Parigi

Parigi.com

Il giardino botanico di Iasi


Tra le altre priorità culturali dell'antica capitale della Moldavia, un posto speciale è occupato dalla creazione a Iasi, nel 1856, del primo giardino botanico della Romania, ad opera del medico e naturalista Anastasie Fatu, grande patriota, filantropo e uomo di cultura. L'esistenza del Giardino botanico di Iasi ha una storia travagliata che ha attraversato un periodo di oltre un secolo per diventare come lo vediamo e ammiriamo oggi.



Breve storia

Per molti anni, fino alla morte del grande studioso Fatu, l'Orto botanico è stato un importante centro culturale per gli studenti di Iasi, dove hanno potuto studiare botanica, ma anche un mezzo di formazione ed educazione per tutti gli amanti della natura.

Nel 1873, la Società dei Medici e Naturalisti di Iasi creò un secondo orto botanico, vicino al vecchio. Il compito di organizzarlo fu affidato a Demetrio Branza, mentre la maggior parte delle piante fu donata da Anastasie Fatu. Alcune delle piante donate allora si trovano ancora oggi nel cortile del Museo di Storia Naturale.



Nel 1870, l'Università "Al.I. Cuza" decide di costruire essa stessa un orto botanico, nello spazio dell'Istituto di Medicina e Farmacia, che viene ampliato nel 1876. Ma poiché non soddisfa gli standard educativi, si pensa di organizzarne un altro dietro il Palazzo della Cultura. Tuttavia, questo non viene completato per mancanza di fondi e successivamente a causa della Prima Guerra Mondiale.

Così, nel 1921, il professor Al. Popovici stabilisce un nuovo giardino botanico dietro l'edificio della nuova università, dove costruisce anche piccole serre per la crescita di piante tropicali. Questa sede viene mantenuta per più di 40 anni, fino al 1963. In quell'anno si decise di spostare l'orto nello spazio attuale, sulla collina di Copou, in modo da soddisfare le esigenze didattiche. Oggi, il Giardino Botanico di Iasi copre un'area di circa 100 ettari.

Cosa si può vedere

Il settore delle serre comprende 12 compartimenti, ciascuno con le sue specificità: Piante mediterranee, tropicali, subtropicali (cactus, palme, banani, agrumi, e così via), molti fiori ornamentali (azalee, camelie, crisantemi, orchidee, ecc.) e una collezione di cicale (fossili viventi). Il settore ornamentale ha una superficie di 4,5 ettari e contiene 2200 taxa unici o raggruppati in 25 collezioni. Presenta un'ampia gamma di piante ornamentali, erbe e legni, che costituiscono un'esposizione permanente. Il settore dei rosai ospita 800 varietà di rose nobili.

Pertanto, questo giardino botanico è come un pezzo di natura impacchettato come un regalo per chiunque ami la natura e le sue creazioni.


Vacanze in Romania



Prenotazione hotel a Parigi o in qualunque altra città o località del mondo:
Booking.com


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti