Parigi

Parigi.com

Château Bélair


Lo Château Bélair è un 1er Grand Cru Classé fin dall'inizio della classificazione dei vini di Saint-Emilion, nel 1954. Nel 2006, Pascal Delbeck, il proprietario, ha venduto le quote di minoranza della società operativa a Ets. Jean-Pierre Moueix, a cui ha affidato anche la commercializzazione esclusiva.



Questo Saint-Emilion First Growth si estende su una superficie di 12,5 ettari su un terroir molto specifico composto da due unità geografiche. In primo luogo, l'altopiano calcareo (formazione terziaria), composto più precisamente da calcare asteriato (Oligocene superiore). Questo calcare fossilifero presenta tre facies più o meno dure: la prima (la più superficiale) è composta da un sottile strato di argilla ostrica; la seconda, la calcarenite, un calcare a grana fine, è utilizzata in particolare come pietra da taglio; la terza, dove si trovano le radici profonde, è la calcirudite, ricca di fossili grossolani.

Curiosità: accettando un pizzico di letteratura che strizzi l'occhio alle vacanze, parte di questi termini figura nel libro di pubblico dominio La sposa persiana di Carlo Goldoni, nella seguente frase:

"Quantunque questa Commedia, che ha per titolo la Sposa Persiana, sia stata la terza da me composta nel primo anno del nuovo impegno, voglio ch'ella occupi il primo luogo, in grazia, non dirò del suo merito, ma della sua fortuna", che potrebbe far sorridere chi gradisce la commistione di viaggi e cultura.
Maggiori dettagli e altre frasi: Frasi viaggio: anno, composta, luogo, spiaggia, colonia, rio.

Il vigneto si estende poi sul versante meridionale della collinetta di Saint-Emilion (15% di inclinazione), la cui sommità è costituita da uno strato di calcare asteriato, associato all'Argilla di Castillon (Oligocene inferiore), di natura impermeabile e composta da noduli calcarei, e alla Molassa di Fronsadais (Oligocene inferiore), una roccia calcarea tenera a tessitura da fine a grossolana. Lungo il pendio si trovano diverse formazioni terziarie e, nella parte inferiore del pendio, formazioni quaternarie di origine alluvionale talvolta ricarbonatate da colluvi.

Le vigne di Château Bélair hanno oltre 50 anni, non ci sono state gelate nel 1956 e le piante più vecchie risalgono al 1900. Il trattamento del vigneto in Ecodynamie è molto rispettoso dell'equilibrio naturale, poiché non vengono utilizzati prodotti tossici. La coltivazione delle viti è condotta nel rispetto dell'espressione del terroir. Vi è sempre stato un approccio all'agricoltura biologica: l'unica eccezione, da quando è stata abbandonata l'aratura a cavallo, è la rimozione superficiale delle erbacce sotto il filare per il pendio. Si lavora sulla biodiversità, sfruttando alcune aree fragili dell'altopiano per piantare specie diverse dalla vite, come allori, noccioli e carpini, che offrono riparo alla selvaggina e agli uccelli. Poiché la vite è una monocoltura, l'ecosistema viene così riequilibrato.



Esiste uno studio che ha rafforzato le decisioni prese in merito alla scelta dei portainnesti, dei sistemi di drenaggio, di evacuazione di alcune sorgenti o di inerbimento. Questo preciso profilo del suolo permette di capire le interazioni tra i diversi strati del terreno, e questo dà molte informazioni sullo "stress" della vite, che varia a seconda dei diversi tipi di terreno, della vegetazione e del vitigno. Grazie alla massa di calcare, vi è una regolazione dell'acqua relativamente costante, per azione capillare, con l'acqua che sale da una profondità di 6 o 7 metri in estate.

In cantina si applicano i corretti principi biodinamici, senza l'osmosi inversa o tecniche che, di fatto, livellano la vera personalità del vino.

Per la vinificazione, al fine di preservare al meglio la qualità, si applica un sistema a vite archimedea che consente un'estrazione morbida e aromatica nel cuore di nuovi piccoli tini in acciaio inox termoregolati, ciascuno dedicato a una parcella. La macerazione è lenta e la fermentazione malolattica avviene sotto vinaccia, seguita da una maturazione in botti di rovere, il cui legno viene affinato in Bélair.

La resa media è stata di circa 40 hl/ha negli ultimi trent'anni. La produzione verte su vini molto classici e di razza, molto rappresentativi dei loro terroir, in barba all'omogeneizzazione. Oggi la moda sostiene, ad esempio, l'uso di lieviti o di tecnologie avanzate che tendono a standardizzare i gusti, cioè a fare bene ma mai a fare benissimo. Questa non è la filosofia aziendale. In Bélair è sempre vivo lo spirito per amore della forma. Bélair si afferma per la sua eleganza, i suoi tannini fini, il suo frutto dominante, un grande vino di razza che si rivela ancora meglio dopo qualche anno in bottiglia.

Château de Mauves


A Podensac, lo Château de Mauves è diventato un riferimento, offrendo ai suoi numerosi clienti un notevole rapporto qualità/prezzo. Quella della famiglia Bouche, erede di una lunga tradizione vitivinicola, è una bella storia di passione e convivialità, e di desiderio di produrre vini particolarmente "fruttati".

La storia di questo vigneto inizia nel 1817 con Jean Mauve, un capitano di lungo corso, un uomo con la passione per il mare e poi per la terra che ha trasmesso ai suoi eredi. Nel 1965, la famiglia Bouche acquistò la proprietà. Bernard e Marie-Thérèse, eredi di cinque generazioni di viticoltori della regione dell'Oranais, si rivolsero naturalmente a questa cultura che li affascinava e ricordava loro il loro paese. Hanno trasmesso l'amore per la vite e per il lavoro ben fatto ai figli Dominique e Michel Bouche.

Michel e Dominique hanno ampliato il vigneto e modernizzato questa splendida tenuta di Graves di 28 ettari. Questo bellissimo terreno ghiaioso è stato modellato dal mare per migliaia di anni, il che lo rende un terroir unico, tanto che è l'unica denominazione che porta il nome del terreno: Les Graves. L'occhio viene immediatamente attratto da questo terreno composto da una grande varietà di ciottoli, tra cui ocra, quarzo bianco, rosso e rosa e quarzite, diaspro, selce e lidio, una miscela armoniosa e scintillante che riflette perfettamente i raggi del sole. Infatti, si è notato che queste ghiaie ridistribuiscono progressivamente il calore sulle uve.  Continua... Château de Mauves


Altri interessanti articoli del sito correlati:

Château de Mauves
Cave de Rasteau
Château Cantenac
Château du Grand Bos
Château Malartic-Lagravière
Château Malherbe
Château Mayne-Blanc
Château Mont-Redon


Vino francese


© Copyright Parigi.com 2010-2024 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti