Parigi

Parigi.com

Champagne Philipponnat


Il presidente dell'azienda, Charles Philipponnat, è l'erede di una lunga tradizione vinicola.



Nel 1997, la Maison è entrata a far parte del gruppo Boizel Chanoine Champagne, gestito dalle famiglie fondatrici con capitale essenzialmente familiare e champagne. Una promessa di una vibrante passione per fare sempre meglio, sempre meglio, "Champagne nel cuore".

La Maison Philipponnat si trova a Mareuil-sur-Ay, il cuore storico della regione dello Champagne. Ha il vantaggio di possedere 17 ettari di vigneti situati nei cru di Ay, Mareuil, Mutigny e Avenay. Terroir eccellenti, tra cui due eccezionali, "Le Léon", ad Ay, e "Clos des Goisses", a Mareuil. Entrambi sono caratterizzati da un ripido pendio esposto a sud, garanzia di grande maturità. Nel Clos des Goisses la pendenza raggiunge il 45% e il microclima, poco ventoso, è protetto dalla cima del Gruget e dalle pareti del Clos, il che lo rende il terroir più caldo, producendo vini di grande intensità.

Gli approvvigionamenti provengono dai migliori cru vicini della Côte des Blancs, della Montagne de Reims e dell'inizio della Vallée de la Marne. In totale, 2/3 delle uve provengono da Premiers e Grands Crus, metà dei quali sono Pinot Noir, un terzo Chardonnay e il resto Pinot Meunier.

Le cuvée della Maison Philipponnat hanno uno stile particolare e deciso, sono vini di grande gusto, perfetti sia come aperitivo che come accompagnamento a cibi raffinati. In particolare, le annate vintage si abbinano meravigliosamente a carne, selvaggina o formaggi, combinando vinosità, potenza e grande finezza. Ogni anno vengono prodotti tra i 40 e i 50 vini diversi, prima di comporre le cuvée, ognuna con un proprio stile caratterizzato da un terroir più o meno gessoso e caldo; solo l'unione di annate diverse conferisce complessità ai vini.

Nel Clos des Goisses, un vigneto singolo in un unico blocco, si pratica anche l'assemblaggio tra le parcelle e tra i vitigni, poiché lo Chardonnay è presente nella parte meno ripida. Nei vini d'annata si utilizzano solo Pinot Noir e Chardonnay, che vengono poi affinati in cantine a volta per un minimo di 5 anni sui propri lieviti. Nelle cuvée non millesimate, il 20% di Pinots Meuniers, provenienti dai cru più calcarei della Valle della Marna, fornisce una morbidezza molto benefica per permettere agli altri vitigni di esprimersi al meglio. L'utilizzo di un 25% di vini di riserva apporta rotondità e complessità al vino.



Tecnicamente, si utilizzano pezzi di rovere sia per la vinificazione che per l'invecchiamento dei vini di riserva. Negli assemblaggi si è molto precisi nell'utilizzare vini senza fermentazione malolattica, preferendo non modificare mai l'acidità dei vini, sebbene sia consentito farlo.

Dal 2003, dopo che è stata revisionata completamente la cantina, vi è uno strumento che permette di avere una gestione molto più precisa della malolattica e quindi di controllare l'acidità naturale. È un approfondimento di opzioni che era stato già preso; grazie alla qualità delle uve e all'uso del legno si ottengono cuvée molto complesse, di una bella pienezza, e, grazie al controllo della malolattica, si ottiene freschezza ma anche vinosità, potenza e linearità nel senso nobile del termine.

Vengono fatte cuvée di Champagne abbastanza espressive, mature, abbastanza vinose, che non sono solo bollicine fresche, ma che assomigliano veramente a vini, abbastanza dritti, fermi, abbastanza minerali, molto equilibrati, evitando assolutamente qualsiasi ossidazione, qualsiasi pesantezza. Per ottenere questo risultato, vengono utilizzate uve molto mature provenienti da buoni terroir e viene praticata una vinificazione accurata.

Nel 2006 è uscita la Cuvée 1522, un vino di altissima qualità che è stato chiamato "1522", in omaggio alla data di insediamento del primo Philipponnat nei vigneti della Champagne.

La vendemmia 2000 viene presentata in Bianco e Rosé, una cuvée composta solo da Grands Crus, un assemblaggio piuttosto preciso con pochi elementi. Il Pinot Noir e lo Chardonnay provengono da Mesnil-sur-Oger, Cramant e Ay e, per il rosé, da Mareuil sotto forma di Pinot Noir rosso. Queste annate, in quantità limitata, sono perfette per la tavola.

L'unica novità del 2007 è stato il lancio ancora più riservato del Clos des Goisses Juste Rosé 1999. Dal colore molto chiaro, questo Champagne molto delicato è distribuito in quantità molto limitata. Cambio di annata anche per la Réserve Millésimée e il Grand Blanc con il 2000, un'annata più generosa, più completa, più piena e più rotonda rispetto al 1999, che era un'annata profumata e più facile.

Sublime Réserve 1996, la cuvée un po' più morbida, 100% Chardonnay prodotto solo dai Grands Crus della Côte des Blancs, che ha una complessità aromatica molto bella con note di pera e miele, densa e molto seducente.


Vino francese


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti