Parigi

Parigi.com

Celebrare la Pasqua in Romania


Nella maggior parte dei Paesi la Pasqua viene celebrata per una settimana, in cui ogni giorno, a partire dalla Domenica delle Palme fino al Lunedì di Pasqua, si svolge individualmente. Tuttavia, in Romania durante le vacanze pasquali si celebrano solo il Giovedì Nero, il Venerdì Santo, la Domenica di Pasqua e il Lunedì dell'Angelo. Questa festività rimane la più importante celebrazione religiosa della nazione, che prevede preparativi e diversi rituali. In genere è un momento di grandi pulizie domestiche e di preparazione dei piatti tipici della Pasqua. Gli uomini lavorano in casa, sistemano i recinti, tagliano la legna e uccidono l'agnello, mentre le donne decorano le uova di Pasqua all'interno, puliscono la casa e fanno il bucato.



Tradizioni e superstizioni del giovedì nero

I rumeni sono ortodossi e molto superstiziosi. Entro la fine del Giovedì Nero le donne devono finire di cucire i vestiti, altrimenti si dice che saranno punite da una donna mitica chiamata Joimarita. Joimarita è una donna che prende le ragazze pigre e le mangia o fa un incantesimo su di loro affinché non siano in grado di lavorare per l'anno successivo. Secondo le credenze rumene, in questo giorno i morti tornano e trascorrono la Pasqua con i loro cari. Tornano alle loro vecchie case e si siedono in cortile o sul tetto.

Per le anime viene acceso un fuoco per il quale solo le donne anziane, le ragazze pure e i bambini possono raccogliere la legna. La legna deve essere raccolta a mano e non può essere tagliata e messa a terra. Deve essere appesa allo steccato o a un altro oggetto fino al giorno successivo. Accanto al fuoco la gente mette sedie e coperte dove si dice che siederanno le anime. Prima di Pasqua le signore dipingono le uova, solitamente di rosso, che vengono portate in chiesa e sotterrate per evitare che arrivi la grandine.



Il Venerdì Santo

Il Venerdì Santo, chiamato anche Venerdì delle sofferenze o Grande Venerdì in Romania, non si mangia. La tradizione vuole che quando ci si sveglia si debba calpestare il ferro. Un'altra superstizione dice che chi si bagna per tre volte nell'acqua fredda del fiume sarà sano per tutto l'anno successivo. In questo giorno tutti sono soliti confessarsi in chiesa. In questo giorno non si possono fare lavori pesanti o limati.

Domenica di Pasqua e Lunedì di Pasqua

La notte prima della domenica di Pasqua la gente va alla messa di mezzanotte, chiamata Inviere, dove si accendono le candele e il sacerdote invita la gente a prendere la luce e a portarla nelle proprie case. La domenica mattina la gente va in chiesa e si saluta dicendo "Hristos a înviat!", cioè "Gesù è risorto". A questa frase l'altra persona risponde "Adevărat a înviat!" che significa "È veramente risorto". Di solito le famiglie cenano insieme e si divertono molto.

Il lunedì di Pasqua c'è una tradizione speciale: le ragazze restano a casa e aspettano che i ragazzi vengano a "spruzzarle" con acqua o profumo. Le ragazze preparano uova di Pasqua decorate e i ragazzi vanno nelle case recitando una poesia pasquale, poi chiedono se possono aspergere o meno. Se la ragazza dice di sì, i ragazzi soffiano un po' di profumo sui capelli della ragazza e prendono un uovo e, occasionalmente, un po' di denaro in cambio della poesia.


Vacanze in Romania


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti