Parigi

Parigi.com

Piper-Heidsieck


Dalla fusione delle due case, nel 1988, all'interno del Gruppo Rémy Cointreau, i vini Charles Heidsieck e Piper-Heidsieck beneficiano dello stesso know-how. Il team enologico seleziona le uve, i mosti vengono vinificati varietà per varietà, annata per annata. La cantina utilizza le tecnologie più avanzate per garantire un'affidabilità ottimale. È al momento delle prime degustazioni che si prendono le decisioni: i vini chiari vengono attribuiti a Piper-Heidsieck o a Charles Heidsieck in base alle loro caratteristiche. Si tratta di un compito estremamente preciso, poiché i due stili sono quasi opposti l'uno all'altro. Anne-Charlotte Amory, presidente delle due case, sta portando una ventata di novità per imporre ciascuna di esse come merita.



Piper-Heidsieck: lo stile "Piper" gioca sulla freschezza, sulla vivacità, sul fruttato. I vini sono sorridenti, primaverili e i consumatori si dicono piacevolmente sorpresi quando non li conoscono. Questa vivacità è data dagli aromi di agrumi e pomacee. Se fossero profumi, la definizione sarebbe: floreale-fruttato-fresco. I vini hanno sia fascino che struttura, precisione, suono giusto.

Piper-Heidsieck è particolarmente attento alla qualità delle uve e alla loro varietà. La Maison collabora con quasi duecento viticoltori, distribuiti in tutta la regione della Champagne. Alcuni forniscono la Maison da diverse generazioni. L'assemblaggio della Cuvée Brut è composto da circa cinquanta annate, non ammette note false perché tutto deve convergere verso questa sensazione di semplicità e piacere. La struttura è data da Pinots Noirs della Montagne de Reims e della Côte des Bars. Gli Chardonnay della Côte des Blancs e del Sézannais apportano sfumature floreali che sviluppano una sensazione di eccezionale freschezza. I Pinot meunier della Valle della Marna e del Massiccio di Saint-Thierry conferiscono fruttuosità e freschezza.

Régis Camus, il maestro di cantina, e il suo team, non sono enologi "da laboratorio": si trovano spesso nei vigneti, attenti ed esigenti. Seguono l'evoluzione della pianta durante tutto l'anno, fino alla vendemmia. Selezionano le uve che hanno raggiunto il livello di maturazione ottimale, dalle parcelle che giudicano migliori e da un gran numero di annate diverse, per poter comporre un blend originale e ricco di sfumature.



Piper-Heidsieck vinifica i succhi separatamente, vitigno per vitigno, cru per cru. Solo così si rispetta la tipicità delle origini. I vini firmati Piper-Heidsieck sono certamente leggibili, ma la loro armonia è sottile. Dalla Cuvée Brut alle Cuvée più complesse come il Brut Divin, il Rosé Sauvage, la Cuvée Sublime o la Cuvée Rare, è possibile apprezzare le molteplici sfumature dello stile.

Charles Heidsieck: carnosi, vinosi, ampi, caldi... I vini Charles Heidsieck hanno un profilo complesso. Il numero di medaglie e riconoscimenti ottenuti da Charles Heidsieck è incalcolabile. Il team di viticoltori è stato premiato per sette volte con il trofeo "Winemaker of the Year" dalla giuria dell'International Wine Challenge di Londra. Ogni anno, i più alti riconoscimenti confermano la posizione della Maison nel mondo dei professionisti e degli intenditori.

La gamma di assemblaggi è ricca e complessa, con oltre 100 vini che riflettono tutte le sfumature dei vigneti della Champagne. L'assemblaggio viene effettuato con circa un terzo di ciascuna delle tre varietà di uve, a seconda dell'annata. La percentuale di vini di riserva è superiore a un terzo, cosa rara nella Champagne, e possono avere fino a otto anni di maturazione. Il periodo minimo di invecchiamento di quattro anni conferisce una notevole complessità aromatica. Le vecchie annate sono veri e propri tesori per gli amanti del vino. La Maison ha creato una propria enoteca, con vini eccezionali di grandi annate. Anche in questo caso, Régis Camus ha un occhio di riguardo per tutto: la supervisione del vigneto, la scelta delle uve, la pressatura e la vinificazione, annata per annata. I suoi obiettivi: riflettere la ricchezza del terroir della Champagne e perpetuare lo stile Charles Heidsieck.

La percentuale di vini di riserva può superare un terzo - cosa rara in Champagne - e alcuni hanno più di sette anni. La maturazione nelle cantine di gesso dura almeno tre anni, il doppio di quanto richiesto dalle norme della denominazione. L'espressione stessa dello stile di Charles Heidsieck si trova nel Brut Réserve, corposo, caldo e vivace. Ad esso si affiancano le Cuvées Brut millésimées, vini corposi, ricchi di volume e di potenza, con aromi di miele e liquirizia, e vini rari come le Cuvées Rosé millésimées, in cui tutta la delicatezza del rosé viene amplificata dalla maturazione. Il Blanc des Millénaires è una cuvée mitica, assemblata esclusivamente con Chardonnay, un brillante esercizio di stile e alcune annate raggiungono la dimensione di un capolavoro.

Charles Heidsieck ha raggiunto un tale livello di equilibrio e armonia da essere descritto come una rara perla dello Champagne. Si rivolge ai veri amanti dello Champagne. Per Charles Heidsieck, come per Piper-Heidsieck, si ragiona allo stesso modo: tutto è importante. Stile e qualità sono il risultato di molteplici scelte, dalla vendemmia al momento della spedizione. L'obiettivo è garantire la continuità dello stile Charles Heidsieck con grandi annate, aumentare il riconoscimento della tipicità dei vini Piper-Heidsieck e accompagnare le due Case nel loro sviluppo, attraverso la qualità.


Vino francese



Prenotazione hotel a Parigi o in qualunque altra città o località del mondo:
Booking.com


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti