Parigi

Parigi.com

Guida per principianti ai Francesi


Una guida giocosa ai Francesi, dal punto di vista di un "turista".



Tiens! State programmando un viaggio in Francia e avete sentito alcune cose (cioè stereotipi) sui francesi, giusto? Vi proponiamo qui di seguito una guida scanzonata ad alcuni miti tipici, per condividere ciò che è vero e ciò che non lo è, e come affrontare entrambi. Ricordate che una vacanza in Francia è una delle cose migliori che possiate fare. Il modo migliore per verificare queste dicerie è andare a Parigi e in Francia, non ve ne pentirete!

Sterotipi tipici

1. I francesi sono maleducati!

Da un certo punto di vista, in special modo da quello americano, questo potrebbe sembrare parzialmente vero.

Fondamentalmente, non è che i francesi siano maleducati: gli stranieri li percepiscono in questo modo solo perché i nostri stili sociali sono molto diversi. Per esempio, in America il sorriso è sinonimo di educazione. In Francia, le persone non hanno bisogno di sorridere per essere considerate educate. Si sorride solo quando se ne ha voglia, non perché ci si aspetta che lo si faccia. In America, il sorriso è diventato una sorta di maschera di cortesia che viene usata tutti i giorni in ogni incontro.

In effetti, potrebbe essere molto più liberatorio poter indossare il nostro "vero" volto quando siamo in pubblico, non credete? Se sorridete a qualcuno e questo non ricambia il sorriso, non prendetela sul personale. Non si tratta affatto di un insulto. Ora, come in ogni Paese, può capitare di incontrare una persona veramente maleducata. Anche dopo tanti anni, si potrebbe ricordare un certo cameriere francese in un caffè di Montparnasse a Parigi che era la caricatura del "cattivo atteggiamento". Probabilmente era alla fine di un turno di 14 ore. Non risparmiava nessuno. Francesi e turisti hanno avuto modo di assistere alla sua "giornata storta". Se vi capita di incontrare un cameriere sovraccarico di lavoro in un bar, limitate al minimo la vostra interazione con lui. Non prendetela sul personale. Tenete presente che Parigi (dove molti si lamentano del fattore maleducazione) è una grande città urbana come tutte le altre, piena di gente stanca e, magari per questo, scontrosa. Più piccola è la città che visitate, meno è probabile che incontriate un francese "brontolone".

È un po' come il cliché newyorkese di chi "ti ruba il taxi" o il "nazista della zuppa" del telefilm "Seinfeld". Tenete anche presente che in Francia il "malumore" generale è socialmente molto più accettabile, anche nei ruoli di assistenza ai clienti, anche se la situazione sta cambiando. Lo accettano come parte dell'essere umano. Per i francesi, certi convenevoli sociali possono anche essere percepiti come ipocriti, quindi, finché non capiranno meglio la nostra cultura, sarebbe contro i loro valori essere "ipocriti" indossando un sorriso quando non lo vogliono. Per loro, i valori personali e il mantenimento dell'integrità sono più importanti che compiacere falsamente gli altri. Ciò potrebbe suonare molto strano alle orecchie anche degli Italiani, ma poiché fa parte della loro cultura e tutti sono simili, per loro funziona bene. È una cosa buona.



Detto questo, le espressioni di vera e propria maleducazione a Parigi sono ancora molto rare. Come turisti, molto probabilmente non ne incontrerete mai. Il massimo che si può vedere è un'occhiataccia o qualche altra espressione facciale di poco conto; di certo non c'è da arrabbiarsi! Naturalmente, sempre più professionisti francesi del settore turistico sono sempre più sensibili ai costumi dei loro visitatori, e quindi stanno formando attivamente i dipendenti del servizio per comprendere meglio queste differenze culturali. Il turismo è un'industria importante in Francia. È possibile che in futuro lo stereotipo "i francesi sono maleducati" cada completamente in disuso.
Questo, ad esempio, accade già da molti anni negli hotel di lusso.

2. I francesi hanno un certo odore del corpo!

Si tratta di uno stereotipo parzialmente vero, ancora una volta basato su una differenza culturale di base. In molti stati europei e anche negli Stati Uniti sussiste quasi l'ossessione di coprire gli odori naturali. Ad esempio, forse solo lo 0,1% degli italiani o degli americani non contrasta l'odore naturale del corpo, mentre in Francia il tasso potrebbe essere un po' più alto, ad esempio (comunque appena) l'1%, per dire. Dunque non tutti in Francia manifestano questo aspetto, anzi... In ogni caso, la differenza è che in Francia la gente ne è semplicemente meno infastidita.

È interessante notare che alcune persone trovano un "profumo personale" piuttosto sexy! Questa differenza culturale è piuttosto antica. Enrico IV, re di Francia (1589-1610), scrisse a una delle sue amanti: "Madame, verrò a trovarvi tra 8 giorni. Non lavatevi!". (In francese: "Madame, je serai chez vous dans 8 jours, ne vous lavez plus").

Oggi, in tempi moderni, è altamente improbabile incontrare francesi con un "cattivo" odore naturale. Se vi capita, non fateci caso e, come sempre, non prendetela sul personale! Chiunque lo emetta non intende affatto offendervi, quindi perché offendersi?

3. Tutti i francesi parlano inglese, ma scelgono di non farlo.

Questo non è vero. Anche se alla maggior parte dei bambini francesi viene insegnato l'inglese a scuola, è solo come seconda lingua e non si deve dare per scontato che lo parlino. Direi che un parigino su dieci parla inglese (meno in campagna) abbastanza bene da tentare una risposta. A volte le persone che potrebbero pronunciare qualche parola in una lingua straniera non lo fanno per una certa "timidezza". Come turista, potete capirlo! Tutti hanno paura di sembrare sciocchi. Date per scontata l'innocenza e abbiate compassione. Vi sarà restituita dieci volte tanto.

Suggerimento: imparate tre o quattro buone parole o frasi francesi. Vi saranno utili.
Bonjour "Ciao" (se imparate una sola parola, questa è quella giusta, usatela ogni volta che incontrate qualcuno)
Oui "Sì
Non "No"
Au revoir o, se è troppo difficile da pronunciare, semplicemente Bye-bye.

Sentirete parlare di questo suggerimento in continuazione. Così se la potrà cavare anche chi non parla francese, ma conosce una decina di parole e non ha timore di usarle ripetutamente. In questo modo si possono passare ore e persino giorni a divertirsi con i francesi in tutta la Francia (Parigi, Sud-Ovest, Provenza, Riviera, ecc.) e a farli divertire a loro volta. La maggior parte dei francesi percepirà i vostri sforzi e, in cambio, userà le sue poche parole di inglese per rispondere, se possibile. Anche il linguaggio dei segni non ufficiale è utile (usate le mani e gli occhi per parlare!) Non abbiate paura. Se non si capisce bene qualcosa, di solito il significato è percepibile attraverso l'istinto. Questo pseudo-parlare può letteralmente durare per ore ed è incredibile.


Vacanze in Francia


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti