Parigi

Parigi.com

Le 3 migliori ricette rumene


Il cibo gioca un ruolo importante nel modo di pensare dei romeni ed è spesso l'elemento chiave attorno al quale ruotano numerosi eventi. Dalle normali riunioni di famiglia alle occasioni speciali come matrimoni, compleanni o festività come Natale e Pasqua, la domanda più frequente è "Cosa serviamo alla gente?". Con una tale attenzione alla questione, non sorprende che si possa scrivere per sempre delle 3 migliori ricette rumene. Concentriamoci, tuttavia, su alcuni vincitori assoluti. Speriamo che dopo aver letto l'articolo vogliate provare a prepararle voi stessi, in bocca al lupo e fateci sapere com'è andata nella sezione dei commenti.



Il "sarmale" più o meno tradizionale

Questo popolare piatto rumeno è considerato uno dei piatti più tradizionali della Romania, anche se alcuni sostengono che la sua origine sia turca. Tuttavia, lo includerò nella lista delle 3 migliori ricette rumene perché la ricetta rumena e il modo in cui viene preparata sono molto diversi da quella turca. Per cucinare il "sarmale" (foglie di cavolo o di vino ripiene di un mix di riso, diverse verdure e carne di maiale macinata, tradizionalmente bollite in una pentola di terracotta) è necessario un vero talento. Di solito si trasmette di madre in figlia e ci sono aneddoti che dicono che se una giovane donna sa preparare il "sarmale" sarà sicuramente una buona moglie! Se non avete una "moglie" così sperimentata a portata di mano, potete provare uno dei ristoranti tradizionali che si trovano in quasi tutte le città della Romania.

100% rumeno: "bulz ciobanesc"



Il pastore rumeno (tradizionalmente chiamato "cioban") è all'origine di questo secondo piatto: "bulz ciobanesc". Dovete sapere che, quando arriva la primavera, i veri pastori prendono le loro pecore e vanno in montagna dove i pascoli sono più ricchi. Tornano alla vigilia dell'inverno e il loro viaggio di ritorno si chiama "transumanta". Tutte le conoscenze per attraversare la montagna in sicurezza senza perdersi o ferirsi vengono tramandate di generazione in generazione. Dovendo cucinare da soli durante il viaggio, i pastori hanno pensato a questo piatto piuttosto semplice ma molto delizioso. Per prima cosa si fa bollire un po' di farina di mais per ottenere una "mamaliguta" e poi se ne fanno delle palline che si riempiono di burro, formaggio di pecora e pezzetti di prosciutto. A casa si mette anche in forno per qualche minuto e poi si serve calda con la panna sopra. Un'esperienza interessante sarebbe quella di mangiare questo piatto insieme a un pastore circondato dalle sue pecore e dal paesaggio montano.

Non c'è Natale o Pasqua senza un "cozonac"

È anche il momento di mangiare qualcosa di dolce. La tradizione rumena dice che se in tavola c'è il "cozonac" (pane dolce ripieno di uvetta, cacao o noci) allora si sta festeggiando qualcosa. In effetti, non ci si sente a Natale o a Pasqua senza l'incredibile profumo dei "conozaci" (al plurale) appena sfornati. Sono deliziosi appena sfornati e nessun bambino può resistere. In campagna, le donne che vivono nella stessa zona, di solito si riuniscono in una casa e preparano insieme i "cozonaci". Questo richiede un giorno e una notte interi, poiché ogni donna deve portare a casa 15-20 "cozonaci". È una vera festa!

Ci sono molti altri piatti rumeni che vi delizieranno sicuramente, non vi resta che venire a provarli.


Vacanze in Romania


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti