Parigi


Parigi.com

Métro, metropolitana di Parigi


Metro di Parigi
La Metropolitana di Parigi (Métro de Paris) ha origini lontane nel tempo, trattandosi di una delle opere la cui costruzione fu prevista in occasione dell'Esposizione Universale del 1900; la Métro è dunque una delle più antiche metropolitane del mondo e, al momento della sua realizzazione, prevedeva una Linea 1 con un collegamento tra Porte Maillot e Porte de Vincennes.



Per l'inaugurazione erano state rese operative 8 stazioni, alle quali, nel corso dei mesi successivi al grande evento, se ne aggiunsero altre 10; dopo questa integrazione, la Linea 1 fu estesa verso est, da Porte de Vincennes a Château de Vincennes. Fu l'ingegnere Fulgence Bienvenüe che si occupò della costruzione delle 18 stazioni.

Prima dell'attuale stazione della Linea 1 di Porte Maillot che conduce al parco Bois de Boulogne, vi fu un'altra stazione Porte Maillot, la prima stazione metropolitana di Parigi e capolinea presso cui, originariamente, i convogli ferroviari si muovevano in un ciclo continuo, lungo la stessa direzione di marcia; in pratica la stazione era costituita da una sala d'attesa con i binari che si estendevano lungo i suoi due lati, e due tunnel. La nuova stazione ebbe vita dopo che la vecchia fu demolita nel 1936; dove un tempo sorgeva la vecchia stazione, oggi vi è l'Espace Maillot e la nuova stazione, quindi, fu costruita in un luogo diverso.

Metro di Parigi
La Métro di Parigi contempla oggi un elevatissimo numero di stazioni e rappresenta così un efficiente sistema di trasporto che collega molto bene i vari punti della città e la periferia più vicina; con le sue 16 linee estese per ben 213 chilometri in totale, e con le sue 380 stazioni, la metropolitana parigina rappresenta un eccellente esempio di efficienza dei trasporti pubblici, gestiti a Parigi dalla RATP (Régie Autonome des Transports Parisiens).

La Metropolitana di Parigi, assieme alla Metropolitana di Londra e alla Metropolitana di Madrid, è tra le metropolitane più estese di tutta l'Europa, e diversi milioni di passeggeri la utilizzano ogni giorno per spostarsi; si tratta infatti di un mezzo molto rapido ed economico da utilizzare.

La RER, risalente al 1960, fa da complemento alla Métro, consentendo anche collegamenti extra-urbani, e dipanando così il traffico su ulteriori 587 chilometri di binari; in questo modo il sistema su rotaia costituito da Métro e RER si estende su ben 800 chilometri di percorso totale, abbastanza per far sì che tale sistema costituisca la più grande infrastruttura di trasporto su rotaia d'Europa.

Metropolitana di Parigi
La Metropolitana di Parigi, oltre ad essere comoda e veloce, con tempi medi di percorrenza tra una stazione e l'altra di 1-2 minuti, è un'opera interessante anche sotto il profilo artistico, con particolare attenzione alla lavorazione degli accessi delle stazioni in stile liberty, con l'impiego di materiali come ghisa e vetro; fu l'architetto Hector Guimard che si occupò della realizzazione di 141 ingressi, operando con maestria e riuscendo così a realizzare diversi tipi di entrate.

Davanti a questi ingressi, lavorati in maniera molto varia, con peculiarità che variano a seconda della stazione, non si può non rimanere piacevolmente colpiti da una bellezza che incuriosisce e cattura l'attenzione di chi non è abituato a tanta magnificenza in opere costruttive adibite al trasporto pubblico; a colpire, in particolare, sono i riferimenti stilistici all'Art Nouveau. Fra i più begli ingressi alla Métro realizzati da Guimard vi sono quelli relativi alla stazione Abbesses, della Linea 12, stazione presso cui, tra l'altro, fu girata parte del film Il Favoloso mondo di Amélie, quelli relativi alla stazione Châtelet, della Linea 1, e quelli relativi alla stazione Porte Dauphine, della Linea 2.

Della stessa tipologia di queste particolari entrate alla Métro con ingressi dotati di tettoia in stile Art Nouveau, facevano parte anche le entrate delle stazioni Bastille e Champs Elysées del 1900, le quali però furono distrutte nel corso del tempo. Tutte le altre stazioni della metropolitana di Parigi appartengono a due macro tipologie relativamente semplici: il tipo più comune, quello delle stazioni con entrata ad arco sormontato da due lampade rosse e con l'insegna METROPOLITAIN, a cui, ad esempio, appartiene la stazione Monceau, della Linea 2, e quello delle stazioni di base, con all'entrata un singolo lampione e la scritta METRO, a cui, ad esempio, appartiene la stazione Place d'Italie.

Gli interni di alcune stazioni sono anch'essi molto artistici e furono costruiti secondo lo stile Art Nouveau; originariamente qui la facevano da padrone carattarestici muri con piastrelle bianche, ed oggi, sebbene si siano susseguite varie ristrutturazioni nel corso del tempo e le piastrelle originali siano andate distrutte, è rimasta ancora quell'idea di coprire le pareti con piastrelle bianche e con le caratteristiche insegne con il nome della stazione di colore bianco scritto in uno sfondo blu.

Considerando dunque l'aspetto artistico di una cospicua parte della Métro, Parigi riesce a stupire con ingressi in stile Art Nouveau, ma anche sottoterra, negli atri metropolitani interni, e ciò avviene anche considerando il fatto che in alcune stazioni vi sono delle originali peculiarità, decorazioni molto particolari ed interessanti, come si può vedere, ad esempio, nella stazione Louvre-Rivoli della Linea 1, che espone delle buone riproduzioni di alcuni capolavori del museo del Louvre, sito proprio presso la stazione, nella stazione Concorde, della Linea 12, sulle cui pareti si può leggere il testo della Dichiarazione dei Diritti dell'Uomo, con una lettera in ogni piastrella quadrata bianca, nella stazione Hôtel de Ville della Linea 1, sulle cui pareti sono appese delle fotografie raccontanti le tappe più salienti della storia di Parigi in immagini, nella stazione Cluny-La Sorbonne della Linea 10, con una volta ricoperta con mosaici molto colorati di Jean Bazaine, celebre pittore dell'astrattismo francese, nella stazione Havre-Caumartin della Linea 3 e della Linea 9, dove sono presenti immagini di corse a cavallo, e nella stazione Arts et Métiers della Linea 11, che fa eco al vicino museo delle Arti e dei Mestieri.

Mettendo da parte l'aspetto artistico, e anzi considerando quello più scientifico e razionale, si può notare che, fra tutte le linee della Métro, la Linea 14 è una linea modernissima, del tutto automatizzata, senza conducente, inaugurata nel 1998, che fa della tecnologia il suo fiore all'occhiello. Non per niente la linea è anche denominata Météor, con riferimento al concetto di una linea della Métro che si sposa col concetto di meteora, ossia con un qualcosa legato strettamente al mondo scientifico e alla modernità.

La Métro è dotata di diverse aree di interscambio grazie alle quali si può cambiare linea sia continuando ad utilizzare convogli della metro, sia passando a convogli della RER; in pratica, in un'area di interscambio possono confluire diverse linee Métro e diverse linee RER; sono ben 62 le stazioni nelle quali hanno luogo interscambi con altre linee.

Il costo di un biglietto della Métro per una singola corsa ammonta a € 1,70, ma è possibile anche acquistare biglietti in blocco, in carnet, ad un prezzo scontato: un carnet da 10 biglietti costa, a tariffa piena, € 12,00, mentre, a tariffa ridotta, costa € 6,00. Possono usufruire della tariffa ridotta i bambini di età compresa dai 4 anni ai 9 anni.

Informazioni pratiche sulla Métro di Parigi:

Il servizio della Métro è attivo tutti i giorni, dalle ore 5:20 alle ore 1:20; il sabato notte la durata del servizio si estende per un'ora.

La frequenza delle corse della metropolitana è mediamente di 3-4 minuti circa, eccetto nei giorni festivi, compresa la domenica, quando le corse diventano meno frequenti, questo considerando una distanza media tra due stazioni di circa 500 metri. La Linea 14 fa eccezione a questa regola generale, esistendo per essa distanze in media di circa 1 chilometro tra una stazione e l'altra.

Nelle stazioni della metropolitana sono presenti dei tabelloni elettronici indicanti i minuti di attesa per il passaggio del convoglio successivo.

Le linee della metropolitana sono in tutto 16, di cui 14 vanno dalla Linea 1 alla Linea 14, e 2 sono la Linea 3 bis e la Linea 7 bis.

Le linee della metropolitana sono diversificate nelle stazioni con specifici colori, cosa questa molto comoda quando ci si vuole raccapezzare sulle varie piantine e mappe, in quanto gli stessi colori visibili nelle stazioni sono visibili anche nelle mappe e cartine.

Mappe gratuite della metropolitana sono fornite presso l'Ufficio del Turismo, e più semplicemente, presso i guichet, ossia gli uffici informazioni e le biglietterie.

Le stazioni di fermata delle varie linee della metropolitana sono presentate in grandi mappe agli ingressi e alle uscite di ogni stazione e presso le banchine.

Nelle stazioni vi è un meccanismo che conferisce una buona dose si sicurezza ai passeggeri, che consiste nella presenza di pannelli di vetro in prossimità del bordo delle banchine, che si aprono e si chiudono automaticamente al passaggio dei convogli; i pannelli di sicurezza rimangono chiusi quando non vi sono convogli in transito per evitare che qualcuno cada fra i binari, e si aprono al momento della fermata dei treni.

I punti di accesso alla metropolitana sono indicati da cartelli con la scritta "METRO" di colore bianco su insegne rosse, "M" di colore giallo in un doppio cerchio, o "METROPOLITAIN" scritta in modo elegante sulle entrate di alcune stazioni.

Generalmente le porte dei convogli si aprono automaticamente al momento della fermata nelle varie stazioni, ma non è sempre così: a volte occorre spingere l'apposito pulsante di apertura.

Tariffe generali per la Métro di Parigi:

Le tariffe sono legate a delle zone di validità; in pratica, il numero dei biglietti (e quindi il loro costo complessivo) e il costo delle carte speciali dipendono da quali zone si utilizzano per spostarsi con i mezzi.
Ad esempio, le zone copribili con il tesserino Paris Visite sono le seguenti:

ZONE 1-3: Parigi e prima periferia
ZONE 1-6: Da Parigi fino all'Ile-de-France, Versailles, Charles de Gaulle, Orly, Disneyland (con linea A della RER)

La zona 4 contempla l'aeroporto Orly e Versailles, mentre la zona 5 contempla l'aeroporto Charles de Gaulle (CDG) e Disneyland Paris.

- Biglietto t+:
€ 1,70 (€ 1,80 se acquistato su autobus, valido per un solo percorso e senza coincidenze).

- Carnet (10 biglietti):
€ 12 per adulti, € 6 per bambini da 4 a 9 anni, gratis per bambini con meno di 4 anni, a condizione che non occupino posti a sedere.

- Carta Paris Visite:
Tariffe, in euro, valide dal 1° Novembre 2010 per adulti (i bambini dai 4 agli 11 anni pagano la metà):

1 giorno | ZONE 1-3: 9,30 - ZONE 1-6: 19,60
2 giorni | ZONE 1-3: 15,20 - ZONE 1-6: 29,90
3 giorni | ZONE 1-3: 20,70 - ZONE 1-6: 41,90
5 giorni | ZONE 1-3: 29,90 - ZONE 1-6: 51,20

- Mobilis (biglietto giornaliero):
Tariffe in euro:

ZONE 1-2: 6,10
ZONE 1-3: 8,20
ZONE 1-4: 10,15
ZONE 1-5: 13,65
ZONE 1-6: 17,30

- Pass Navigo Découverte (ex Carta Orange):

Tariffe in euro per abbonamento settimanale:

ZONE 1-2: 18,35
ZONE 1-3: 23,85
ZONE 1-4: 29,05
ZONE 1-5: 33,40
ZONE 1-6: 37,60

Tariffe in euro per abbonamento mensile:

ZONE 1-2: 60,40
ZONE 1-3: 78,20
ZONE 1-4: 95,50
ZONE 1-5: 109,90
ZONE 1-6: 123,60

Per informazioni dettagliate sui titoli di viaggio utilizzabili a Parigi per muoversi con la Métro e con gli altri mezzi di trasporto, consulta l'apposita sezione Titoli di viaggio e tariffe.

Mappa Métro di Parigi:
Mappa Métro di Parigi

 Prenota hotel a Parigi


Promo biglietti parchi Disneyland Paris 2014:  biglietti in prevendita





© Copyright Parigi.com 2010-2014 - Vietata la riproduzione, anche parziale. Leggere il disclaimer | Contatti