Parigi

Parigi.com

Jardin des Tuileries


Il Jardin des Tuileries, il Giardino delle Tuileries di Parigi, è un'area verde di circa 25 ettari situata nell'arrondissement 1 della città, nei pressi del museo del Louvre e di Place de la Concorde.

Si tratta di un giardino pubblico dalle radici antiche, che vanno ricercate nel 1564, quando l'artista di Firenze Bernardo Carnesecchi si occupò della realizzazione di un giardino per il Palazzo delle Tuileries, su commissione della regina di Francia Caterina de' Medici, grande amante dei giardini fiorentini, presi appunto a modello per la realizzazione della nuova area verde nel cuore di Parigi. Il Palais des Tuileries, oggi non più esistente perché distrutto, venne costruito a partire dallo stesso anno.

Il Palais des Tuileries non ebbe vita facile in un periodo storico caratterizzato da violenze ed insurrezioni, e subì diversi attacchi da parte dei Parigini rivoltosi, in particolare nel 1830, nel 1848 e nel 1871, nel periodo della Comune di Parigi, quando un incendio appiccato dai Comunardi lo avvolse per ben due giorni bruciandolo del tutto; le rovine del palazzo furono rimosse nel 1883 e vendute a privati come souvenir, suscitando le proteste e le critiche di molti artisti e dotti parigini, tra cui il barone Haussmann. Non si decise di riedificare il palazzo a causa di ciò che esso aveva rappresentato per la monarchia. Durante il periodo del Secondo Impero, il palazzo subì modifiche e risistemazioni con impatti sull'arredamento e sulle decorazioni, e venne allestita un'ala di connessione con il palazzo del Louvre.

Del resto, anche il Giardino delle Tuileries che si può ammirare oggi è piuttosto diverso da quello creato originariamente, nel '500, in quanto subì delle importanti modifiche nel 1609 e nel 1664, seguite da interventi e trasformazioni di entità minore. Tra l'altro, il giardino fu aperto al pubblico, anche se con alune eccezioni, solo nel 1667, quindi dopo che era già stato soggetto a varie trasformazioni; esso vantava il primato di essere il primo giardino reale di Parigi ad essere stato aperto al pubblico.

La storia del giardino e quella del palazzo delle fornaci, traducendo alla lettera il significato della parola tuileries, sono dunque strettamente correlate. Sorto dove in precedenza vi erano le fornaci per la cottura delle tegole, il palazzo divenne una residenza di svariati sovrani francesi, quali Luigi XIV, Luigi XV, Luigi XVI e Luigi Filippo di Borbone, mentre nel 1789 vi si stabilì l'Assemblea Nazionale Costituente; il palazzo fu anche dimora imperiale di Napoleone I (Napoleone Bonaparte) e di Napoleone III (Luigi Napoleone), nel XIX secolo; quest'ultimo si dedicò molto ad arricchire il giardino con piante esotiche e nuove statue.

Il Jardin des Tuileries delle origini era considerato il più bel giardino di Parigi, ed era anche il più grande giardino della città, un'opera piena di grazia e di regalità, con una suddivisione molto particolare in aree rettangolari e vialetti, dove figuravano magnifici fiori, piante e alberi. Caterina de' Medici utilizzò il giardino come sede di una scuola di equitazione e per indire feste e celebrare occorrenze importanti, ad esempio per mostrare la massima ospitalità agli ambasciatori della regina d'Inghilterra Elisabetta I e per celebrare le nozze della figlia Marguerite de Valois con Enrico IV di Borbone.

Il Jardin des Tuileries veniva impiegato dai reali e dalla nobiltà anche per la caccia e per lo svago; Enrico IV e Luigi XIII furono tra i sovrani che lo utilizzarono massivamente. Il giardino presenta alcune zone rilevanti sotto il profilo storico, come quella del Grand Carré, la cui parte orientale costituiva la porzione privata, recintata, del Jardin des Tuileries, riservata ai sovrani Luigi Filippo e Napoleone III, arricchita di importanti statue, soprattutto del XIX secolo, e come quella del Grand Couvert, caratterizzata dalla presenza massiccia di alberi e di interessanti sculture, soprattutto del XX secolo.

Il Giardino delle Tuileries moderno dei primi del '900, prima dello scoppio della Prima Guerra Mondiale, offriva moltissime possibilità di svago, di relax e di passatempo, non solo con la sua vegetazione ed i suoi viali, ma anche con teatrini di marionette, con chioschi di ristoro per l'acquisto di bibite, con stand dove venivano venduti giocattoli, e con la presenza di acrobati che rendevano il luogo pieno di vita e di divertimento.

Quando esisteva ancora il Palais des Tuileries, vi era anche il Jardin du Carrousel, incastrato tra esso e le due ali del palazzo del Louvre. Quest'area verde, denominata anche Place du Carrousel, fu soggetta a trasformazioni nel 1995 ed è nota per la presenza dell'Arc de Triomphe du Carrousel, arco commemorativo per celebrare le vittorie militari di Napoleone Bonaparte.

Il Jardin des Tuileries si trova in una posizione geografica eccellente per i visitatori del luogo, in particolare per i turisti che dalla zona dei giardini possono agevolmente raggiungere altre importantissime attrazioni parigine. I giardini si estendono infatti dal museo del Louvre alla Place de la Concorde e, più precisamente, guardandosi intorno una volta che ci si trova nel Jardin des Tuileries, a nord si scorge la Rue de Rivoli, una delle vie più chic e commerciali della città, a sud si scorge la Senna, ad est si scorge il palazzo del Louvre e ad ovest si scorge Place de la Concorde, una delle piazze più centrali di Parigi.

L'importanza strategica del Jardin des Tuileries risiede anche nel fatto che chi si trova in zona può approfittarne per visitare tre tra i musei più interessanti di Parigi: il celeberrimo museo del Louvre, sito a est, il museo dell'Orangerie, sito a sud-est, dedicato all'Impressionismo e, sul versante opposto, la Galerie Nationale du Jeu de Paume, sita a nord-est, dedicata all'Arte contemporanea.

 Prenota hotel vicino a Jardin des Tuileries


Quest'area verde si trova in:
Arrondissement 1: Louvre, Vendôme, Les Halles



Giardini, parchi, piazze di Parigi

Link rapidi a risorse utili:


 Pass Paris Visite per 3 Zone
 Paris Museum Pass
 Paris Pass per 3 Zone
 Pacchetti e biglietti Disneyland Paris
 Carte speciali e Biglietti vari
 Hotel a Parigi



© Copyright Parigi.com 2010-2019 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Disclaimer | Cookie policy | Contatti