Parigi

Parigi.com

Cantanti francesi classici


Da quando ho memoria, adoro il suono e le sensazioni della musica francese. Strano, visto che fino a poco tempo fa non riuscivo a capire un solo testo. Tuttavia, all'epoca, questi piccoli dettagli non sembravano avere importanza. C'era qualcosa nelle melodie, forse il suono della lingua, che sembrava scavalcare l'io razionale e colpire il cuore. E così, per un misero romantico come me, le canzoni e la musica inducevano un mondo di fantasia, un ricordo lontano o una storia d'amore immaginata. Forse era anche un segno delle cose che sarebbero venute. Un suggerimento del subconscio che mi diceva che avevo vissuto in Francia nella mia vita passata o che l'avrei fatto in futuro. Strano, come la vita ci lanci piccoli colpi di scena e curve nella nostra direzione - e perché ci rendiamo conto di queste cose solo con il senno di poi? Capisco che per alcune persone la musica francese potrebbe non essere la loro tazza di caffè idéale, ma credo che se siete interessati alla cultura francese, potreste voler ascoltare (almeno) un paio di brani. Lasciatevi travolgere. E forse, solo forse, l'esperienza vi illuminerà un piccolo (o meno piccolo) sentiero verso il cuore della nazione. In ogni caso, non si può fare a meno di esserne colpiti in qualche modo, forma o modo.



"La musica esprime ciò che non si può dire e su cui è impossibile tacere" - Victor Hugo

A dire il vero, non sapevo da dove cominciare, dato che ci sono letteralmente centinaia di cantanti classici francesi. Ma sono riuscita a presentare una breve lista di artisti preferiti, tutti, viventi o meno, ancora in circolazione in una forma o in un'altraIn Francia indugiano in ogni angolo, collegando invisibilmente i suoi abitanti. Le onde sonore che scorrono sulle terrazze dei caffè, il vino rosso a Pigalle, i fumi di sigaretta che intrecciano le anime nelle brasserie francesi, gli occhi di una parigina raggiante.

In tutto il resto del mondo resistono in un vecchio bianco e nero. Immagini della vita a Parigi. Immagini congelate di un'epoca, che invocano e ispirano la finzione romantica, la passione e una strana sensazione di voler sapere di più, sentire di più, sperimentare di più. Anche se solo in piccoli frammenti.

Edith Piaf (1915-1963)

"Voglio far piangere la gente, anche quando non capisce le mie parole". - Edith Piaf
Nata nel 1915, nella zona orientale della Parigi operaia, la prima vita di Edith Giovanna Gassion ha posto le basi per la sua autodistruzione. Un'infanzia grigia, fu cieca dai 3 ai 7 anni a causa di una cheratite, crebbe in un bordello gestito dalla nonna, fu adottata dalle "ragazze lavoratrici" e fin da piccola iniziò a cantare sui tavoli dei caffè su insistenza della nonna, e poi per strada all'età di 15 anni.

Alla fine, il proprietario di un locale notturno Louis Lepléé scoprì la ragazza minuta all'età di 19 anni, la preparò per il palcoscenico, le diede un nuovo nome e le scelse un semplice abito nero. Voilà! Era nata una stella. Ironia della sorte, il nome Piaf, che letteralmente significa "piccolo passero", smentisce la potenza della sua voce e il suo talento altamente redditizio. Non solo aveva uno strumento vocale come nessun altro, ma divenne presto uno dei tesori nazionali della Francia, cantando canzoni sull'amore e sulla classe operaia che conosceva fin troppo bene. Potente, emotiva e cruda, è riuscita a toccare le corde del cuore non solo del suo pubblico francese, ma anche di quello mondiale.

La sua vita privata era un'altra cosa. Innumerevoli problemi di salute, dipendenza da droghe e una vita sentimentale disordinata gettavano un'ombra implacabile. La sua serie di amanti è troppo lunga per essere contata, e tutti sono stati da lei respinti (ad eccezione dell'autoproclamato "amore della sua vita", il campione di pugilato Marcel Cerdan), che morì durante l'apice della loro storia d'amore in un incidente aereo nel 1949.

La Piaf si spense nel 1963 alla giovane età di 48 anni. Durante il suo corteo funebre il traffico a Parigi si fermò completamente per la seconda volta nella storia. La prima volta era stata la Seconda Guerra Mondiale.

Tra i suoi brani più famosi ricordiamo La Vie En Rose; Non, Je ne Regrette Rien; Hymne à L'Amour; Milord; Padam, Padam; Mon Légionnaire; Les Trois Cloches; Mon Dieu; La Foule.

Monique Serf, detta Barbara (1930-1997)

Alta, vestita di nero (nota anche come "la signora in nero"), con la pelle pallida e una tristezza che sprizzava da ogni poro, Monique Andréé Serf (meglio nota come Barbara) si è imposta al suo pubblico affezionato e fedele. Nata a Parigi da una famiglia ebrea, cantava malinconiche canzoni di guerra, sulla condizione della sua famiglia e sull'amore perduto.

Una cantautrice nella tradizione di Brel e Brassens. Combattente per i diritti sociali e delle donne, artista che esponeva pubblicamente il suo cuore, la sua anima, il suo dolore (per gli abusi sessuali subiti dal padre quando era ragazza), era molto ascoltata e ammirata. Evidentemente, la poetessa sensibile, intensa e tormentata ha riportato cicatrici che hanno marchiato a fuoco le sue interpretazioni. Alcuni noti classici della leggenda francese sono... Gottinga, Nantes, Quand Ceux Qui Vont, A Mourir Pour Mourir, L'Aigle Noir, Dis Quand Reviendras-Tu?, Ma Plus Belle Histoire d'Amour.

Juliette Gréco (1927-2002)

"Il lavoratore della penna che traccia le sue lettere nere e scialbe sulla carta finisce per dimenticare che le parole hanno una bellezza sensuale. La voce della Gréco viene come a ricordarglielo. In una luce morbida e calda le sfiora, incendiandole". - Jean-Paul Sartre

Nata a Montpellier, nel sud della Francia, l'attrice e cantante francese è cresciuta come una bambina timida, educata in un ambiente severo da suore e che trascorreva lunghi periodi di tempo da sola. Da adolescente si trasferì a Parigi (con la madre e la sorella), prese lezioni di danza e iniziò ad allenare la voce all'Opera di Parigi poco prima della guerra mondiale.

Ben presto iniziò a frequentare personaggi come Jean Paul Sartre, Boris Vian, Camus e Jean-Cocteau e si interessò attivamente alla politica, partecipando alle riunioni della gioventù comunista.



Copertina di Juliette Greco A tempo debito, il suo aspetto misterioso, la sua natura ribelle e la sua voce sensuale le fecero ottenere piccoli ruoli teatrali, copertine di riviste e simili. Alla fine, anche le persone giuste iniziarono a scrivere alcuni brani che la resero popolare nei circoli bohémien, nei quartieri di Saint-Germain-de-Prés e del Quartiere Latino. Come ci si aspetterebbe, la leggenda della riva sinistra divenne la beniamina della società dei caffè, la cui vita si svolgeva sullo sfondo di sfrenati club di jazz e cabaret.

Sebbene la poetica cantautrice fosse popolare negli ambienti bohémien, la donna la cui voce "racchiude milioni di poesie" si impose sulla scena musicale francese solo negli anni '60, quando divenne un nome familiare. Nonostante il successo, l'esistenzialista, che si sposò tre volte, soffrì di depressione e tentò il suicidio, dal quale poi si riprese. Tra i suoi brani famosi ricordiamo: Parlez-moi d'amour, Je suis comme je suis, Déshabillez -moi, Si tu t'imagines, Sous le ciel de Paris, Strip-tease, Embrasse-moi.

Jaques Brel (1929-1978)

"Il mio è un mestiere solitario. Sono un artigiano, se vogliamo. Si dà il caso che di questi tempi i cantanti siano meglio pagati dei fabbri". - Jacques Brel
Pur essendo belga, scriveva e cantava in francese (a volte anche in fiammingo). Probabilmente la sua canzone più conosciuta, Ne me quitte pas, può spezzare il cuore in un secondo, durante il quale l'artista non canta esattamente, ma si immerge emotivamente in un mare profondo e sembra non aver paura di farlo. Un uomo, disposto a cantare da un luogo di disperazione e non intimidito dall'umiliazione pubblica. Il massimo della canzone d'amore, che suona meglio in francese, ma per darvi un'idea, ecco una piccola traduzione di una strofa...

"Non lasciarmi ora
Non piangerò più
Non parlerò più
Mi nasconderò in qualche modo
E vedrò il tuo sorriso
E ti vedrò danzare
E ti sentirò cantare
Sentirò risuonare la tua risata
Lascia che io sia per te
L'ombra della tua ombra
L'ombra della tua mano
Il cane al tuo comando
Non lasciarmi ora
Non lasciarmi ora
Non lasciarmi ora...".

Nato nel 1929, Brel frequenta una scuola cattolica (in Belgio). All'età di 16 anni fonda un gruppo teatrale, scrive commedie e nel 1951 inizia a scrivere ed eseguire le sue canzoni nei cabaret (a Bruxelles), dove viene scoperto da Jacques Canetti che lo porta a Parigi. Una volta lì, ha faticato per un po' perché i francesi non si sono subito affezionati a questo strano "belga". Tuttavia, lentamente ma inesorabilmente, finì per conquistarli con le sue interpretazioni profondamente emotive (sembra che i francesi siano ghiotti di questo genere di cose :) e con un carisma straordinario. Alla fine, la stampa americana che lo soprannominò "Magnetic Hurricane" gli garantì praticamente la strada verso la celebrità.

Tra il 1955-57 il cantante/compositore/poeta pubblicò 2 album e registrò 2 delle sue chansons più belle e popolari. "Amsterdam" e "Le Plat Pays". Nel 1966, tuttavia, lasciò per un po' la musica per seguire il suo amore per il cinema (recitazione e regia) e per i viaggi. Dirige un paio di film di scarso successo e ne recita altri (commerciali e d'autore) non troppo scadenti.

Nel 1974 naviga in barca con la sua fidanzata dell'epoca, vive su un'isola, dona molti soldi a un'associazione di beneficenza per bambini e gli viene diagnosticato un cancro ai polmoni. Morì nel 1978 in Francia, all'età di 49 anni. La musica, l'uomo, un'icona della musica francese, ancora oggi potente, poetica e indimenticabile.

Alcuni dei suoi brani famosi (oltre a Ne me quitte pas, Amsterdam e Le plat Pays), sono La valse à mille temps, Mathilde, Quand on n'a que l'amour, Marieke, Le Moribund, Bruxelles, Rosa, Le Vieux, Jacky, La chanson de vieux amants, Les Bourgeois.

Georges Brassens (1921-1981)

"Vorrei che tutti capissero che possono essere creatori, che sono creatori. Il contesto non è importante, si tratta di aiutare un mondo a esistere, a nascere". Georges Brassens
Maestro di poesia, il suo stile unico costruito su melodie semplici gli ha fatto guadagnare un posto nel patrimonio artistico francese. Nato a Sète, una città vicino a Montpellier, l'uomo che è conosciuto come una sorta di "universo di morbida anarchia", è noto in Francia come i Beatles nel Regno Unito (forse perché l'85% delle sue canzoni parla di donne).

Il materiale di Brassens è arguto, profondo e umile, ma non è facile da tradurre, ed è per questo che per i non francofoni è difficile ottenere una buona traduzione della sua opera. Come si fa a tradurre il sottotesto, l'emozione, l'umorismo nero? E potete dimenticarvi di "Google" translate.

In ogni caso, le sue canzoni andavano ben oltre la lingua, il genere e il colore. Libertario, le sue canzoni parlavano di libertà, sfidando continuamente i modi "accettati" e le "tradizioni" che la maggior parte delle persone dava per scontate. Brassens è morto di cancro nel 1981. Ecco una citazione da una delle sue canzoni "Le testament", "Ultime volontà e testamento".

"J'ai quitté la vi' sans rancune, j'aurai plus jamais mal aux dents, Me v'là dans la fosse commune, la fosse commune du temps". / "Ho lasciato questa vita senza rancore, non avrò mai più mal di denti, Ora giaccio nella tomba comune, la tomba comune del tempo".

Tra le sue canzoni più note ricordiamo: La mauvaise reputation, Les copains d'abord, La Cane de Jeanne, Les amoureux des bancs publics, Le gorille, Mourir pour des idées.

Naturalmente ce ne sono altri. Vorrei parlarvi di altri artisti francesi, ma è impossibile includere i nomi seguenti e rendere loro giustizia senza scrivere un'intera enciclopedia (ecco un'idea da un milione di dollari!). Per questo motivo, spero che consideriate quanto sopra come un aperitivo di ciò che c'è in giro. Tuttavia, se volete saperne di più, date un'occhiata ai nomi seguenti:

Yves Montand - attore/cantante francese e un tempo amante di Edith Piaf che ha praticamente promosso la sua carriera
Charles Aznavour - uno dei più popolari cantanti francesi (anche uno dei miei preferiti).
Nino Ferrer - rinomato cantante, attore e musicista jazz francese/italiano
Maurice Chevalier - popolare attore, cantante e intrattenitore di vaudeville
Léo Ferré - cantante, poeta, compositore (un anarchico malinconico)
Mireille Mathieu - cantante francese acclamata come la nuova Edith Piaf e che ha ottenuto un enorme successo commerciale
Michelle Jonasz - cantante, cantautrice e compositrice che ha iniziato come pianista
Alain Barrière - noto cantante francese che una volta ha partecipato all'Eurovision song contest del 1963 (solo i francesi potevano perdonare una cosa del genere)
Jaques Dutronc - cantante, autore, attore, chitarrista, compositore, sposato con Françoise Hardy (altra cantante/attrice leggendaria)
Tino Rossi - star del cabaret francese e idolo romantico con voce lirica - anche star del cinema
Dalida - splendida cantante di fama mondiale, nata in Egitto ma naturalizzata francese, cantava in 10 lingue
Hugues Aufray - noto per le sue cover francesi di canzoni di Bob Dylan
Marie Laforet - cantante e attrice francese, folk, pop e rock
Gilbert Becaut - cantante, compositore e attore noto anche come "Monsieur 100 000 volts" per le sue esibizioni ad alta energia
Jean Ferra - cantautore e poeta specializzato nel cantare poesie

"Quando scrivi una canzone, la maggior parte delle parole che usi sono in bianco e nero e poi, di tanto in tanto, ne usi una a colori. Queste parole a colori sono parte di noi stessi, perché diamo loro un significato. Se vogliamo, diamo loro una terza dimensione". - Jaques Brel


Vacanze in Francia



Prenotazione hotel a Parigi o in qualunque altra città o località del mondo:
Booking.com


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti