Parigi

Parigi.com

Domaine du Vieux Lazaret


Una storia di successo familiare che, grazie a una grande complementarietà di terroir, associata a un vero e proprio know-how dei viticoltori, produce vini di grande qualità.



Fu nel 1748 che Antoine Quiot, antenato di Jérôme Quiot, acquistò un vigneto a Châteauneuf-du-Pape e suo figlio le rovine di un castello feudale. È attorno a questo vessillo che i loro discendenti hanno sviluppato, generazione dopo generazione, le tenute vinicole di Châteauneuf-du-Pape e delle Côtes de Ventoux.

Parallelamente, André-Joseph Houchart si stabilì ad Aix-en-Provence nel 1788. Suo figlio acquistò dei terreni e fondò un'azienda vinicola che la sua famiglia ampliò, in particolare ai piedi della montagna Sainte-Victoire. Si tratta del Domaine Houchart, che si estende per 90 ettari.

Geneviève e Jérôme, eredi di queste due famiglie, si sposarono nel 1975 e unirono le loro tenute, che divennero Vignobles Jérôme Quiot. Oggi, con i figli Florence e Jean-Baptiste, Jérôme e Geneviève continuano questa tradizione familiare esemplare e qualitativa. Nel 2007, la famiglia Quiot ha acquistato lo Château du Trignon a Gigondas, un bellissimo vigneto che apparteneva alla stessa famiglia da 5 generazioni, una famiglia dopo l'altra.

Jérôme, Jean-Baptiste, Geneviève e Florence Quiot sono rimasti affascinati dalla posizione vicino alle Dentelles de Montmirail, dai terroir e dai vini di carattere prodotti in questa proprietà. In totale, 70 ettari, di cui 24 a Gigondas, 10 a Vacqueyras, 5 ettari a Côtes-du-Rhône-Village Rasteau, 11,5 ettari a Côtes-du-Rhône-Village Sablet, 15,5 ettari a Côtes-du-Rhône-Village rosso e 4 ettari a bianco.



Sono tutti rispettosi di ciò che è stato raggiunto, ma, grazie al know-how viticolo conquistato, l'intenzione è quella di adottare tutta questa terra i cui frutti completeranno gli altri vini, con la stessa preoccupazione per la tradizione, la qualità e l'adattamento. Senza dimenticare la proprietà del Domaine Duclaux, che produce Châteauneuf-du-Pape, i cui vini hanno marcati aromi di frutta matura, cuoio e liquirizia, una bella pienezza e complessità.

Il Bianco seduce con le sue note di miele, pan di zenzero e frutta esotica. Il Domaine du Vieux Lazaret produce un rinomato Châteauneuf-du-Pape, un vino grasso e corposo con complessi aromi di frutta matura, cuoio selvatico e spezie, un vino vellutato di grande persistenza. Il Bianco è raro e merita una visita per la sua grande complessità, la sua grassezza, la sua corposità e i suoi ammalianti aromi di albicocca, miele e pan di zenzero. Si abbina meravigliosamente a porcini e foie gras, poularde con tartufi, Roquefort su pane di segale.

Le viti sono piantate su un superbo terroir di ciottoli arrotolati che favoriscono la maturazione delle uve. Il Côtes du Ventoux Domaine du Vieux Lazaret si trova ai piedi del Mont Ventoux, a 30 km da Châteauneuf-du-Pape. Questo terroir di 14 ettari è un mosaico di sabbia, argilla e ghiaia che esalta perfettamente la Grenache e il Syrah (35%).

I vini sono vinificati nelle cantine di Châteauneuf-du-Pape, il che giustifica l'uso del nome. Vini generosi con aromi di frutta matura. Il Domaine Houchart produce il Côtes-de-Provence Sainte-Victoire, dal colore rubino intenso con note di frutta rossa e spezie, dai tannini densi e rotondi, un affascinante bianco con aromi di agrumi e pesca bianca, e un Rosé (medagliato al Mondial de Bruxelles) con una fine mineralità e note di fragola, ribes rosso, lampone e mandorla fresca.

Infine, la gamma Quiot, composta da vini selezionati della Valle del Rodano meridionale (Cairanne, Vinsobres, Vacqueyras, Gigondas, Côtes du Rhône...). La famiglia Quiot ha interesse a produrre anche Les Sablet, Gigondas, Rasteau, Côtes-du-Rhône e Vacqueyras di Château du Trignon. I vini sono molto fruttati e caratterizzati da una forte espressione del terroir onnipresente (terrazze alluvionali argillo-calcaree, ricche di ciottoli arrotolati a Plan de Dieu, argilla rossa e piccoli ciottoli a Rasteau, terreni più sabbiosi a Sablet e una combinazione di 3 terreni a Gigondas, mollasse, calcare, alluvioni con ciottoli rotti e safrès o arenaria), che danno vini rossi dagli aromi potenti e persistenti, con tannini marcati ma molto ben bilanciati, quasi fondenti.

Le note di frutta nera sono evidenti nel Sablet, di liquirizia e alloro nel Rasteau, di tostatura e chiodi di garofano nel Gigondas. I bianchi sono fini, delicati e seducenti con i loro aromi floreali (Sablet), le note di frutta bianca e agrumi (Côtes-du-Rhône), il miele e l'albicocca (100% Viognier). Una gamma molto complementare, pensata e riflessa in una certa etica enologica propria di Jérôme Quiot, un vero approccio ai vini di qualità-piacere.


Vino francese


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti