Parigi

Parigi.com

Arles, città provenzale di arte e storia


Arles (52.000 abitanti) si trova nella regione della Provenza e sorge su una bassa collina dove il fiume Rodano si divide in due bracci formando il delta della Camargue. Il comune è il più grande della Francia, con una superficie di circa 170.000 ettari. È forse più famoso al di fuori della Francia per aver ispirato Van Gogh, il leggendario impressionista olandese, che ad Arles dipinse oltre 200 opere d'arte, tra cui gli amatissimi "Girasoli" e "Caffè notturno stellato".



Arles, passato e presente

Come molte città della Provenza, Arles è una metropoli antica. Fu fondata come "Theline" nel VI secolo a.C. dai Greci. Nel 535 a.C. fu conquistata dai Celti Saluvii che la ribattezzarono Arelate. I Romani ne presero il controllo nel 123 a.C. e costruirono un canale che la collegava al Mar Mediterraneo, rendendola un'importante città portuale. Arles ebbe un ruolo cruciale nei successivi giochi di potere politico, tra cui l'attacco di Giulio Cesare contro Pompeo nel 40 a.C.. La città raggiunse il suo apice durante il IV e il V secolo, quando fu spesso utilizzata come quartier generale degli imperatori romani durante le campagne militari. La sua storia da quel momento in poi è molto più ampia e diversificata nei dettagli, ma è la sua ricchezza di antichità e rovine (tra cui le mura medievali che ancora circondano la città e l'antica arena dove ancora oggi si combattono le corride) a rendere Arles una città moderna particolarmente emozionante.

Oggi Arles è la porta della Camargue, terra degli zingari e luogo di incontro dei cowboy della Camargue. Le ferias o corse dei tori e le corride si svolgono in questa stessa arena (12.000 posti a sedere) che fu teatro dei giochi romani nel primo secolo.
Un cenno a Van Gogh

Van Gogh si stabilì ad Arles nel febbraio del 1888, dopo di che dipinse più di 200 tele in 15 mesi. Durante questo periodo non vendette alcun quadro, era in povertà e soffriva di ricorrenti crisi nervose con allucinazioni e depressione. Si entusiasma all'idea di fondare una cooperativa di artisti ad Arles e verso la fine dell'anno si unisce a Gauguin. Ma a seguito di un litigio tra i due, Van Gogh subì la crisi in cui si verificò il famoso incidente in cui si tagliò l'orecchio sinistro (o parte di esso), evento ricordato nell'Autoritratto con orecchio bendato. Nel maggio del 1889 si fece ricoverare, su sua richiesta, in un manicomio a St Rémy, vicino ad Arles, ma durante l'anno trascorso lì continuò una produzione frenetica di quadri tumultuosi come Notte stellata. Nel corso di questo anno realizzò 150 dipinti oltre a disegni. La bellezza di Arles ha ispirato Van Gogh, e in cambio Van Gogh ha sicuramente una "impronta" su Arles. Passeggiando per le strade della città, non si può fare a meno di sorridere quando ci si imbatte in scene familiari, tutte tratte dalle tele di Van Gogh.

Cosa vedere ad Arles

Le strette strade di Arles hanno un carattere veramente medievale e si snodano tra edifici e case antiche. A differenza di altre città provenzali, le principali attrazioni di Arles (l'Arena romana e il Teatro) sono immerse direttamente nella vita quotidiana piuttosto che sparse nella periferia della città. Il traffico automobilistico è consentito in molte strade, ma camminare (o noleggiare una bicicletta) è una gioia in questa affascinante città - e praticamente tutto è raggiungibile a piedi. C'è un parco sereno con panchine e camminamenti curvi lungo il Blvd des Lices, vicino alla fine del "Teatro antico" romano. Giganteschi cedri fanno ombra.



L'Organizzazione del Patrimonio Mondiale (UNESCO) riconosce Arles come un eccellente esempio di città antica adattata alla civiltà europea medievale. I suoi principali monumenti "ratificati" sono:

Anfiteatro (Arena romana) costruito intorno al 90 d.C., poteva contenere 20.000 spettatori. Fino alla fine del V secolo, ospitava ancora combattimenti di gladiatori e cacce agli animali.
Il Teatro Antico (Teatro Romano), risalente al I secolo a.C., veniva regolarmente utilizzato per rappresentazioni teatrali, mimi e pantomime.
Il Criptoportico - gallerie sotterranee - Questi passaggi sotterranei furono utilizzati come fondamenta del Foro Romano.
Il Foro è il luogo in cui si trovavano gli edifici amministrativi e religiosi romani. Questa è la piazza dove si trovano l'Hotel Nord-Pinus e il famoso "caffè giallo".
Resti del circo romano
Bagni di Costantino (bagni romani), costruiti nel IV secolo.
Il cimitero di Alyscamp (cimitero risalente all'epoca romana, molto ricco di storia)
Il Museo Archeologico di Arles (dalla Preistoria alla fine dell'Impero Romano)
Cloitre Saint-Trophime: chiesa con chiostro, uno dei principali monumenti romanici della Provenza.

Altre attrazioni

Museo Reattu (comprende oltre 70 disegni di Picasso)
Museon Arlaten (Museo della cultura e del folclore locale)

Ci sono molte altre attrazioni ad Arles, per i dettagli completi visitate l'ufficio del turismo di Arles.

Eventi

Ogni mercoledì e sabato - Giornata del mercato, Bvd des Lices
Ogni marzo - Carnaval - Bvd des Lices
Ogni aprile - La Feria Pascale: Corride ed eventi (fine settimana di Pasqua)
Ogni maggio - Jazz ad Arles, settimana del Jazz au Méjean
Ogni maggio - La Fête des Gardians; Elezione della Regina d'Arles
Ogni giugno - Les Fetes d'Arles (giugno-luglio) - 23 giugno, feux de la Saint Jean (fuochi d'artificio)
1a metà di luglio - Les Rencontres Internationales de la Photographie - Serate al Theatre Antique (foto, danze, ecc.)
Ogni settembre - Tori - Feria des Prémices du Riz (corridas, animazioni tauromachie, festa del riso); Corso (sfilata)
Ogni inverno - Salone internazionale dei Santonniers (dicembre-gennaio)


Vacanze in Francia



Prenotazione hotel a Parigi o in qualunque altra città o località del mondo:
(N.B.: per prenotare un hotel ed effettuare il relativo pagamento può essere utile aprire un conto corrente online gratuitamente, quale, ad esempio, il Conto Crédit Agricole, a zero spese)

Booking.com


© Copyright Parigi.com 2010-2023 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti