Parigi

Parigi.com

I migliori punti di interesse di Alba Iulia


La città di Alba Iulia si trova in Transilvania, verso il centro della Romania. Ha una popolazione di oltre 55.000 abitanti. La città è una regione ricca di territori coltivati a vite fin dal I secolo d.C. e oggi è una regione leader nella produzione di vino. Verso il nord-ovest della città si trovano i Monti Apuseni, con le loro dolci colline e le ampie valli. Alba Iulia ha molti bei monumenti che meritano di essere visitati. Tra questi si annoverano la Cittadella, il Palazzo Principesco e molti altri. D'altra parte, se ne avete abbastanza di storia e cultura, potete sempre fare una passeggiata nei boschi e nelle colline circostanti e prendere una profonda boccata d'aria fresca.



Alba Iulia fortificata

Uno dei punti di riferimento più notevoli di Alba Iulia è la Cittadella, progettata dall'architetto italiano Giovanni Morando Visconti. L'edificio fu costruito tra il 1716 e il 1735. I costruttori utilizzarono il sistema di costruzione militare di Vauban e così la cittadella divenne una delle più grandi del suo genere nella regione sudorientale dell'Europa. La fortezza presenta eccezionali elementi architettonici e sei bellissime e sorprendenti porte.

Biblioteca di Batthyaneum



Ignac Batthany era un vescovo della Transilvania che nel 1780 trasformò una chiesa unitariana in una biblioteca. Oggi l'edificio è tra le biblioteche più famose della regione. La biblioteca conserva più di 60.000 documenti e manoscritti rari noti in tutto il mondo. Qui si trovano il Codex Aureus, una reliquia del IX secolo, il Vangelo di Lorsch, il Codex Burgundus del XV secolo, la Biblia sacra del XIII secolo e molti altri. Nel 1792 qui fu fondato anche il primo osservatorio astronomico della regione della Transilvania.

Casa reale

Il Palazzo Principesco fu costruito nel XVI secolo e servì come residenza del principe Mihai Viteazul all'epoca della prima unificazione politica della Romania. Quando i Tartari e gli Ottomani invasero il Paese, distrussero anche il palazzo. Durante la dominazione austro-ungarica i principi Gábor Bethlen e Giorgio Rakoczi II restaurarono l'edificio, ma non fu mai più come prima. Nel XVIII secolo il palazzo fu utilizzato come caserma militare. Di fronte al palazzo si trova la Sala dell'Unione, dove furono firmati molti atti importanti per la Romania, come l'atto di unificazione del Paese nel 1918, il 1° dicembre.

Palazzo Apor

Non lontano dalla Biblioteca Bathyanum si trova un altro magnifico punto di riferimento, il Palazzo Apor, una costruzione realizzata alla fine del XVII secolo. Il principe Apor, capo dell'esercito austriaco, utilizzò l'edificio come residenza nella prima metà del XVIII secolo. Il palazzo è stato ristrutturato nel 2007.


Vacanze in Romania


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti