sua residenza è in realtà una leggenda quanto l'esistenza stessa di Dracula. I turisti stranieri che arrivavano in Romania alla ricerca di Dracula trovavano questo misterioso castello, dall'aspetto gotico, e pensavano che fosse il castello del vampiro.

La fama di Bran si basa su questo legame con Dracula, ma non è un legame a cui molti rumeni sono affezionati perché distorce ingiustamente l'immagine di Vlad l'Impalatore. O forse perché non si tratta di un'autentica leggenda rumena.


Vacanze in Romania


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti