Parigi

Parigi.com

Timisoara e la rivoluzione del 1989


Timosoara e la rivoluzione del 1989 tratterà di uno degli eventi più importanti e significativi per la storia moderna di questo Paese. Diviso in due parti, il post cercherà di far luce su uno dei momenti più significativi per lo sviluppo della Romania attuale.



Timisoara - il cuore della rivoluzione contro il comunismo

La rivoluzione del 1989 iniziò a Timisoara con un timido tentativo di protesta contro il regime comunista: una parte degli operai della UMT, la più grande fabbrica di Timisoara, iniziò a protestare e a rendere questa rivoluzione popolare tra la gente della città, ma la sicurezza riuscì a calmare gli animi. Un altro evento che portò all'inizio della Rivoluzione nel 1989 fu la decisione delle autorità di allontanare il pastore Laszlo Tokes dalla sua parrocchia a causa delle sue pesanti critiche al partito comunista sulla stampa internazionale. La comunità circondò la casa per proteggerlo. Quando il sindaco vide che la folla non sarebbe scomparsa, cambiò idea. A causa del rifiuto del sindaco di mettere per iscritto la decisione, i corvi aumentarono di numero e iniziarono a urlare slogan anticomunisti. La folla si è allargata e ha incendiato l'edificio che ospitava il Comitato provinciale del Partito Comunista a Timisoara. Nonostante la sicurezza abbia cercato di sconfiggere i manifestanti, l'azione è continuata. Il 17 dicembre, a Bucarest, Ceausescu riuscì a ottenere l'approvazione per l'uso della forza contro la rivoluzione. Il 18 dicembre Timisoara fu sorvegliata da uomini della sicurezza e da soldati travestiti con abiti civili. In città fu istituita la legge marziale e a nessun gruppo composto da più di due persone fu permesso di uscire per le strade.



Timisoara - una città libera

Un gruppo di giovani iniziò a marciare per le strade con i cervi tricolori dai quali era stato rimosso il simbolo comunista. Hanno cantato Desteapta-te romane (l'attuale inno nazionale della Romania). La sicurezza ha iniziato a sparare, molti sono stati feriti e uccisi. I corpi dei fucilati furono inviati al crematorio di Bucarest e bruciati. Il 20 dicembre, i lavoratori sono stati portati a Timisoara e hanno occupato Piazza dell'Opera. Cantavano slogan contro il regime comunista. Per evitare che queste azioni aumentassero di intensità, altri lavoratori dei tessuti dell'Oltenia furono portati a Timisoara e fu ordinato loro di attaccare i protestanti. Finirono per sostenere il movimento contro Nicolae Ceausescu ed Elena Ceausescu. Il 20 dicembre 1989 Timisoara fu dichiarata città libera.

Timisoara e la Rivoluzione del 1989 ha portato solo alcune informazioni per farvi capire meglio il contesto del Paese in quel periodo. Il prossimo post presenterà come l'esempio della Rivoluzione di Timisoara sarà seguito da altre città e soprattutto da Bucarest.


Vacanze in Romania



Prenotazione hotel a Parigi o in qualunque altra città o località del mondo:
Booking.com


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti