Parigi

Parigi.com

Turismo rumeno


Forse siete tra le tante persone che non hanno un'opinione così alta della Romania. E questo perché pensate solo a ciò che avete letto su qualche giornale o altro, ovvero che si tratta di un Paese povero, con governi instabili e istituzioni discutibili. Anche se questo può essere vero, non dovreste saltare a conclusioni affrettate perché ci sono molte altre cose da scoprire. Turismo Rumeno cercherà di mostrarvi alcune delle cose meravigliose che la Romania ha ancora in serbo per voi.



Un po' di geografia

Questo Paese si trova nell'Europa sud-orientale, delimitato a sud dal Danubio e a sud-est dal Mar Nero. L'UNESCO ha designato il Delta del Danubio come Riserva della Biosfera perché ospita numerose specie a rischio di estinzione. Il paesaggio marino è completato da una splendida catena di montagne all'interno del Paese, i Carpazi. Questi sono perfetti per gli sport invernali di ogni tipo (nelle località più importanti sono disponibili anche cannoni da neve artificiali) mentre, durante l'estate, sono aperti all'esplorazione. Straordinari laghetti, grotte uniche e grotte di ghiaccio, riserve naturali sono solo alcuni dei tanti luoghi che si può scegliere di scoprire.

Regioni storiche



La storia gioca un ruolo importante nello sviluppo della Romania come destinazione turistica. Durante il Medioevo, e non solo, la Romania era divisa in 10 principati: Valacchia (Muntenia), Transilvania (Transilvania), Moldavia (Moldova), Dobrogea (questi erano i più grandi e i più importanti) e poi Bucovina, Maramures, Crisana, Banato e Oltenia. Ognuna di queste regioni ha dovuto affrontare invasioni o occupazioni diverse (ungherese, ottomana, tartara e russa) che hanno alterato in qualche misura la lingua e le abitudini delle persone. Per questo motivo, al giorno d'oggi, ognuna di queste regioni ha caratteristiche uniche, accenti o tradizioni particolari. Ad esempio, gli abitanti della Moldavia parlano più velocemente di quelli delle altre regioni e il loro accento ha caratteristiche russe.

Cosa visitare

Poiché le regioni storiche della Romania sono state presentate sopra, vediamo alcune destinazioni chiave per alcune di esse. Da non perdere in Valacchia è la "Transfagarasan" (il suo nome popolare è "la strada tra le nuvole"), una strada che attraversa il tratto più alto dei Carpazi meridionali, collegando due delle cime più alte della Romania (Moldoveanu-2544 m e Negoiu-2535 m). Lungo la "Transfagarasan" è possibile visitare il lago glaciale Balea, dichiarato riserva scientifica dal 1932. È bene sapere che nel 2006, vicino a questo lago, è stato costruito il primo (e unico) hotel di ghiaccio dell'Europa orientale. In Bucovina, i Monasteri dipinti sono la scelta perfetta se volete rilassarvi in un luogo intriso di spiritualità e circondato da incredibili paesaggi montani. Questi monasteri risalgono al 15-16° secolo e la maggior parte dei loro dipinti originali sono stati conservati. Se avete un senso dell'umorismo sviluppato, la destinazione giusta per voi è il "cimitero dell'allegria" a Sapanta, nel Maramures. Le vite delle persone sepolte sono descritte in poesie divertenti scritte sulle loro lapidi di legno. A Crisana, potrete gioire visitando i Monti Apuseni con le loro bellezze naturali e i villaggi lontani non toccati dalla civiltà moderna.

Come ha dimostrato il turismo rumeno, questo Paese può essere un'affascinante meta di vacanza per tutti, poiché offre diverse alternative tra cui scegliere: località di montagna e di mare, città storiche, villaggi tradizionali remoti e luoghi spirituali.


Vacanze in Romania



Prenotazione hotel a Parigi o in qualunque altra città o località del mondo:
Booking.com


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti