Parigi

Parigi.com

Bourg-en-Bresse


Storia della città



Situata a sud-est della pianura della Bresse, sulle rive della Reyssouze, Bourg si è sviluppata a partire dal periodo gallo-romano attorno a due centri:

il Fortin, che oggi corrisponde alla città vecchia, e il Brou, che fu sede di un piccolo eremo e poi di un priorato.

Nel X secolo, i conti di Bresse costruirono un castello sulle rovine della fortezza romana.
Fino al XIII secolo Bourg appartenne ai signori di Bagé, che le conferirono una funzione amministrativa fino a quando, nel 1272, la città fu restituita ai duchi di Savoia, grazie al matrimonio di Sybille de Bagé con il conte di Savoia. Bourg conobbe poi un rapido sviluppo nel XV secolo.

Dopo l'annessione temporanea della Bresse da parte di Francesco I dal 1535 al 1559, i duchi di Savoia costruirono una cittadella, il Forte Saint Maurice.

Fu rasa al suolo per ordine di Maria de Médicis.
Il trattato di Lione (1601) segnò l'annessione di Bourg alla Francia.



Capitale della regione della Bresse da 700 anni, Bourg è una tappa fondamentale per chi vuole assaggiare la raffinata gastronomia francese.

Monumenti principali

Nel cuore di Bourg sorge l'elegante chiesa gotica costruita a partire dal 1505 per ordine di Jean de Loriol, vescovo di Nizza, sui resti di una chiesa romanica del XIII secolo.

La chiesa è dedicata a Notre-Dame-du-Bourg.
Un carillon suona melodiose melodie.
La navata e il coro risalgono all'inizio del XVI secolo, così come la facciata di ispirazione rinascimentale.

I vecchi quartieri di Bourg presentano molte case in legno risalenti al XV secolo.
In Rue Victor-Basch si possono ammirare belle case borghesi e palazzi privati del XVIII secolo.
Il Monastère de Brou si trova a 1 km dal centro di Bourg.
Fu costruita per ordine di Margherita d'Austria nel XVI secolo, per perpetuare la sua gloria e affermare l'amore che nutriva per il marito, Filiberto il Bello di Savoia.

La chiesa è un gioiello dell'arte gotica.
La navata centrale, con due navate laterali, presenta un portale centrale splendidamente decorato in stile rinascimentale.
L'interno è caratterizzato da una volta a crociera e da superbe chiavi di volta, opera di un maestro costruttore.

Inondata di luce, l'architettura gioca con il bianco della pietra e afferma la destinazione dell'edificio, che è quella di un mausoleo.
Le tre tombe costruite tra il 1516 e il 1531 ospitano le tombe riccamente decorate di Margherita di Borbone, Filippo il Bello e Margherita d'Austria.
Il monastero adiacente alla chiesa è un complesso che ha suscitato molta ammirazione.


Vacanze in Francia


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti